LA NAVE DEI VELENI/ Il mistero della Rigel verso la svolta? (Le Iene Show, 22 novembre 2016)

- La Redazione

La nave dei veleni, Giulio Golia raccoglie altre prove e fa luce sul caso. Un ammiratore fa notare che nessuno ha interesse a parlare. Sarà così? Le Iene Show, 22 novembre 2016). 

le_iene_show_martedi_R439
Le Iene Show, in onda su Italia 1

La redazione de Le Iene Show è in fermento per la preparazione dei servizi che andranno in onda questa sera, martedì 22 novembre 2016 su Italia 1. In particolare lo è stato l’inviato Giulio Golia che ritornerà ad occuparsi della nave dei veleni. La scorsa settimana, la Iena aveva parlato a lungo della Rigel, la nave che potrebbe essere affondata nelle acque calabresi con a bordo un forte quantitativo di materiali tossici. Secondo le ricostruzioni sono molti gli elementi, così come le piste seguite dagli investigatori, che confermerebbero l’ipotesi.

I cittadini calabresi, come sottolinea qualche fan nei commenti, sarebbero a conoscenza di questo fatto noto, rinomato e circondato dall’omertà. E’ quanto scrive un utente sulla pagina ufficiale Facebook di Giulio Golia, affermando anche che i servizi non serviranno a nulla, dato che molte persone non vogliono parlare e non sembra che ci sia del resto interesse a risalire alla verità. Clicca qui per leggere il post di Giulio Golia ed i commenti.

Questo particolare appunto si rifà infatti all’appello che Giulio Golia ha fatto durante il servizio, chiedendo a tutte le persone informate dei fatti di rompere il muro del silenzio. Alcuni dettagli sono stati inviati nell’immediato, fra cui un’immagine che sembra immortalare la Rigel nelle acque calabresi proprio in quegli anni, nel 1987. Sono ancora tanti i misteri da chiarire, a partire dalla misteriosa scomparsa del Comandante e di tutto il resto dell’equipaggio, salvato in circostanze strane da una nave jugoslava che portò tutto il gruppo a Tunisi. In quei momenti, infatti, nessuno aveva lanciato l’allarme ed a questo si aggiunge anche il fatto che il Comandante diede in seguito delle coordinate false perché la nave non venisse mai ritrovata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori