UNIVERSAL SOLDIER REGENERATION, Rete 4/ Film con Van Damme, combattimento tra Deveraux e Scott

- La Redazione

Rete 4 stasera propone il film Universal Soldier – Regeneration. Vediamo la trama di questa pellicola diretta da Roland Emmerich, con protagonisti Jean-Claude Van Damme e Dolph Lundgren

Foto-Mediaset
Mediaset

Adrenalina e combattimenti all’ultimo sangue saranno ospitati questa sera da Rete 4 che manda in onda, in prime time, il terzo capitolo della saga Universal Soldier con Jean Claude Van Damme. L’attore torna a vestire i panni di Luc Deveraux e in uno dei momenti clou del film, sembra l’unico che li vedrà uno contro l’altro o comunque interagire un pò, si ritroverà contro Scott interpretato dal mitico Dolph Lundgren. Una lotta hardcore terrà gli amanti del genere con il fiato sospeso fino alla fine del combattimento che durerà una manciata di minuti ma tanto basterà per rendere il film una vera e propria chicca del settore. Ecco qui di seguito il video del momento, chi vincerà secondo voi? Clicca qui per vedere il video

La proposta di Rete 4 per questa prima serata di sabato 8 Agosto è rappresentata dalladrenalinico Universal Soldier – Regeneration, pellicola statunitense datata 2009, della durata complessiva di 97 minuti. Si tratta del terzo capitolo della fortunata saga, inaugurata nel 1992 col film “I nuovi eroi” di Roland Emmerich, e proseguita con “Universal Soldier – The Return” del 1999 di John Hyams. A dieci anni di distanza dal precedente film è sempre Hyams a firmare questo terzo capitolo, regalando agli appassionati della serie il consueto mix di azione e fantascienza; così come sono sempre Jean-Claude Van Damme e Dolph Lundgren a indossare i panni di protagonisti principali della pellicola.

Vediamo la trama. Gli UniSol (soldati universali) sono un gruppo di soldati speciali inizialmente creati in gran segreto dal governo americano. Attraverso un avveniristica tecnica di rigenerazione dei tessuti morti, i più valorosi tra i combattenti deceduti durante la guerra in Vietnam sono stati, per così dire, clonati e riportati in vita per costituire una potentissima unità militare antiterrorismo. I cloni ovviamente non serbano (o almeno non dovrebbero) alcun ricordo della loro vita precedente, caratteristica che li rende devastanti e invulnerabili macchine da guerra. Il progetto tuttavia ormai da parecchio tempo è sfuggito al controllo dellintelligence americana e gli Universal Soldiers operano nel panorama bellico mondiale in veste di mercenari al servizio del miglior offerente. La missione che Luc Deveraux (Jean-Claude Van Damme) e i suoi compagni dovranno affrontare in questo terzo episodio delle loro avventure, si svolge interamente in una delle regioni più turbolenti dellantico impero URSS.

Un gruppo di rivoltosi armati, che rivendica la liberazione dei loro compagni precedentemente arrestati e laffrancamento dall’influenza russa, che continua a persistere anche dopo il crollo dell’impero sovietico, ha sequestrato i due figli del primo ministro russo Musayev (Stanislav Pishtalov). Come se non bastasse i terroristi, armati fino ai denti di un pericolosissimo esplosivo di ultima generazione, minacciano adesso di far esplodere la tristemente famosa centrale nucleare di Chernobyl, se il governo russo si rifiuterà di accogliere incondizionatamente tutte le loro richieste. Di fronte a una minaccia di simile portata, che rischia di mettere a repentaglio la sopravvivenza dellintero pianeta creando un disastro nucleare di portata mai vista prima, viene creata ununità di crisi internazionale, pronta ad intervenire drasticamente. 

Il contributo americano a tale task force è rappresentato proprio dall’invio sul campo di Devereaux e dei suoi tre compagni mercenari. Tuttavia ciò che gli universal soldiers ignorano è che i terroristi dispongono di un’arma omologa da poter schierare sul campo: il sergente Andrew Scott (Dolph Lundgren), antico rivale di Devereaux. Scott originariamente facente parte anche lui del progetto Universal Soldier, è stato allontanato dall’unità proprio in virtù della sua natura mentalmente disturbata; ma adesso che è al servizio dei terroristi sovietici, non vede l’ora di poter dare nuovamente libero sfogo a tutta la sua follia, scontrandosi con l’odiato nemico di sempre. Sarà la resa dei conti finale?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori