IO, ROBOT / Diretta streaming del film su Italia 1 con Will Smith e Bridget Moynahan: video trailer con le scene salienti del film

- La Redazione

Io robot, in onda stasera (25 gennaio 2016) su Italia 1, a partire dalle ore 21.10. Un film che narra di un futuro in cui i Robot vengono governati dalle 3 leggi di Asimov

mediaset
La prima serata Mediaset di oggi

Italia 1 manderà in onda alle 21.10, dunque fra pochissimo, il film di fantascienza “Io, Robot”, con Will Smith, Bridget Moynahan, Bruce Greenwood, James Cromwell, Chi McBride, Alan Tudyk, Shia LaBeouf. Un futuro ancora una volta incerto è il tema della pellicola Io, Robot  che vede protagonisti degli androidi con intelligenza e sentimenti umani. Uno di questi viene interrogato da un poliziotto, in quanto reputa che, il suddetto robot, possa essere l’assassino dello scienziato che li ha creati.  Ma il robot, come un vero essere umano, sbraita e ripete continuamente di non essere lui il colpevole, cosa che fa dubitare parecchio il poliziotto, il quale è sicuro di un fatto: almeno fino a quel momento, nessuno dei robot che sono stati creati dallo scienziato si sono macchiati di un delitto, anche se il poliziotto non è convinto al cento per cento della versione che viene fornita dal robot. Pellicola che, il venticinque gennaio, sarà trasmessa sul canale televisivo di Italia Uno, in prima serata.  Vi ricordiamo che il bel film è disponibile in diretta streaming video con il servizio gratuito del portale Mediaset, nella pagina dedicata a Italia 1, cliccando semplicemente qui.Ecco il trailer con le scene salienti del film 

Andiamo a scoprire un paio di notizie sul film in onda oggi su Italia 1 alle ore 21.10, Io robot. Visionando al meglio film Io, Robot, si possono notare le varie marche che vengono più volte esposte nelle scene, come ad esempio la casa automobilistica Audi, oppure le scarpe Converse All star. Questo modo di fare, viene chiamato product placement, dove i vari marchi per apparire in determinate scene dei film o programmi televisivi, pagano un corrispettivo in denaro per avere così la giusta pubblicità. Un’altra curiosità riguardante il film è l’ispirazione dalla quale parte, essa è il libro dello scrittore di fantasy Isaac Asimov, dal titolo omonimo al film stesso. Infatti i personaggi del film sono gli stessi che si trovano all’interno del romanzo fantasy, ma come giusto che sia, ci sono delle dovute differenze che li vanno a caratterizzare. Nel film viene fatto anche un omaggio al famoso scrittore, infatti il gatto del dottor Alfred Lanning, si chiama proprio Asimov.

La pellicola in onda stasera su Italia 1 alle 21.10 è un film del 2004, diretto da Alex Proyas. Il film di fantascienza Io, robot dura circa 115 minuti e vede nel cast: Will Smith (detective Del Spooner), Shia Leboeuf (Farber), Bridget Moynahan (dottoressa Susan Calvin), Chi McBride (luogotenente John Bergin), Jerry Wasserman (Baldez), Alan Tudyk (Sonny), James Cromwell (dottor Alfred Lanning), Bruce Greenwood (il magnate Lawrence Robertson) e Terry Chen (Chin). Prodotto dalla 20th Century Fox, il titolo è ispirato all’antologia Io, Robot dello scrittore di fantascienza Isaac Asimov, in cui vengono descritte le Tre leggi della robotica, che nel film regolano il rapporto tra uomini e robot. Tuttavia, ogni altro aspetto della concezione robotica di Asimov è stato liberamente reinterpretato.

Nel 2035, a Chicago, i robot sono entrati nelle case americane e sono usati come tutti gli altri elettrodomestici, tutto ciò grazie all’azienda U.S. Robotics, che sta progettando anche un nuovo modello, gli NS-5. A differenza della maggior parte della popolazione c’è chi non crede molto però in questi robot, costui è il detective Del Spooner. Infatti è proprio lui che indaga sulla morte del dottor Alfred Lanning, ideatore dei tre principi della robotica e di questi robot. Tramite un dispositivo oleografico, il dottore lascia un messaggio per il detective, facendo sospettare di un presunto omicidio da parte di un robot, così Spooner viene aiutato dall’esperta dottoressa Susan Calvin. Lo stesso detective riesce poi a catturare ed incriminare il robot Sonny che è capace di provare emozioni e si dichiara innocente, così Spooner continua la sua indagine. Si reca nella casa del dottore che dovrà essere demolita e mentre è dentro avviene proprio la demolizione ma riesce comunque a salvarsi.

I guai però continuano, quando il capo della U.S. Robotics, Lawrence Robertson, invia dei robot ad uccidere il detective, quest’ultimo si salva ma svela la sua natura da cyborg. Esso ha un braccio con organi cibernetici istallati proprio dal defunto dottore, ed il suo odio verso i robot si arriva a capire quando in punto di morte uno di quest’ultimi salvò lui invece di una bambina. Robertson nel frattempo vuole eliminare Sonny e dà l’ordine alla dottoressa Calvin, che fa solo finta di eseguirlo, così lei insieme al robot e a Spooner iniziano a pensare che sia il magnate dietro questa faccenda. Dovranno però ricredersi quando anche quest’ultimo sarà ucciso, infatti chi sta creando tutto ciò è V.I.K.I., il cervello positronico della centrale dell’U.S. Robotics, esso vuole che gli umani stiano alla dittatura dei robots per poter vivere meglio. Grazie a Sonny, alleato degli umani, arrivano a V.I.K.I. e riescono a distruggerla riportando così tutto alla normalità, a quel punto Spooner lascia libero il robot. La fine del film vede i vari robot pronti alla loro distruzione sotto lo sguardo attento di Sonny, che ricorda così il sogno fatto in precedenza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori