Report / Anticipazioni e diretta streaming puntata 31 ottobre: barriere architettoniche e caso Gentile

Report, anticipazioni del 31 ottobre: nella puntata di oggi, lunedì 31 ottobre, Milena Gabanelli su Rai Tre affronta diverso temi: dal caso Gentile in Calabria alle barriere architettoniche.

31.10.2016 - La Redazione
reportmilenagabanelli
Report

Nuovo appuntamento con le inchieste di “Report”, il programma condotto da Milena Gabanelli, in onda questa sera su Rai 3 dalle 21.30. Tra i servizi proposti questa sera spicca “La nuova geografia” di Michele Buono, in cui si parlerà dei nuovi continenti non rappresentati sulle carte geografiche: un viaggio da Nairobi, attraverso Milano, Torino e Genova, passando per la Francia e la Germania verso New York per tracciare la mappatura di una nuova infrastruttura economica. In onda anche l’inchiesta di Giuliano Marrucci dal titolo “Cina compact”: Come stanno investendo i cinesi in Africa? Vi ricordiamo che oltre a poter vedere Report sintonizzandovi su Rai 3, potrete seguire il programma anche in diretta streaming sul sito di Raiplay.it, cliccando qui.

Questa sera a Report verrà anche mandato in onda il servizio di Giuliano Marrucci dal titolo “Cina compact”. Mentre l’Europa continua a dividersi sul “migration compact” e a tirare su i muri tra nazioni, i cinesi investono in Cina: basta pensare alla ferrovia che stanno costruendo tra in Kenya tr Nairobi e Mombasa, oltre 600 chilometri. I lavoris ono iiniziati a ottobre 2013, l’inaugurazione è prevista per giugno 2017, costo 3.6 miliardi di euro. I cinesi hanno realizzato anche una grande area industriale: 62 aziende hanno firmato accordo, 23 sono già in produzione con all’opera 4000 lavorato. L’idea è di costruire una città industriale. Clicca qui per vedere il video di anticipazioni sul servizio. E non è tutto. I cinesi si aggiudicano anche il grosso dei progetti finanziati da altri: le entrate che arrivano dai progetti in Africa hanno raggiunto la cifra di 5 miliardi di dollari l’anno, ma solo il 20% sono finanziati dalla Cina, dice Deborah Brautigam della John Hopkins University.

-Nella puntata di Report di oggi, 31 ottobre 2016, in onda su Rai Tre, Milena Gabanelli si occupa del cosiddetto “caso-Gentile“. La vicenda riguarda una delle famiglie politiche più influenti in Calabria degli ultimi decenni: i fratelli Antonio e Pino Gentile sono stati per anni alfieri del berlusconismo prima di scegliere il Nuovo Centrodestra di Alfano dopo la scissione di Forza Italia. Protagonista della storia è Antonio, o “Tonino”, come viene chiamato in Calabria il senatore di Ncd: due anni fa il direttore del quotidiano L’Ora della Calabria, intento a pubblicare la notizia delle indagini a carico del figlio del parlamentare, Andrea Gentile, un giovane avvocato chiamato a rispondere alla Procura di Cosenza di alcune consulenze false con l’Asl locale subisce delle pesanti minacce ed è costretto a stoppare le rotative del giornale. All’epoca dei fatti Antonio Gentile era stato da poco nominato sottosegretario alle Infrastrutture ma per le polemiche che scoppiarono fu costretto a dimettersi. Due anni dopo Gentile è nuovamente sottosegretario allo Sviluppo Economico, mentre il figlio Andrea è stato selezionato dal ministro Beatrice Lorenzin (anche lei di Ncd) come membro del Cda dell’Istituto Nazionale dei Tumori, il quinto centro a livello europeo. Il suo curriculum è stato esaminato da due luminari dell’oncologia italiana: Andrea, figlio di “Tonino”, ha davvero le carte in regola per questo ruolo o a fare la differenza è il peso della famiglia Gentile?

Grande attesa per la puntata di Report in onda oggi, 31 ottobre su Rai Tre. La conduttrice Milena Gabanelli approfondirà il tema delle barriere architettoniche. Si può accettare nel 2016 che una mamma per mandare il proprio figlio disabile a scuola sia costretta a spingere la sua sedia a rotelle a piedi per chilometri e a trasportare la sua bombola d’ossigeno perché manca l’autobus? E può essere considerato normale che a Catanzaro sia negato il diritto allo studio a 30 bambini disabili perché le scuole non sono adeguate ad accoglierli? Si parla sempre di finanziamenti, ma il paradosso è che quest’anno la Regione Calabria dei 70 milioni di euro stanziati dal CdM per le attività in favore dei disabili ne ha restituiti oltre due milioni e mezzo, di cui 550.000 destinati agli studenti con disabilità. La motivazione? L’ha data la Corte dei Conti: la Regione non è stata capace di gestire le risorse.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori