FOREVER/ Anticipazioni puntata 17 gennaio 2016: Henry indaga sulla morte di un anziano e fa una scoperta interessante

Forever, anticipazioni puntata 17 gennaio 2016: Henry indaga sulla morte di un anziano e scopre che è l’ultimo re dell’Urkesh, inviato in esilio molti anni prima…

17.01.2016 - La Redazione
Forever_serie_Premium_Crime
Forever - finale di stagione, in onda su Premium Crime

Il piccolo schermo di Premium Crime manderà in onda oggi alle 21.15 il 15esimo episodio di Forever, la serie tv con Ioan Gruffudd. La puntata si intitola “Destino di un re”. Prima di scoprire le anticipazioni, vediamo che cosa è successo la settimana scorsa: Abe (Judd Hirsch) si sottopone a dei controlli per conto dell’assicurazione e l’infermiera gli chiede notizie sui genitori per scoprire se sono presenti delle malattie ereditarie. Abe le riferisce di non averli mai conosciuti e solo allora la donna si accorge che ha sull’avambraccio il tatuaggio dei campi di concentramento. Henry (Ioan Gruffudd) si offre per dare di nuovo delle indagini al museo per scoprire qualcosa di più su di loro ma Abe è ormai deciso ad andare avanti con la sua vita. Poco dopo, Jo (Alana De La Garza) lo contatta per un nuovo caso di omicidio in cui Henry si accorge che l’uomo è stato ucciso con una riproduzione della Venere Landolina. Analizzando meglio l’oggetto, il medico scopre che la svastica incisa sulla testa della vittima corrisponde a quella presente sotto la statua e che si tratta quindi dell’originale. I detective scoprono così che la vittima era in realtà figlio di un ufficiale delle SS e che è entrato in possesso delle opere d’arte al momento dell’eredità. Il figlio Erik (Patrick Woodall) non è a conoscenza della verità sulla vittima e crede che il padre sia fuggito ai nazisti. Henry crede anche che l’uomo fosse molto riservato proprio perché era a conoscenza della vera provenienza della statua. Il medico ricorda in quel momento un episodio del passato, quando conobbe Nathaniel Hawkes (Jason Loughlin) e venne messo di fronte alla verità sul proprio padre. L’uomo gli aveva rivelato che le navi dei Morgan erano collegate con il traffico di schiavi ma Henry era convinto che non fosse una notizia reale. Il medico scopre che la vittima possedeva un orologio piuttosto costoso e riesce a risalire a chi glielo ha venduto. L’uomo riferisce a Jo di averlo regalato e che in cambio aveva ricevuto dalla vittima un dipinto di Monet. Karl Haas (Brian Corrigan) stava infatti restituendo le opere ai legittimi proprietari e senza chiedere un centesimo. Giorni dopo, Jo rivela a Henry di aver trovato un riscontro fra il sangue presente sulla scena del crimine ed un nome nel registro del RAA. Il medico rimane stupito nel sapere che il campione appartenga ad un artista e sa che Max Brenner è morto vent’anni prima. Henry chiede che il campione di sangue venga portato in laboratorio e scopre così che appartiene al figlio di Brenner. I detective sorprendono Sam (Jerzy Gwiazdowski) mentre sta scuoiando un animale e sta creando quella che secondo il ragazzo è un’opera d’arte. Sam riferisce di essere rimasto in laboratorio durante le ore dell’omicidio ma non ha nessun testimone che possa confermare la sua versione. Jo si accorge anche che uno dei dipinti non può essere uno dei suoi e scopre che è una delle opere di Haas. Il ragazzo confessa di averlo sottratto entrando dalla finestra ma di essere uscito subito dopo, mentre Haas urlava al telefono con qualcuno. Nel frattempo, Adam (Burn Gorman) si presenta nel negozio di Abe e gli consegna un messaggio da dare ad Henry. Jo riesce a rintracciare il museo con cui stava parlando Haas poco prima della morte e scopre che la vittima aveva donato alla struttura diversi dipinti in previsione di un’asta. Fra gli interessati ci sarebbe un commerciante d’arte ma quando i detective ritornano al museo per fare delle indagini, Julian Glausser (Stephen Barker Turner) è già scomparso con tutte le opere. Nel passato, Henry affronta il padre sulla verità che ha scoperto e lo mette di fronte ai propri principi. Nel presente, Henry scopre che l’uomo misterioso gli ha recapitato uno degli oggetti appartenuti al padre e capisce subito che il mittente è Adam. Il medico si reca così all’appuntamento e Adam inizia a raccontargli delle torture che Mengele (Gabriel Furman) attuava sugli uomini per conto di Hitler. Adam rivela di essere stato una delle sue vittime e chiede ad Henry di fargli riavere un pugnale antico che gli era stato sottratto all’epoca. L’uomo è anche sicuro di potergli dare qualcosa in cambio ma il medico rimane scettico. Tempo dopo, il corpo di Julian viene ritrovato al porto e le indagini portano verso Erik. Il ragazzo confessa di avergli venduto le opere ma nega il suo omicidio. Lucas (Joel David Moore) riferisce ad Henry di aver scoperto che il sangue su Julian ha degli anticorpi contro la peste bubbonica ed il medico capisce che l’assassino è Adam. Henry decide di omettere il particolare mentre Abe, nello stesso momento, riceve da Adam un registro che lo aiuta a risalire all’identità dei genitori. Henry lo accompagna quindi al museo ebraico dove il figlio può finalmente avere gli effetti personali dei propri cari.

Nel 15esimo episodio di Forever, in onda stasera e dal titolo “Destino di un re”, Henry indaga sulla morte di un anziano e scopre che è l’ultimo re dell’Urkesh, inviato in esilio molti anni prima. Intanto, Abe fa ancora delle ricerche sul proprio albero genealogico e scopre qualcosa che non si sarebbe mai aspettato. Nel 1955, Henry ed Abigail sono a bordo dell’Orient Express durante la loro luna di miele e si ritrovano a salvare la vita ad un giovane principe. Il ragazzo deve essere operato subito di appendicectomia ed Henry riesce ad improvvisare l’intervento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori