Hiroshima – Il giorno che cambiò l’umanità/ Su Rete 4 Del Debbio ricorda i 70 anni dalla bomba atomica (oggi, 6 agosto 2015)

- La Redazione

Hiroshima – Il giorno che cambiò l’umanità, anticipazioni 6 agosto 2015: Paolo Del Debbio ci guida alla scoperta degli eventi che portarano allo sgancio della prima bomba atomica

quintacolonna_DelDebbioR439
Quinta Colonna

Oggi, giovedì 6 agosto 2015, Rete 4 trasmetterà in seconda serata “Hiroshima – Il giorno che cambiò lumanità”, un documentario per ricordare i settant’anni dalla bomba atomica sganciata su Hiroshima, in Giappone. Il resoconto, fatto di documenti inediti ed esclusivi, sarà presentato da Paolo Del Debbio. In 90 minuti, “Hiroshima – Il giorno che cambiò lumanità” inquadrerà storicamente gli eventi che portarono al giorno che cambiò per sempre la storia dell’umanità, analizzando le conseguenze politiche e sociali di quella esplosione in Giappone e nel resto del mondo. Nel documentario verranno raccontante non solo le circostanze per le quali la bomba ha provocato la morte di oltre 100.000 persone, ma anche di come si sia trattato del capitolo finale della Seconda Guerra Mondiale e l’inizio dell’era nucleare.

Per farlo si passerà attraverso unaccurata rivisitazione degli eventi prima, durante e dopo il lancio dellatomica, dando contro dei momenti salienti del 20 secolo: tra questi ritroveremo le situation room dei leader più potenti del mondo, sia giapponesi sia Alleati e gli interni degli aerei inviati in missione su Hiroshima, anche dopo l’attacco. Grazie a un ricco archivio, tecniche di ripresa all’avanguardia, fonti sorprendenti e toccanti testimonianze dei sopravvissuti, “Hiroshima – Il giorno che cambiò lumanità” ci farà rivire quei momenti devastanti. Nel documentario vedremo anche elementi tratti da registri riservati, materiale militare e sequenze mai viste dagli NHK Peace Archives, per approfondire il percorso diplomatico che portò alla devastante esplosione della bomba atomica senza tralasciare il punto di vista giapponese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori