EDUCAZIONE SIBERIANA/ Su Canale 5 il film in prima tv con John Malkovich

- La Redazione

Oggi, mercoledì 9 settembre, Canale 5 trasmette in seconda serata ‘Educazione siberiana’, una pellicola tratta dall’omonimo romanzo di Nicolai Linin e diretta da Gabriele Salvatores. Trama

Foto-Mediaset
Mediaset
Pubblicità

Oggi, mercoledì 9 settembre Canale 5 trasmette in prima tv alle 23.15 Educazione siberiana, film del 2013 tratto dallomonimo romanzo di Nicolai Linin, scritto e diretto da Gabriele Salvatores. Lattore protagonista di questo film è John Malkovich, che interpreta nonno Kuzja; gli altri professionisti sono Arnas Fedaravicius, nei panni di Kolima, Vilius Tumalavicius, in quelli di Gagarin e Peter Stormare in quelli di Ink.

La vicenda si svolge in un paesino della Transnistria, una regione della Moldavia, dove due giovani amici, Kolyma e Gagarin, crescono insieme seguendo gli insegnamenti del nonno Kuzja, che è anche a capo della piccola comunità siberiana. Questa figura di riferimento cerca di inculcare loro i principi della vita, vissuta secondo alcune regole molto dure. Kolyma e Gagarin, insieme ad altri due ragazzi, Mel e Vitalic, imparano così alcuni fattori fondamentali della cosiddetta educazione siberiana: limportanza e il significato dei tatuaggi, il rispetto da portare sempre nei confronti dei deboli e il disprezzo dovuto, invece, ad alcune categorie della società, come i poliziotti, i banchieri, gli usurai e chi vende droga.

Pubblicità

Così la vita scorre lenta nella fredda regione siberiana e tutto sembra tranquillo, finché un giorno alcuni ragazzi compiono un furto ai danni dellesercito sovietico. Gagarin viene tirato in mezzo alla vicenda, viene arrestato e in seguito condannato a sette anni di prigionia. Sette anni dopo questi fatti, il giovane esce di galera ma è profondamente cambiato: è aggressivo e tende a usare la violenza, è freddo, chiuso in sé stesso ed estraneo a qualsiasi tipo di sentimento e così imbocca una brutta strada, ma non subito. Inizialmente tutto sembra essere tornato alla normalità, ma un giorno lamico Vitalic ha un incidente e muore annegato. Nel frattempo Gagarin inizia a drogarsi e a frequentare dei delinquenti facenti parte della criminalità organizzata siberiana, gente priva di scrupoli e di codici donore, come invece dettava leducazione siberiana.

Kolyma nel frattempo è diventato tatuatore ma i suoi rapporti con lamico di sempre si fanno sempre più freddi, fino a rompersi definitivamente quando scopre che Gagarin fa parte della malavita e fa uso di sostanze stupefacenti. Come se non bastasse, la polizia arresta Kolyma con accuse infondate; quando viene liberato, scopre che Gagarin si è dato alla fuga dopo aver stuprato Xenya, unamica della compagnia. Questo atto Kolyma non riesce proprio a perdonarlo e così, ricordando gli insegnamenti del nonno, decide di arruolarsi nellesercito per rintracciare e punire il suo amico. Ci riesce solo dopo cinque anni e lo uccide con una pistola caricata proprio da nonno Kuzja.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori