BATTLE CREEK/ Anticipazioni puntata 7 agosto 2015: indagini su un killer che ha provato a uccidere il sindaco

- La Redazione

Battle Creek, anticipazioni puntata 7 agosto 2015: Russ e Milton indagano su un serial killer che ha provato a uccidere il sindaco durante un’inaugurazione, ma non tutto è come sembra

Battle_Creek_fb_r439
Battle Creek

Anche stasera, venerdì 7 agosto 2015, Fox Crime manderà in onda una nuova puntata di Battle Creek: si tratta della sesta, dal titolo Un killer scrupoloso. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: in un locale si sta celebrando l’addio al celibato del detective Aaron Funkenhauser (Esward Fordham Jr.), ormai arrivato al suo epilogo. Proprio mentre Russ si sta esibendo nell’ultimo numero previsto, un’audace e maldestra lap dance, arriva una chiamata d’urgenza del tutto imprevista. E’ infatti stata inoltrata dalla casa del comandante Guziewicz (Janet McTeer), andata praticamente in fumo. Quando arriva sul posto, la squadra trova la donna stesa sul lettino di una ambulanza insieme al suo cane Jasper. Russ decide di ispezionare la casa e ben presto viene fuori una sconcertante realtà: si tratterebbe infatti di un attentato, poiché una finestra viene ritrovata aperta e sul suolo sono presenti dei cocci di vetro che farebbero pensare ad una rudimentale molotov. Chi ha compiuto l’atto, aveva quindi l’intenzione di uccidere il comandante.

Il giorno successivo, a mente fredda, la squadra capitanata da Russ inizia a riflettere su una particolare circostanza: perché Jasper non ha abbaiato? Questo dato di fatto fa quindi orientare l’indagine sulla cerchia dei conoscenti di Guziewicz, dal quale viene inizialmente escluso il figlio Danny Brakish, un piccolo delinquente adottato dalla donna dopo la morte dei genitori, il quale si troverebbe a Fort Lauderdale. Lo stesso comandante affida a Russ la lista delle diciassette persone con cui ha avuto relazioni amorose nel corso degli ultimi tre anni, ovvero da quando nella casa è entrato Jasper. Nelle successive indagini, Russ sorprendentemente chiede la collaborazione di Milton e ben presto i due iniziano a sospettare di due persone. La prima, Rossi, è un piromane che è stato assicurato alla giustizia dal comandante ed è appena uscito di galera. La seconda è uno degli ex partner di Guziewicz, che possiede una impresa di ristrutturazioni edili. Ben presto, però, entrambi vengono esclusi dal novero degli indagati: Rossi, infatti, dopo aver cercato di eliminare il cugino che aveva testimoniato contro di lui risulta estraneo in quanto impegnato in altri attentati, mentre Joe viene scartato in quanto all’atto pratico impegnato a rimettere a posto le case che sospetta essere state prese di mira da un nipote.

L’uomo, infatti, non solo non avrebbe appiccato fuoco ai tre appartamenti in questione, ma addirittura avrebbe svolto i lavori sotto costo per cercare di riparare a quelli che pensa essere incendi appiccati dal suo parente. I sospetti convergono perciò su Danny, anche perché ben presto risulta essere presente a Battle Creek e non a Fort Lauderdale, dopo aver scontato l’ennesima condanna della sua carriera di piccolo criminale. Il motivo del suo odio per la madre adottiva sarebbe in particolare il fatto di essersi sentito abbandonato dalla stessa, un atto che Guziewicz ritiene assolutamente giustificato da una crescita distorta del ragazzo. Quando Danny viene arrestato, è proprio Russ a condurre l’interrogatorio, nel corso del quale il ragazzo dimostra ancora una volta una aggressività fuori dall’ordinario. Alla fine riesce comunque a farsi dire da Danny dove si trovava la sera dell’attentato, ovvero in un posto ove viene spacciata droga, probabilmente con il suo concorso. Dopo la confessione di Danny, Russ e Milton si trovano quindi ad un punto morto, che li costringe a chiedersi cosa abbiano sbagliato nelle indagini sino a quel momento.

Alla fine, è proprio Russ a capire che l’errore sta proprio nell’aver considerato una molotov l’oggetto che ha appiccato l’incendio in casa del comandante. Infatti i resti di vetro rinvenuti, non erano quelli di un rudimentale ordigno, bensì di due candele che erano state lasciate nell’abitazione da un ex partner di Guziewicz, un atto romantico teso a riallacciare i rapporti e invece sfociato in un incendio fortuito che l’uomo non aveva osato confessare. Alla vicenda principale, nel corso della narrazione se ne è affiancata una di carattere privato, scaturita dall’arrivo di un mazzo di fiori sul tavolo dell’investigatore Holly Dale (Aubrey Dollar), la donna che Russ ama senza osare rivelarsi. Roso evidentemente dalla gelosia, Agnew chiede al collega Jacocks (Liza Lapira) di fare una ricerca per cercare di capire chi sia stato ad inviare i fiori, sospettando che sia stato lui la sera precedente, sotto l’influsso dell’abbondante alcool bevuto. Le indagini non portano però a nulla, sino a quando proprio Holly non rivela che l’autore del gesto è un ragazzo che lavora nella caffetTeria ove ogni mattina gli investigatori si recano a fare colazione. La puntata si chiude proprio mentre Holly e il ragazzo si recano a cena, con la donna che lancia un’ultima occhiata in direzione di Russ, per cercare di captarne la reazione.

Nellepisodio di Battle Creek in onda stasera, dal titolo Un killer scrupoloso, il sindaco della città sta per iniziare un discorso inaugurale quando si trova nella scia di molti colpi di proiettile. Uno di questi prende anche un uomo vestito da mascotte che si trovava proprio di fronte al primo cittadino. Russ e Milton iniziando ad indagare e capiscono che i proiettili sono stati sparati a distanza, con un ordine via cellulare: le indagini non saranno per nulla semplici. Milt, sfruttando la tecnologia che conosce, riesce a triangolare la posizione e i due scoprono che larea è, fortunatamente, sorvegliata da telecamere. Intanto, però, il sindaco viene rapito dal suo letto dospedale: quando i due detective lo ritrovano, capiscono che forse sarebbe utile seguire unaltra pista per risolvere il caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori