GIORGIO ALIPRANDI/ Chi è lo studioso ospite a Che fuori tempo che fa (oggi, 26 settembre 2015)

- La Redazione

Chi è lo studioso italiano Giorgio Aliprandi, ospite oggi – sabato 26 settembre 2015 – a Che fuori tempo che fa. Vediamo in breve di chi si tratta e la sua carriera

fabio_fazio
Fabio Fazio

Tra gli ospiti della puntata di oggi sabato 26 settembre 2015 del programma Che fuori tempo che fa condotto da Fabio Fazio su Rai 3 cè lo studioso Giorgio Aliprandi.

Giorgio Aliprandi, nato nel 1933, di origine milanese, è uno studioso della cartografia alpina. Le sue pubblicazioni in questo campo sono numerose; è del 1974 il famoso volume “Le Grandi Alpi nella cartografia dei secoli passati 1482-1865”. Mentre nel 1984 ha partecipato all’esposizione “Images de la montagne” alla Biblioteca Nazionale di Parigi, esponendo il testo “Le relief des Alpes sur la carte de Madama Reale”.  Più recentemente, nel 2000, grazie all’invito del comune di Chamonix, ha organizzato una splendida mostra sulla cartografia del Monte Bianco.

Tra le ultime pubblicazioni meritano di essere citati i due volumi de “Le Grandi Alpi nella cartografia 1482-1885”, risalenti al 2005 e al 2007, e “Il Grande Monte Rosa e le sue genti”, del 2010. Giorgio Aliprandi è un personaggio molto illustre all’interno di questo campo.  Ha sempre amato la montagna, la sua più grande passione, ed è riuscito a esprimere questo suo grande amore agli altri, non solo tramite la pubblicazioni dei suoi scritti, ma anche grazie ad una viva frequentazione della Val D’Ayas e del Monte Rosa e grazie al suo impegno sociale e culturale avvenuto con lo studio della cartografia alpina e in modo particolare delle Alpi.

Le sue opere infatti sono volumi fondamentali per la conoscenza  dell’antica cartografia di montagna e per gli appassionati del settore. I testi sono ricchi di antiche tavole cartografiche, e vengono sempre esaminate minuziosamente tramite commenti, spiegazioni e analisi accurate. Giorgio Aliprandi può essere considerato uno dei più grandi studiosi di cartografia storica alpina in Italia. Lo studio e l’analisi del territorio è stato possibile grazie a verifiche territoriali sul campo e per mezzo di una attenta osservazione dell’ambiente alpino. Il metodo di indagine e di scoperta si basa da sempre su fonti verificate e provate.

Lo studioso Giorgio Aliprandi sarà ospite a “Che fuori che tempo che fa”, il programma di Fabio Fazio di Rai Tre. Tema principale della discussione sarà infatti la questione di attualità che riguarda il confine conteso del Monte Bianco, tra Italia e Francia. Non è infatti certo su quale sia il preciso confine nella cresta delle Alpi tra Italia e Francia che dovrebbe dividere in due il Monte Bianco. La polemica è nata recentemente, in vista della costruzione della nuova funivia sulla vetta, ma la storia è ben più antica, risalente al 1796. In questa data venne stabilito che il Monte Bianco sarebbe appartenuto per circa cento metri alla Francia. L’Italia non si contrappose, ma nel settore della cartografia non venne mai riconosciuto questo confine.

Proprio Giorgio Aliprandi afferma che ormai è una questione culturale anziché politica, poichè la cima più alta d’Europa è ormai considerata  uno spazio sconfinato e non appartenente di preciso a nessuno. Lo studioso aggiunge che il vecchio confine faceva riferimento alla “crête militaire”, ossia a bastioni e costruzioni militari, usate nel passato per potersi difendere da invasioni nemiche. L’amore per la montagna ha portato questo studioso a dedicare la sua intera vita alla ricerca e alla continua conoscenza delle Alpi. Passione che continua a crescere nonostante a volte si debbano fare i conti con bufere politiche spiacevoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori