CHISSà PERCHé… CAPITANO TUTTE A ME Su Rete 4 il film con Bud Spencer. Trailer e diretta streaming

- La Redazione

Chissà perchè… capitano tutte a me, in onda stasera (17 gennaio 2016) su Rete 4, a partire dalle ore 21,15. Un film che narra del seguito di uno Uno sceriffo extraterrestre.

mediaset
La prima serata Mediaset di oggi

Rete 4 manderà in onda alle 21.15, dunque fra pochissimo, il film commedia “Chissà perché capitano tutte a me”, con Bud Spencer, Cary Guffey, Ferruccio Amendola, Robert Hundar. Chissà perché capitano tutte a me.. è diretto da Michele Lupo. Nel trailer si vede arrivare Bud dal barbiere della cittadina di Monroe per far presente di essere interessato al posto di sceriffo. Non appena pronuncia queste parole il barbiere smette di parlare quasi intimidito dalla cosa in quanto nella cittadina c’è un alto livello di criminalità. Tre clienti piuttosto rozzi e vestiti da boscaioli si avvicinano a Bud per deriderlo al fine di far capire che comandano loro nella cittadina ma Bud non perde tempo facendo capire loro come andranno le cose d’ora in avanti. Vi ricordiamo che il bel film è disponibile in diretta streaming video con il servizio gratuito del portale Mediaset, nella pagina dedicata a rete 4, cliccando qui. Ecco il trailer con le scene del film.

Andiamo a scoprire un paio di notizie sul film in onda oggi su Rete 4 alle ore 21,15, Chissà perchè… capitano tutte a me. Nel 1980, il regista Michele Lupo ha scelto in questo modo di realizzare il sequel di Uno sceriffo extraterrestre… poco extra e molto terrestre, anche questo basato sull’ironia e sulla fisicità di Bud Spencer. Nella sua carriera, Lupo ha diretto Maciste il gladiatore più forte del mondo, La vendetta di Spartacus, Colpo maestro al servizio di Sua Maestà britannica, Lo chiamavano Bulldozer e Bomber. Il vero protagonista della trama è senza ombra di dubbio il prorompente Bud Spencer, famoso per le sue capacità di abilissimo nuotatore e per le molteplici performances insieme alla sua spalla Terence Hill (Mario Girotti). Tra i suoi innumerevoli film di successo, da menzionare Dio perdona… io no!, I quattro dell’Ave Maria, Lo chiamavano Trinità…, Quattro mosche di velluto grigio, …altrimenti ci arrabbiamo!, Piedone lo sbirro, Io sto con gli ippopotami, Banana Joe, Miami Supercops – I poliziotti dell’8ª strada, Fuochi d’artificio e l’ultimo, Tesoro sono un killer, risalente al 2009. Accanto a lui ecco Gary Cuffey, oggi 33enne. La sua carriera cinematografica si è però limitata alla serie diretta da Lupo, dato che ha proseguito la sua esistenza come consulente finanziario. Tra gli altri attori del cast, il doppiatore Ferruccio Amendola, Robert Hundar, John Bartha e Carlo Reali. Le riprese della pellicola si sono tenute nello stato americano della Georgia.

La pellicola in onda stasera su Rete 4 alle 21,15 è un film del 1980, diretto da Michele Lupo. Domenica 17 gennaio 2016 sarà il giorno di Chissà perché… capitano tutte a me. Il film sarà trasmesso da Rete 4 e sarà riproposto per l’ennesima volta dalle televisioni generaliste. Con il passare degli anni, è diventato un vero e proprio cult nel panorama cinematografico, soprattutto per la presenza di un divertentissimo Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer. Chissà perché… capitano tutte a me è il seguito del film Uno sceriffo extraterrestre… poco extra e molto terrestre, dell’anno precedente. L’esercito americano cerca ancora di catturare il piccolo extraterrestre H7-25, che è rimasto sulla Terra per restare con lo sceriffo Scott Hall. I due sono costretti a spostarsi da uno Stato all’altro, ma alla fine lo sceriffo accetta un incarico a Monroe.

Il protagonista iniziale della pellicola è lo sceriffo Scott Hall, che ha un amico proveniente dallo spazio di nome H-725 (il piccolo Gary Cuffey). I due si trasferiscono nella piccola località di Monroe, dilaniata dalla criminalità e da diverse faide. H-725 è dotato di un’arma molto potente, basata sui raggi fotonici. Nonostante questo potenziale aiuto, Hall ha intenzione di rimettere in ordine la cittadina soltanto con le proprie forze. Le cose degenerano quando arriva un gruppo di alieni cattivi, pronti a conquistare la Terra. Lo sceriffo riesce a rintuzzare gli attacchi da parte dei criminali grazie ai suoi cazzotti e all’aiuto del bimbo extraterrestre. La vita di quest’ultimo viene anche messa in serio pericolo da chi vuole sfruttare i suoi immensi poteri per i propri propositi estremamente loschi. Al termine del film, il bene vince sul male e H-725 sceglie di tornare nel suo luogo natio, lasciando per sempre il nostro pianeta. Tutti i robot creati vengono distrutti senza alcuna pietà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori