BATES MOTEL 3/ Anticipazioni puntata 25 agosto 2015: Norman parla a sua madre di Caleb

- La Redazione

Bates Motel 3, anticipazioni puntata 25 agosto 2015: mentre Norma rimane coinvolta in un incidente e deve decidere cosa fare della chiave USB, la malattia di Norman sembra aggravarsi

bates-motel
Bates Motel

La terza stagione di Bates Motel torna in onda anche stasera, martedì 25 agosto 2015, sempre in seconda serata Rai 2: verranno infatti trasmessi il quinto e il sesto episodio, dal titolo The Deal e Norma e Louise. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo rimasti la settimana scorsa: Norma (Vera Farmiga) arriva in obitorio per identificare il corpo di una ragazza che si presume sia Annika Johnson (Tracy Spiridakos) e anche se inizialmente le sembra di riconoscerla, quando lo sceriffo Romeo (Nestor Carbonell) la scopre il volto capisce di essersi sbagliata. Norma fa quindi ritorno a casa dove la aspetta Norman che viene incitato dalla madre a lasciar perdere la vicenda poiché il cadavere non è quello di Annika. Più tardi lo sceriffo Romeo si incontra con Bob Paris (Kevin Rahm) a cui chiede se fra le invitati della sua festa risulti qualche scomparso, ma l’uomo gli intima di lasciare perdere le indagini che riguardano il suo club. Romeo decide quindi di andare da Norman e, dopo aver convinto Norma a lasciarlo parlare col figlio, riesce a fargli qualche domanda sulla scomparsa della ragazza.

Una volta soli, Norma si arrabbia con Norman per il suo comportamento ottenendo che il figlio si adiri con lei sospettando che lo creda colpevole. Il giorno dopo, al motel, Emma (Olivia Cooke) riceve una consegna speciale per Dylan (Max Thieriot) di un carico di marijuana e decide di portarle alla serra dove si troverebbe il ragazzo. Giunta sul posto Dylan le presenta lo zio ma l’incontro è teso e le chiede di tacere sia a Norman che a Norma della presenza di Caleb (Kenny Johnson) in città. Nel frattempo, alluscita del college, Norma incontra nuovamente il professore di psicologia con cui ha avuto uno scontro verbale il giorno prima. Luomo si mostra empatico nei confronti di Norma e le offre di iniziare un percorso terapeutico. Intanto lo sceriffo ha scoperto che il cadavere ritrovato è di Lindsey Davis, una escort di lusso, mentre Emma, vedendo Norman pensieroso, ottiene da lui qualche confidenza sul rapporto che ha con la madre. Capisce che Norma è eccessivamente oppressiva nei suoi confronti e che lo sta pian piano convincendo di essere malvagio.

Quando Norma rientra il figlio sfoga su di lei la sua ira rinchiudendosi poi in bagno e, ancora tremante, comincia ad avere le sue solite allucinazioni in cui la madre gli suggerisce di immergersi nella vasca da bagno per rievocare quanto successo con Annika. Mentre Norman è svenuto, sommerso dall’acqua, Norma sfonda la porta del bagno e lo adagia sul letto ma, inquietata dalla domanda del figlio che le chiede se realmente sia stato lui ad uccidere Annika, si precipita in ufficio dove si lascia andare ad una crisi di pianto che viene interrotta dall’arrivo di una macchina. Annika, ancora viva, procede verso di lei confusa per poi cadere fra le braccia di Norma e morire dopo averle consegnato una chiavetta usb contenente delle informazioni importanti. Il mattino seguente Norman si è completamente ripreso ed è stranamente cambiato: chiede infatti alla madre se il loro rapporto è dovuto alla presenza di Dylan in casa ma la donna nega fermamente. Norma cerca di accedere ai file della chiavetta ma viene bloccata dalla password che non riesce a bypassare mentre Romero viene messo a conoscenza di interessanti novità sul collegamento fra Annika e Lindsey decidendo quindi di incontrare nuovamente Bob Paris, che a sua volta gli chiede se la ragazza avesse con sé qualcosa prima di morire.

Dopo aver scoperto lo sceriffo a frugare fra gli oggetti di Annika lasciati al motel, Norma ha uno scontro con Norman che dimostra un crescente interesse amoroso verso Emma, ma la madre crede che stia attuando una strana vendetta e gli chiede di non avere rapporti intimi con la ragazza poiché malata. Nel frattempo, Caleb sta cercando in qualsiasi modo di aiutare il figlio Dylan, che si dimostra però ostile, e mentre sta lavorando perde l’equilibrio e cade tagliandosi una mano. Nonostante le proposte di Dylan, Caleb rifiuta di andare in ospedale poiché ricercato e mentre il figlio lo medica gli confida di quanto il rapporto con la sorella Norma fosse sempre stato morboso e sbagliato. Tornato al motel, Dylan sorprende Bob Paris mentre sta frugando fra le carte della madre e spaventato dallavvertimento delluomo che tornerà per entrare nella casa, riesce a convincere Norma a consegnargli la chiavetta che nasconderà nella serra. Norma gli confida che non si fida più di Norman, ma il figlio la sta ascoltando e poco prima che Dylan esca di casa cerca di fermarlo chiedendogli spiegazioni. Arrivato alla serra Dylan nasconde la chiavetta poco prima che arrivi il padre e che il fratellastro li scopra. Norman decide di correre a casa della madre e a nulla servono le richieste di Dylan che gli chiede di desistere perché è convinto che la madre, una volta saputo della presenza di Caleb, deciderà di interrompere i rapporti con Dylan di cui è fortemente geloso.

Negli episodi della terza stagione di Bates Motel in onda stasera, martedì 25 agosto 2015, Norma finirà in ospedale a causa di un incidente. La donna, infatti, sarà distratta da una telefonata in cui un uomo le intima di consegnare la chiave USB a Bob Paris: alla fine, grazie anche allaiuto di Romero, verrà svelato il contenuto della pen drive e la stessa Norma prenderà una decisione in merito. Norman correrà dalla madre a raccontarle di aver visto Caleb, che si infurierà con Dylan per averle nascosto la sua presenza. Tuttavia quando il fratellastro gli chiederà di aiutarlo in qualche modo, Norman si mostrerà comprensivo nei suoi confronti. Nel frattempo si fa sempre più forte la gravità della malattia di Norman che si identifica sempre di più con la madre, mentre Emma scopre di avere un qualche interesse per Dylan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori