La stella di latta/ Su Rete 4 il film con John Wayne: il ruolo della controfigura dell’attore

- La Redazione

La stella di latta, il film in onda su Rete 4 oggi, martedì 8 novembre 2016. Nel cast: John Wayne e George Kennedy, alla regia Andrew V. McLaglen. La trama del film nel dettaglio

Foto-Mediaset_new
film

La stella di latta è il film che andrà in onda su Rete 4 oggi, martedì 8 novembre 2016, nel pomeriggio. Una pellicola dal genere western, che è stata affidata alla regia di Andrew V. McLaglen. All’epoca delle riprese del film, il grande John Wayne aveva ormai compiuto 66 anni e non era più in grado di sostenere gli sforzi fisici che la sua carriera di eroe indomito e solitario ha sempre richiesto. Anche lo stare a cavallo per svariate ore, iniziava ad essere difficoltoso per il nostro protagonista. Per questo il regista Andrew V. McLaglen decise di chiedere a Wayne di montare in sella soltanto nelle scene dove veniva ripreso da vicino, per il resto del film la sua controfigura era invece impersonata dall’attore Chuck Roberson.

La stella di latta è il film in onda su Rete 4 oggi, martedì 8 novembre 2016 alle ore 16.35. Una pellicola dal genere western che è stata prodotta nel 1973 che si basa su un romanzo dello scrittore statunitense Barney Slater. La sua regia è stata firmata dall’ottimo Andrew V. McLaglen, autore britannico nato a Londra nel 1920, suo padre era un celebre attore inglese ed il regista è cresciuto circondato da alcuni dei maggiori artisti del suo tempo. Tra le sue opere migliori ricordiamo, “I due invincibili”, “Chisum” e “I 4 dell’Oca selvaggia”. Per quanto riguarda, invece, il cast che ha preso parte a questa produzione, definirlo maestoso non è un’esagerazione, l’attore protagonista del film è il grande John Wayne, re assoluto del cinema western statunitense ed una delle maggiori star di Hollywood di sempre. Al suo fianco recitano altri grandi attori come, per esempio, il newyorchese George Kennedy, premio Oscar nel 1978 per la sua magistrale interpretazione di Dragline in “Nick mano fredda!”, per la regia di Stuart Rosenberg. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

J.D. Cahill (John Wayne), il protagonista della nostra pellicola, è un tutore della legge nel Lontano West. La sua sete di giustizia e la sua ferrea morale lo portano a gettarsi anima e corpo nel lavoro, al punto di trascurare la sua famiglia. Cahill, infatti, è rimasto vedovo da svariati anni e deve crescere da solo i suoi due figli adolescenti Danny (Gary Grimes) e Billy Joe ‘Pulcino’ (Clay O’Brien), anche se troppo spesso dimentica i propri doveri di padre per dedicarsi con impegno e dedizione alla sua professione di sceriffo. I due ragazzi si sentono soli ed abbandonati ed iniziano a percorrere una brutta china, forse per attirare le attenzioni del padre o forse per vendicarsi delle sue continue assenze, Danny e Billy si uniscono alla banda criminale di Abe Fraser (George Kennedy) e lo aiutano a svaligiare una banca locale. Pulcino, in particolare, ha un ruolo chiave nell’intera faccenda dato che è stato incaricato di trovare un adeguato nascondiglio alla ricca refurtiva. Come se ciò non fosse sufficiente, ci scappa il morto e lo sceriffo Grady (Walter Barnes), vecchio compagno d’avventure di Chaill, viene ucciso dagli uomini di Abe Fraser. Quando scopre tutta la faccenda, anche se ignora ovviamente che i suoi stessi figli sono stati coinvolti nella rapina, il nostro protagonista decide di cercare i banditi e di assicurarli in modo definitivo alla giustizia federale, dopo aver trovato una sistemazione adeguata per il suo figlio minore presso una affettuosa donna locale di nome Hetty Green (Marie Windsor), parte in compagnia del diciassettenne Danny e di Lightfoot (Neville Brand), nativo americano appartenente alla tribù comanche e scout di grande fama. Sul loro cammino, il terzetto incontra un gruppo di scapestrati che Chaill individua subito come potenziali colpevoli. Grazie alla sua autorità perquisisce il loro bagaglio e vi trova all’interno un mucchio di dollari nuovi di zecca. Questi disgraziati affermano con convinzione di non centrare nulla con la rapina alla banca e soprattutto con la morte dello sceriffo Grady, hanno avuto il denaro in modo disonesto ma senza ammazzare nessuno. Il nostro protagonista non crede alle loro parole e li traduce in carcere dove un giudice li condannerà a morte…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori