AL BANO E ROMINA POWER / Dalla Russia: tanti commenti pungenti sui social! (Speciale Porta a Porta, oggi, 15 Gennaio)

- La Redazione

Il successo del Made in Italy in Russia raccontato dai protagonisti. Al Bano e la sua musica, gli imprenditori che hanno condiviso la storia del loro successo e i prodotti italiani. 

PortaaPorta_vespa_R439
Bruno Vespa

I fan di Al Bano Carrisi hanno accolto in maniera molto positiva il viaggio del cantante pugliese a Mosca. Molti hanno seguito lo speciale sognando di poter visitare quei luoghi così lontani, mentre per altri utenti le ore passate davanti al piccolo schermo sono state un piacevole diversivo, come spiega Anna che sul profilo di Al Bano ha scritto: “Serata stupenda, le ore sono volate piacevolmente!!! Al Bano e Romina insieme uno spettacolo UNICO!!!”. I commenti più pungenti arrivano da Twitter, dove Matteo scrive: “Dopo lo speciale Porta a Porta da Mosca con Al Bano, in bolletta non mi aspetto il canone ma una lettera di scuse” e poco dopo “Se non altro si spiega il boom di turisti russi in Italia. Scappano dalla Russia per non ascoltare Al Bano”. Di cinguettii come questi il web è pieno, mentre sulla fan page di Porta a porta continuano le polemiche dovute al confronto fra i due nutrizionisti dalle idee opposte, che ha portato i seguaci del dottor Mozzi a prendere d’assalto la bacheca, oscurando l’evento di Al Bano.

Quella che è andata in onda su Rai Uno, attraverso lo speciale di Porta a Porta “Dalla Russia con al Bano” è stata una puntata alla scoperta di un mondo lontano, attraverso un viaggio culturale che ha mostrato agli italiani le bellezze di Mosca. Bruno Vespa e Al Bano hanno condotto i telespettatori lungo i posti più belli della città, raccontando tradizioni lontane che si incrociano con il made in Italy. Made in Italy che passa anche per la musica, il cantante pugliese, infatti, assieme a Romina Power, è la testimonianza più importante dell’amore che il popolo russo prova per le tradizioni italiane: sui taxi, per strada e nei teatri, la dimostrazione del grande successo è l’affetto del popolo che canta al ritmo di “Felicità”. Visitando il Cremlino, la piazza Rossa e la tomba di Stalin è stato ricreato un percorso storico e culturale, alla scoperta dei prodotti più apprezzati del nostro paese. Il racconto del successo italiano è stato portato avanti dagli stessi protagonisti: è così che Bruno Vespa ha incontrato la direttrice della scuola italiana, dove i moscoviti iscrivono i propri figli per inseguire il modello scolastico italiano; e poi la Pirelli con Aimone di Savoia che parla delle sanzioni e della conseguente crisi italiana. I prodotti più apprezzati dai russi restano la musica, il cibo e il vino, che detiene il primato delle importazioni e sul quale non è prevista alcuna sanzione. Tutto ciò dà l’idea di una popolazione calorosa, che ama i piaceri della vita e non vi rinuncia. Forse è proprio questo il segreto del successo del made in Italy in Russia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori