C’era un cinese in Coma / Su Iris il film con Carlo Verdone: ecco le curiosità sulla pellicola

- La Redazione

C’era un cinese in coma, il film in onda su Iris oggi, sabato 10 dicembre 2016. Nel cast: Carlo Verdone che ha diretto anche la regia, Giuseppe Fiorello e Marit Nissen. La trama

iris_logo
film prima serata

C’era un cinese in coma, è il film che andrà in onda su Iris oggi, sabato 10 dicembre 2016. Una commedia italia che è stata diretta da Carlo Verdone che si è occupato anche della stesura del soggetto e della sceneggiatura con Giovanni Veronesi e Pasquale Plastino. La produzione del film è stata gestita da Vittorio Cecchi Gori con la casa di produzione Cecchi Gori Group. Il montaggio della pellicola è stato effettuato da Antonio Siciliano con gli effetti speciali che sono stati realizzati da Renato Agostini e le musiche della colonna sonora che sono state composte da Fabio Liberatori e la scenografia ideata e realizzata da Franco Velchi. La pellicola è stata prodotta in Italia nel 2000 e la sua durata è pari a 105 minuti. Tra le curiosità legate al film: Carlo Verdone ha ottenuto una nomination al premio David di Donatello e al Nastro d’argento edizioni 2000 per la categoria “migliore attore protagonista”.

C’era un cinese in coma è il film in onda su Iris oggi, sabato 10 dicembre 2016 alle ore 21.00. Una commedia prodotta in Italia nel 2000 per la regia di Carlo Verdone, che ha collaborato anche al soggetto e alla sceneggiatura. Oltre allo stesso Carlo Verdone che ha recitato nel ruolo del protagonista della storia, il cast vanta la presenza di Giuseppe Fiorello, dell’attrice tedesca Marit Nissen e dell’attrice ucraina Anna Safroncik. Il film è stato prodotto da Vittorio Cecchi Gori. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

Ercole Preziosi (Carlo Verdone) lavora nel mondo dello spettacolo, è uno showman che non hai riscosso molto successo. Anche durante la sua ultima esibizione, il pubblico non ha mostrato di gradire la sua performance. Ercole è sposato con Eva (Marit Nissen) e ha un figlia che si chiama Maruska (Anna Safroncik): in casa non conta niente e spesso viene ignorato dalle sue due donne. L’agenzia che gli rimedia il lavoro è in crisi e al momento può contare soltanto sulla bravura di un comico siciliano, un certo Rudy Sciacca (Lucio Caizzi). Questi viene scritturato per uno spettacolo, ma si infortuna e chiede al suo autista Nicola Renda (Giuseppe Fiorello) di sostituirlo in scena, perché è convinto che sia molto bravo a raccontare barzellette. L’autista è perplesso, poi accetta di esibirsi e il pubblico mostra un grande entusiasmo. Diventa così il comico del momento e colleziona un successo dietro l’altro con lo pseudonimo di Niki, ma si monta la testa, inizia a fare uso di droga e fa di Ercole il suo autista e segretario tuttofare. Il Preziosi chiede più volte a Niki di divertire il pubblico con la famosa barzelletta del “cinese in coma”ma Niki non solo non lo ascolta ma addirittura lo invita sul palco durante uno spettacolo e gli raccontare quella stessa barzelletta, esponendolo allo scherno degli spettatori presenti in sala. Un famoso produttore invita sia Ercole che Niki a casa sua ma quest’ultimo vuole andarci da solo, visto che ha intenzione di chiudere ogni rapporto col Preziosi. L’uso eccessivo di alcol e di droga porta il comico a perdere il consenso del pubblico, arriva persino a presentarsi ad uno spettacolo completamente ubriaco. Quella stessa sera Ercole viene a sapere che Niki, senza consultarlo, ha firmato delle proposte di lavoro, l’uomo si sente deluso ed avvilito e decide di interrompere ogni rapporto di lavoro con Niki. Rientrato a casa, scopre che la moglie l’ha abbandonato assieme alla figlia, riesce comunque a trovare Eva, la moglie che è ospite di una sua amica, e si riappacifica con lei. La figlia, invece è con Niki, che nel frattempo è diventato il suo fidanzato. Ercole va a cercare Maruska e assiste ad una violenta discussione tra i due, la ragazza non è più disposta a sopportare le insolenze del fidanzato che, ogni volta, invece di riaccompagnarla a casa la manda via in taxi… Come reagirà Ercole dopo questa sceneggiata?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori