GENERATION WAR/ Anticipazioni e diretta streaming seconda puntata 5 settembre 2015: Greta riuscirà a salvare Viktor? Gli ascolti tv e i commenti

- La Redazione

Generation War, anticipazioni della seconda puntata del 5 settembre 2015: la missione di Greta. Su Rai 3 l’ultimo appuntamento con la miniserie Tedesca di Philipp Kadelbach

logorai_R115
Il film in onda su Rai 3

La seconda parte di Generation War arriva stasera, in prima serata, per un altro incontro con i fans che ieri, numerosi, hanno seguito la prima puntata. I commenti non sono mancati e alcuni sono rimasti molto colpiti dalla puntata. E’ un film molto crudo, soprattutto perché offre un punto di vista del tutto nuovo grazie alla presenza dei quattro ragazzi tedeschi la cui storia si intreccia con quella del ragazzo ebreo. E’ una storia che parla anche di amicizia e di legami che vanno oltre ogni guerra o odio di razza. Inoltre offre un quadro dettagliato dei profondi cambiamenti psicologici che ogni persona vissuta in quel periodo ha dovuto affrontare a causa delle atrocità di cui era inevitabilmente spettatore o vittima.

Una nuova puntata di Generation War ci attende e solo stasera vedremo i cinque ragazzi fare definitivamente conto con gli orrori della guerra e anche con qualche senso di colpa per aver compiuto azioni non proprio pulite. Rimane il dubbio se qualcuno di loro riuscirà a salvarsi o ci sarà qualche perdita. Soprattutto in base alla scena finale che riprende Viktor e Alina a poca distanza dai tedeschi che stanno sparando contro di loro. I fans della serie non hanno perso l’appuntamento e ieri sera si sono messi in tanti davanti allo schermo per la prima puntata. In particolare, la serie ha raccolto 836.000 spettatori pari ad uno share del 4.10%.

Sta per andare in onda su Rai 3 la seconda attesissima puntata di ‘Generation war’, la miniserie tedesca con Volker Bruch e Tom Schilling che narra le vicende della Seconda Guerra Mondiale vista dal popolo tedesco. Nella puntata di oggi vediamo Greta che viene arrestata dopo aver rivelato la sua segreta relazione col generale delle SS che le aveva aperto le strade verso il mondo della musica. Nel frattempo il sarto Viktor, verrà deportato in un campo di concentramento e proverà a scappare… Vi ricordiamo che sarà possibile seguire ‘Generation war’ su Rai 3 alle 21.00 oppure in diretta streaming sul sito di Rai TV cliccando qui.

Va in onda questa, sabato 5settembre 2015, sera la seconda parte della Miniserie Tedesca Generation War, interpretata da Volker Bruch, Tom Schilling, Miriam Stein, Katharina Schüttler e Ludwig Trepte e girata da Philipp Kadelbach direttamente per la TV. 

Vediamo le anticipazioni di quest’ultimo episodio: avevamo lasciato i cinque amici, nella prima puntata, dividersi per andare incontro al proprio destino. Dopo essersi salutati col sorriso sulle labbra ed un velo di malinconia, il gruppo infatti si scinderà, accingendosi a vivere la guerra in modo molto diverso, ognuno spinto sia da passioni che da interessi differenti e, spesso, anche contrastanti. La guerra inizia e si rivela fin da subito più dura del previsto. Quella che doveva essere una guerra lampo si prospetta infatti lunga e stremante, e a soffrirne, più di tutti, è il più piccolo dei fratelli Winter che, al contrario di Wilhelm, si dimostra sempre schivo e rifiuta ogni azione, facendo infuriare la sua famiglia e i propri superiori.

Un giorno, dopo essere stato massacrato dai compagni di squadra per un grave errore durante l’azione, Friedhelm viene ricoverato in ospedale, dove riceve le cure della sua cara amica Charlotte, che approfitta dell’occasione per informarsi di come stia il suo amato. Vediamo da vicino, questa sera, anche le vicende di Viktor che, intuito il pericolo che corre a causa della minaccia di Hitler, cerca di convincere, purtroppo senza alcun risultato, i suoi anziani genitori a fuggire con lui lontano dal paese per salvarsi la vita. La sua bella fidanzata Greta allora, pur di lasciare il misero bar in cui lavora per far carriera nel mondo dello spettacolo e di salvare Viktor e la sua fragile famiglia, non esiterà ad intrattenere una relazione con Dorm, il gerarca nazista che si era innamorato di lei alla festa. L’uomo, però, si libererà impietosamente di lei facendola arrestare non appena la ragazza diventerà troppo insistente, non prima, però, di aver spedito il giovane sarto in un rigidissimo campo di concentramento.

Viktor riuscirà miracolosamente a scappare e, venuto a conoscenza dei gesti della sua donna, la lascerà per unirsi ai partigiani tedeschi. Verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, durante un’imboscata, il sarto rischierà la vita pur di salvare quella dell’amico nazista Friedhelm. Proprio lui, dopo essere stato ferito, tornerà in guerra e si distinguerà per il suo valore, così da riscattarsi agli occhi del padre. Infine, Charlotte troverà il coraggio di dichiarare il suo amore al più grande dei fratelli Winter, che deciderà di tornare con lei a Berlino non appena la guerra sarà terminata.  

Whilelm è il fratello maggiore di Friedhelm e porta sulle spalle lonore e il peso di essere considerato un eroe di guerra. Il padre ammira Whilhelm per aver dato prova di coraggio durante lultima guerra e si augura che Friedhelm, che non ha mai partecipato a nessuna guerra, possa seguire il suo esempio. La madre invece è protettiva nei confronti del figlio più piccolo e chiede a Whilelm di prometterle che ci penserà lui a farlo tornare sano e salvo.Affianco ai fratelli Winter ci sono altri tre ragazzi, tutti differenti fra loro ma con in comune linfanzia che hanno passato insieme per le strade di Berlino. Greta Muller è una vera diva che non perde occasione di mostrare il suo estro e la sua creatività. Una Marlene Dietrich, come la definiscono gli amici.

Poi cè Charlotte, detta Charlie, la classica ragazza buona che vuole diventare infermiera e Viktor, un ragazzo ebreo che ha ereditato dal padre il lavoro di sarto. La loro amicizia è pari al ferro inossidabile e i cinque si riuniscono per festeggiare insieme poco prima della partenza dei fratelli Winter per il fronte. Mentre ballano e bevono, i 5 vengono interrotti da un ufficiale delle SS a cui prontamente nascondono lorigine di Viktor, perché la repressione verso gli ebrei era già in atto. Greta viene accusata di incitamento allodio fra popoli a causa di un disco di swing che allepoca veniva definito come un’opera per degenerati. Prima di salutarsi tutti e cinque fanno un giuramento, quello di riunirsi di nuovo a Natale, a Berlino. Si credevano immortali ma sarebbero stati presto smentiti. E il 1941 e i fratelli Winter partono per quella che doveva essere una guerra lampo. La Germania avanza e la Russia sembra soccombere. Anche Charlie parte per il fronte perché ha finalmente ottenuto un posto come crocerossina in un ospedale militare. La notte prima Charlie avrebbe voluto dire a Whilelm che era innamorata di lui ma il destino aveva voluto che non ci riuscisse. I giorni avanzano al fronte con estrema difficoltà e Friedhelm viene subito additato come linfame della squadra e un codardo, anche da suo fratello.

Nel frattempo Greta viene di nuovo chiamata dalla polizia e lo stesso tenente che voleva accusarla le chiede ora di cantare, avendo saputo della sua passione, promettendole un ingaggio di tutto rispetto in cambio di particolari favori. Anche per Charlie i giorni sono duri, soprattutto quando vede la prima volta la durezza e latrocità della guerra racchiusa nel sangue che scorre via veloce dai corpi dei soldati. Whilelm si dimostra freddo e spietato e Friedhelm comincia a nutrire una forte angoscia per le atrocità che è costretto a vedere. Fino a che il suo stesso fratello decide di non intervenire quando il resto della truppa lo picchia. Greta invece a Berlino esce con Viktor con cui ha una relazione da un po di tempo. Ma una sera, mentre erano al cinema, si imbatte di fronte al tenente tedesco e alla sua famiglia. Lufficiale non gradisce questa vicinanza fra i due e presto le fa capire di liberarsene o di lasciare fare al tempo visto che presto il problema degli ebrei, così dice, verrà risolto definitivamente. Finché un giorno i sospetti di Viktor che gli ebrei a breve subiranno delle rappresagli si avvera, mentre Greta, proprio grazie allufficiale tedesco, riesce a procurargli dei documenti falsi. Poco prima che riesca a prendere laereo per andare negli Stati Uniti, Viktor viene catturato dalle SS, su mandato dello stesso ufficiale. 

Due anni dopo Greta è diventata famosa e canta alla radio la stessa canzone che Charlie alza a tutto volume per coprire le urla dei soldati morenti. Friedhelm ormai si è abituato agli orrori della guerra ed è diventato freddo come freddo è linverno che presto accoglie le truppe mettendo in serio pericolo le loro vite. Si rincontrano tutti insieme unaltra volta, proprio grazie ad un concerto per i soldati che Greta fa in Russia e da cui non riesce a partire perché il pilota dellaereo è decollato a causa dello scoppio dei bombardamenti. Viktor intanto sta per essere deportato in un campo di concentramento e sul treno vede Alina, una ragazza di Varsavia che cerca di fuggire. Dopo ore in cui i due grattano il pavimento di legno con ogni oggetto che hanno a disposizione, riescono a fare una breccia e a scivolare lungo i binari. Trovano poi dei vestiti con cui cambiare le divise che li identificherebbero e proprio poco dopo il saluto che si danno prima che ognuno prenda la sua strada vengono trovati dai tedeschi. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori