Jonathan degli orsi/ Su Rete 4 il film con Franco Nero, che si è occupato anche del soggetto

- La Redazione

Jonathan degli orsi, il film in onda su Rete 4 oggi, lunedì 7 novembre 2016. Nel cast: Franco Nero e Carlo Lizzani, alla regia Enzo G. Castellari. La trama del film nel dettaglio

Foto-Mediaset_new
film

Jonathan degli orsi è il film che andrà in onda su Rete 4 oggi, lunedì 7 novembre 2016, nel pomeriggio. Una pellicola d’azione e western che è stata affidata alla regia di Enzo G. Castellari, basata su un soggetto che è stato scritto da Lorenzo De Luca e Franco Nero e con la sceneggiaturarealizzata dallo stesso regista Castellari e De Luca. Il montaggio del film è stato effettuato da Alberto Moriani con gli effetti speciali che sono stati realizzati da Celeste Battistelli e Pavel Terekhov, le musiche della colonna sonora sono state composte da Aleksandr Belyayev, Fabio Costantino, Clive Riche e Knifewing Segura e la scenografia invece è stata ideata da Marco Dentici e Marksen Gaukhman-Sverdlow. Il film è stato prodotto in Italia e in Russia nel 993 e la sua durata è pari a 88 minuti. L’attore Franco Nero figura, oltre che come protagonista, anche come autore del soggetto. Inizialmente voleva che il titolo della pellicola fosse “Nikita Jones”: è stato lo sceneggiatore Lorenzo De Luca ad intervenire per dare al film il suo titolo definitivo.

Jonathan degli orsi è il film in onda su Rete 4 oggi, lunedì 7 novembre 2016 alle ore 16.05. Una pellicola western che è stata prodotta nel 1993 ed è stata scritta da Lorenzo De Luca, celebre sceneggiatore romano che ha partecipato a produzioni piuttosto popolari come, ad esempio, “Natale sul Nilo”, “Natale in India” e “Forever Blues”. Per quanto riguarda invece la regia del film, essa è stata affidata a Enzo G. Castellari, cineasta italiano molto amato anche all’estero, tutti conoscono la passione dell’ottimo Quentin Tarantino nei confronti della sua filmografia, composta da note pellicole d’azione come “Inglorious Bastards”, “Il cittadino si ribella” e “Il grande racket”. Per quanto riguarda, invece, il cast che ha preso parte a questa pellicola, la parte del leone la fa il grande Franco Nero, attore parmigiano che nel corso della sua brillante carriera ha lavorato con alcuni dei maggiori registi tanto italiani quanto internazionali come, ad esempio, Carlo Lizzani, Antonio Pietrangeli, Luis Buñuel, Michael Anderson e Rainer Werner Fassbinder. Al suo fianco citiamo l’attore nativo-americano Floyd ‘Red Crow’ Westerman, cantante country prestato al cinema che ha preso parte ad alcune premiate pellicole come “Balla coi lupi”, “The Doors” e “Grey Owl – Gufo grigio”. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film. 

Il protagonista della pellicola è Jonathan Kowalsky, un bambino statunitense che ha avuto un’infanzia piuttosto difficile a causa delle proibitive condizioni climatiche in cui è stato costretto a crescere. Quando aveva appena sei anni, il piccolo è rimasto orfano, i suoi genitori, due giovani ed avventurosi cercatori d’oro, sono stati uccisi brutalmente da una banda di rapinatori proprio sotto i suoi occhi. Il nostro protagonista è riuscito a sopravvivere solo grazie alla benevolenza di Tawanka (Floyd ‘Red Crow’ Westerman), capo indiscusso della tribù dei Dakota. Quando il nativo americano si è reso conto delle terribili condizioni in cui versava il bimbo, ha deciso di renderlo il suo figlio adottivo e l’ha condotto con sé al suo accampamento. Nel corso della sua infanzia, Jonathan sviluppa un grande attaccamento per il popolo che l’ha accolto con tanta generosità e per un cucciolo di orso bruno che ha conosciuto in mezzo alla foresta. Passano gli anni ed il nostro protagonista decide che è arrivato per lui il momento di tornare in seno alla civiltà occidentale, il suo piano è quello di rintracciare le persone che gli hanno portato via i suoi genitori naturali per riuscire così a vendicare la loro memoria. Il suo viaggio non sarà affatto semplice e leggero, Jonathan, infatti, dovrà rendersi conto che la crudeltà regna sovrana al di fuori della sua tribù e che per riuscire a sopravvivere dovrà cercare di indurire il suo cuore e di prepararsi a fare cose anche contrarie alla sua morale. Decide allora di rinunciare ai suoi propositi di vendetta e torna a quella che ormai è diventata la sua vera casa tra le braccia della gente che lo ha cresciuto al di là delle apparenze. Anche questa parte del suo percorso non sarà affatto semplice, lungo il tragitto sorprende un gruppo di cacciatori di frodo che vuole uccidere il suo amico orso. Ovviamente, Jonathan non può stare a guardare e si mette in mezzo per evitare che la bestia faccia una brutta fine. Mette al tappeto i bracconieri e consiglia loro di non tornare in quella porzione della foresta se non vogliono fare una fine ancora peggiore. Purtroppo, questi delinquenti fanno la scelta sbagliata e si ripresentano nel bosco in compagnia di un gruppo di loro compagni, assieme al capo banda Maddock (David Hess), il loro scopo è quello di uccidere Jonathan. Il nostro protagonista, però, riesce ugualmente a raggiungere l’accampamento Dakota, per scoprire che ora il capo villaggio è suo fratello Chatow (Knifewing Segura). Il viso pallido decide di mettere la testa a posto e di sposare la bella squaw Shaya (Melody Robertson), purtroppo però l’avanzare del progresso gli strapperà via anche questo fazzoletto di felicità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori