BAGNOMARIA/ Su Canale 5 il film diretto e interpretato da Giorgio Panariello. Le nomination a “Peggiore attore” e “Fiaschi d’oro”

- La Redazione

“Bagnomaria” è il titolo di un film di genere commedia prodotto in Italia nel 1998, che va in onda questa sera su Canale 5. Vediamo la trama della pellicola diretta da Giorgio Panariello

Foto-Mediaset
Mediaset
Pubblicità

Attore protagonista è Giorgio Panariello che ha curato anche la regia. Altri attori da ricordare sono Ugo Pagliai, Manuela Arcuri e i comici Lillo & Greg. I personaggi presentati nel film da Giorgio Panariello sono gli stessi che il comico ha proposto nei suoi numerosi spettacoli negli anni Novanta. Il film non ha avuto il successo sperato e le recensioni della critica cinematografica sono state abbastanza deludenti. Nel 1999, per l’interpretazioni dei quattro protagonisti del film, Giorgio Panariello ebbe la nomination nella categoria “Peggiore attore” relativamente all’assegnazione dei “Fiaschi d’oro”.

Bagnomaria è il titolo di un film di genere commedia prodotto in Italia nel 1998, che va in onda questa sera su Canale 5. La proiezione della pellicola dura un’ora e trenta minuti. Ecco la trama. La storia si svolge nel comune toscano di Pietrasanta, considerato da sempre il cuore della Versilia. L’estate volge al termine e a Pietrasanta, come ogni anno, si stanno organizzando i festeggiamenti di fine estate. C’è nell’aria tanta allegria ma anche un velo di malinconia al pensiero che la bella stagione è ormai agli sgoccioli. In questo clima festaiolo, si incrociano le vicende di quattro simpatici personaggi, Merigo, Pierre, Simone e Mario (tutti interpretati da Giorgio Panariello). Merigo è un quarantenne cordiale e sprovveduto, amante del buon vino. Merigo ha una grande passione: andare in giro in bicicletta. E’ benvoluto da tutti ma, per la sua ingenuità disarmante, viene spesso preso in giro dagli amici.

Pubblicità

Gli scherzi si susseguono e Merigo è continuamente vittima di situazioni imbarazzanti. Ritornando da un podere dove Merigo, a detta degli amici, avrebbe dovuto ritirare un centinaio di bottiglie di vino, si accorge che qualcuno gli ha rubato la bicicletta e, questa volta, non è uno scherzo. Quando il meccanico del paese vince, alla lotteria organizzata per la festa, una bicicletta nuova fiammante, decide ben volentieri di regalarla al buon Merigo. Pierre è un ragazzone viziato, ama ballare in discoteca e non ha mai avuto voglia di lavorare. Per darsi un contegno, si dedica a tempo perso alle pubbliche relazioni. Suo padre, il sindaco del paese, non approva lo stile di vita del figlio e i due litigano spesso. Per riabilitarsi agli occhi del genitore, Pierre e i suoi compari di discoteca, danno una mano al sindaco per la buona riuscita della festa. Soddisfare gli elettori è l’obiettivo principale del sindaco che ovviamente agisce per un suo tornaconto personale.

Pubblicità

Simone, il personaggio più giovane, è un bambino esuberante e indisponente che è riuscito di nuovo a scappare dalla colonia, sfuggendo al controllo delle suore. Specialista nel dare fastidio, Simone va in giro dove gli pare, scorazzando da solo per le vie di Pietrasanta, disturbando tutti quelli che incontra sul suo percorso. Si ferma ad un banchetto che vende profumatissimi e deliziosi bomboloni. Simone resta colpito dalla bellezza della giovane venditrice, se ne innamora e le sta dietro tutto il giorno. Mario è lo scontroso e introverso bagnino dello stabilimento balneare Bagnomaria, gestito dall’austera signora Bice (Gianna Giachetti). Lo stabilimento deve fare i conti con l’attiguo Bagno 2000, una struttura all’avanguardia controllata dal bagnino Boris, un russo alto e muscoloso per il quale Mario non ha mai provato simpatia.

Tra i due bagnini è subito rivalità e competizione. Per risollevare le sorti dell’ormai vecchio stabilimento Bagnomaria ci vorrebbe un capitale di cui la signora Bice non dispone e la soluzione più ovvia è quella di vendere l’impianto balneare. Mario ha in mente una scappatoia per evitare la vendita e ne parla con la signora Bice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori