STATE OF PLAY/ Diretta streaming e trailer del film con Russel Crowe, Ben Affleck e Rachel McAdams in onda su La7

- La Redazione

State of play, il film in onda su La7 oggi, domenica 6 novembre 2016. Nel cast: Russel Crowe, Ben Affleck e Rachel McAdams, alla regia Kevin Macdonald. La trama del film nel dettaglio. 

la7_logo_R439
film prima serata

” è un thriller statunitense girato nel 2009 che si basa su una popolare serie BBC e che si contraddistingue per la presenza di attori del calibro di Russell Crowe e di Ben Affleck. L’appuntamento con questo film è previsto su La7 oggi, domenica 6 novembre 2016 alle ore 21:20. Il trailer è visionabile cliccando qui ci mostra una giovane fanciulla che viene uccisa senza pietà da un killer in un sottopassaggio isolato. Cal McAffrey è un popolare giornalista televisivo che si ritrova coinvolto suo malgrado in questo caso e che decide di indagare su questa spinosa vicenda. La donna, infatti era l’assistente di un noto uomo politico con cui intratteneva una relazione extra-coniugale. Quando il reporter si rende conto che i bossoli lasciati sulla scena del crimine non sono rintracciabili, capisce immediatamente di essere di fronte al lavoro di un killer professionista. Chi preferisce invece seguire la sua diretta streaming, lo potrà fare grazie al sito www.la7.it, cliccando qui.

State of play, è il film che andrà in onda su La7 oggi, domenica 6 novembre 2016. Il film media abilmente elementi gialli, ritmi thriller, scene d’azione e momenti drammatici. State of play è basato su un’omonima miniserie tv britannica prodotta dalla BBC, originariamente ambientata a Londra e qui traslata a Washington per poter ritrarre il conflitto fra giornalismo e politica da un punto di vista statunitense. La produzione del film è stata molto travagliata e diversi attori si sono disputati i ruoli dei protagonisti, che in origine dovevano essere interpretati da Brad Pitt e Edward Norton. A causa dei ritardi nella produzione entrambi gli attori hanno poi abbandonato i loro ruoli, affidati quindi a Crowe e Affleck, sia per divergenze artistiche sia perchè ormai impegnati nella realizzazione di altri film. Il film ha ottenuto nel 2009 alcuni riconoscimenti e premi, fra cui l’AACTA (gli Oscar Australiani) a Russel Crowe e il premio dell’ASCAP (la SIAE americana) ad Alex Heffes, responsabile della colonna sonora, pur avendo ottenuto un’accoglienza abbastanza tiepida ai botteghini sia in patria che nel mondo (Italia compresa).

, il film in onda su La7 oggi, domenica 6 novembre 2016 alle ore 21.20, una pellicola dal genere thriller e drammatica che è stata affidata alla regia di Kevin Macdonald nel 2009 ispirata alla serie miniserie televisiva di Paul Abbout ed è stata interpretata da Russel Crowe, attore di fama internazione che ha il interpretato Il gladiatore, Master & Commander e A beautiful mind, accanto a lui il collega Ben Affleck, noto per i ruoli in Armageddon, Pearl Harbor e Daredevil, e l’attrice Rachel McAdams, conosciuta per l’interpretazione Midnight in Paris e Passion. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

Il film narra del rapporto conflittuale fra politica e giornalismo. Cal McAffrey (Russel Crowe) e Stephen Collins (Ben Affleck) sono due vecchi amici ed ex compagni di college, ma il primo oggi è un giornalista investigativo d’assalto mentre il secondo è un deputato a capo di un comitato che controlla grandi somme di denaro destinate alla sicurezza nazionale. Sonia Baker, segretaria (e amante) di Collins muore in un misterioso incidente in metropolitana, forse un suicidio o forse addirittura un omicidio. Questo metterà in moto gli eventi che porteranno i due ex amici ad incontrarsi per indagare insieme sul caso. Collins infatti è il primo a non credere alla tesi del suicidio seguita dagli inquirenti, e tenerà di indagare insieme a McAffrey e alla giornalista Della Frey (Rachel McAdams). I tre scopriranno che l’incidente è avvenuto in uno dei pochissimi punti ciechi della videosorveglianza in metropolitana, una coincidenza sospetta che sembra avvalorare la tesi che non si tratti nè di un semplice incidente nè di un suicidio. Man mano che i tre indagano però vengono alla luce particolari sempre più scottanti, soprattutto relativi al legame della commissione di Collins con una società di sicurezza privata, la PointCorp, e la posizione dello stesso Collins comincia a diventare sempre meno chiara.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori