Non uccidere/ Replica e riassunto prima puntata dell’11 Settembre: in onda questa sera su Rai4

- La Redazione

Non uccidere, video replica e riassunto prima puntata dell’11 Settembre: ecco come vedere o rivedere in video streaming la fiction di Rai tre con Miriam Leoni e Monica Guerritore.

monica_guerritore
non uccidere
Pubblicità

Alle 21.40 su Rai4 andrà in onda la replica della prima puntata della nuova fiction di Raitre Non uccidere interpretata da una magistrale Miriam Leone che, per la prima volta, recita senza un filo di trucco, completamente al naturale. A ricordare lappuntamento è la pagina ufficiale dellex Miss Italia con un post pubblicato su Facebook: Una foto dal backstage del primo episodio di Non Uccidere con il padre di Sara, Gianmarco Tognazzi, per ricordarvi della replica in onda questa sera su Rai4 alle 21:10. Cliccate qui per vedere il post.

Durante una trasmissione in diretta tv, Giancarlo Damiano approfitta dello spazio concessogli dal conduttore Lamberti per fare un appello ai rapitori di sua figlia Sara, campionessa di tuffi. Proprio mentre il padre sta leggendo il comunicato, Lamberti lo ferma per dirgli che il corpo di Sara è appena stato ritrovato in uno scantinato allagato. Lispettore Valeria Ferro viene chiamata a condurre le indagini assieme al suo vice Andrea Russo.

Pubblicità

Durante un sopralluogo nel luogo del delitto un giornalista sconosciuto riesce ad infiltrarsi e a scattare qualche foto. Valeria dà lordine di rintracciare il fotografo e anche di svuotare la cantina dellacqua per analizzare meglio le prove. Grazie alla caduta di un albero avvenuta giorni prima, Valeria capisce che il corpo è stato spostato successivamente e che si è trattata di una messinscena. Ciò le fa intuire che lassassino conoscesse bene Sara e lispettore indirizza quindi le indagini verso amici e familiari della vittima. Parlando con una cugina di Sara intuisce che la ragazza ha qualche freno a parlare di fronte alla madre e incarica Russo di convocarla senza che il genitore venga messo a conoscenza. Durante linterrogatorio Cristina riferisce un episodio di qualche mese prima in cui sua madre Anna era stata licenziata e che per vendetta lei e la cugina avevano deciso di rubare nel supermercato di proprietà di Castelli. Le ragazze erano state fermate dal titolare che in un secondo momento aveva richiesto di stare da solo con Sara. Uscita da quellincontro, riferisce Cristina, Sara era strana ma non voleva parlare di ciò che era successo. Sospettando una violenza sessuale Valeria decide di interrogare luomo scoprendo che aveva una relazione consenziente con la vittima. Nel frattempo il fratellino di Sara piange la sua scomparsa e trova conforto nellamicizia della compagna di classe Claudia. I due bambini passano molto tempo insieme e Claudia gli confessa di aver ricevuto delle molestie dal farmacista Battistelli. Per conquistarla Paolo si confida con lei dicendole di aver visto la sorella salire nella macchina del farmacista il giorno della scomparsa. 

Pubblicità

Valeria cerca di interrogare Giancarlo Damiano che qualche collega sospetta essere il vero autore dellomicidio ma lispettore è convinto che sia innocente. Dopo qualche giorno di silenzio riesce finalmente a parlargli e scopre che padre e figlia avevano solo litigato qualche mese prima perché laveva scoperta a letto con il suo ragazzo. Paolo e Claudia si fanno intervistare dalla televisione e per loccasione la bambina sfoggia un rossetto viola regalatole dallamico. Dopo aver scoperto che la segnalazione di Paolo è in realtà una menzogna, Valeria viene condotta ad una pista proprio in base a quel rossetto. A quel punto Valeria interroga nuovamente Castelli e lo convince a portarla nel luogo in cui si incontrava segretamente con Sara. Dalla dinamica dei loro incontri Valeria capisce che quel giorno Sara e Castelli erano stati osservati da qualcuno provenire dal bosco. Seguendo la pista lispettore e il vice Russo risalgono al luogo del delitto dove ritrovano sia tracce di dna sia un unghia che Sara aveva perso prima della morte. Sottoponendo Giancarlo Damiano alle analisi, Valeria ha la certezza che lassassino sia lo zio di Sara. Luomo racconta di aver chiesto alla nipote di interrompere i suoi incontri clandestini ma che in cambio del suo silenzio Sara gli aveva fatto delle avance sessuali. Non convinta di questa versione e intenzionata a dare la verità alla famiglia di Sara, Valeria risale al negozio in cui Giacomo aveva comprato il rossetto dimostrando così che in realtà la nipote era morta per non aver ceduto alle pressioni morbose dello zio. 
Finite le indagini Valeria fa una visita a casa di suo fratello Giacomo scoprendo dalla cognata che è andato ad incontrare la madre in carcere. Giacomo comunica alla madre che il ricorso è stato accolto e che presto verrà rilasciata. 

Proprio sul finale viene messo un interrogativo sulla vita privata di Valeria. Quando la madre ritorna in cella dopo l’incontro con il figlio, sulla parete della sua stanza si vedono delle foto dell’intera famiglia con un bambino sui dieci anni. Valeria nella foto è molto più giovane. Rimane anche il dubbio di quale sia l’accusa con cui la madre è stata incarcerata e che collegamento ci sia con la foto nella cella. 

: I commenti degli spettatori su instagram sono entusiasti fin dai primi minuti della fitcion. Non solo per la protagonista Miriam Leone che, a dire del pubblico, continua a dimostrare la sua bravura di attrice, ma anche per la fotografia e le musiche scelte per questo primo episodio. Il pubblico ha seguito con il fiato sospeso la prima parte di quest’episodio grazie anche alle tecniche della regia. C’è da dire che all’inizio Gianmarco Tognazzi riporta in maniera identica l’appello di un padre di un noto caso delle cronache italiane. Sicuramente il regista ha voluto comunicare in maniera precisa il rimando a questo episodio di cui si è parlato per svariato tempo in Italia. Purtroppo la scelta è stata, a mio parere, un po’ infelice perché alcuni elementi della trama potevano fare intuire sufficientemente la sua intenzione. Ottima la fotografia e l’interpretazione degli attori, soprattutto di Miriam Leone che dimostra di avere carattere e capacità cinematografiche e di Gianmarco Tognazzi che ha dimostrato di essere ancora una volta un vero figlio d’arte.

E’ possibile vedere o rivedere la prima puntata della nuova fiction di Rai tre, Non uccidere, che vede come protagoniste Miriam Leoni e Monica Guerritore, grazie al servizio streaming disponibile sul sito Rai.tv. Clicca qui per il video.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori