Non mandarmi fiori/ Su Rete 4 il film con Rock Hudson e Doris Day, il cast tecnico della pellicola

- La Redazione

Non mandarmi fiori, il film in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 23 novembre 2016. Nel cast: Rock Hudson e Doris Day, alla regia Norman Jewison. La trama del film nel dettaglio

Foto-Mediaset_new
film

Non mandarmi fiori è il film che andrà in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 23 novembre 2016, nel pomeriggio dalle 16.30. La pellicola di genere commedia è stata prodotta nel 1964 per la regia di Norman Jewinson, basata su un soggetto scritto da Norman Barasch e Carroll Moore, una commedia teatrale in scena al Broadway Theatre nel 1960. La sceneggiatura è stata realizzata da Julius J. Epstein, mentre la fotografia è stata gestita da Daniel L. Fapp. Il montaggio è invece stato realizzato da J. Terry Williams e le musiche della colonna sonora da Frank De Vol. Il film ha la durata di 100 minuti. Il bellissimo Rock Hudson ha spesso dichiarato di non aver apprezzato questo film, il terzo in cui recitava in compagnia della brillante Doris Day: ha trovato insopportabile l’idea di prendere parte ad una commedia che si proponeva di ridere su una tematica seria come quella della morte.

Non mandarmi fiori è il film in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 23 novembre 2016 alle ore 16.30. Una commedia statunitense realizzata nel 1964, tratta dall’omonima pièce teatrale scritta da Norman Barasch e da Carroll Moore. Dietro la macchina da presa di questa pellicola sarà possibile trovare Norman Jewison, regista canadese classe 1926 che ha diretto popolari pellicole molto amate dal grande pubblico, le più celebri sono senza dubbio “Stregata dalla luna”, “La calda notte dell’ispettore Tibbs”, “Il violinista sul tetto” e “Jesus Christ Superstar”. Anche il cast che sarà possibile apprezzare è davvero di ottimo livello, il protagonista è il grande Rock Hudson, uno degli attori più apprezzati della vecchia Hollywood. Nel corso della sua carriera ha spesso interpretato il ruolo del rubacuori, diventando una delle star più affascinanti della storia del cinema. Al suo fianco una delle sue colleghe più rodate: si tratta della rassicurante Doris Day, regina della commedia statunitense degli anni Cinquanta. L’attrice ha preso parte a circa quaranta pellicole nel corso della sua smisurata carriera, ottenendo una nomination all’Oscar per la sua performance in “Il letto racconta”. Gli altri ottimi attori che hanno preso parte alla produzione e che è bene citare sono Tony Randall, Paul Lynde e Patricia Barry. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

George Kimball (Rock Hudson) è un ipocondriaco irrecuperabile che vive in un tranquillo quartiere residenziale assieme a sua moglie Judy (Doris Day). Visto che i suoi vicini di casa stanno divorziando, il nostro protagonista entra in contatto con un moderno dongiovanni, si tratta di Winston Burr (Hal March), affascinante gentiluomo che si è prefissato la missione di consolare vedove e donne separate, cercando di sfruttare la loro fase di fragilità. Kimball non sa che presto si troverà ad ispirarsi alla sua filosofia di vita. Quel giorno stesso, infatti, si reca a far visita al suo medico curante per riferirgli di alcuni dolori toracici che lo preoccupano oltremodo. Casualmente sente una conversazione che il Dottor Ralph Morrissey (Edward Andrews) intrattiene assieme ad un’infermiera, in essa il medico si riferisce ad un paziente a cui restano solo poche settimane di vita. Il nostro protagonista dimentica ogni razionalità e si convince di essere la persona di cui il medico sta parlando. Distrutto, sale a bordo del treno che lo deve riportare a casa ed incontra il suo amico del cuore Arnold Nash (Tony Randall), si confida con lui e gli fa promettere di non dire nulla a Judy. Non vuole, infatti, che la donna soffra prematuramente per la sua scomparsa. Quella notte, George viene tormentato da sogni terribili ed angoscianti in cui emerge tutta l’ansia che l’uomo nutre per il destino della sua consorte, immagina Judy risposata con uno sconsiderato ragazzo delle consegne di nome Vito (Clive Clerk), interessato più alle finanze della donna che alla sua persona. Non può permettere che una cosa così terribile accada. Dopo essersi recato ad un’agenzia di pompe funebri gestita da Mr. Akins (Paul Lynde) per organizzare i dettagli del suo funerale, decide di sistemare tutto per il bene della moglie e di trovarle un nuovo marito, serio ed affidabile, in grado di colmare il vuoto che la sua morte lascerà nel cuore di Judy. Il destino decide di dargli una mano, mentre la donna sta giocando a golf, perde il controllo del veicolo che sta guidando. La salva Bert Power (Clint Walker), un suo vecchio fidanzato dei tempi del college diventato un ricchissimo magnate del petrolio. George ritiene che tutte le sue preghiere siano state ascoltate, Bert è senza dubbio il marito ideale per la sua Judy…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori