LA PROVA DEL CUOCO/ Ricette puntata 9 dicembre 2016: gli Alberelli di Natale, gli spaghetti con aragosta e il panettone con limoncello

- La Redazione

La prova del cuoco, ricette puntata 9 dicembre 2016: gli Alberelli di Natale, gli spaghetti con aragosta e il panettone con limoncello, che altro presenteranno oggi su Rai 1?

antonellaclerici
Antonella Clerici, conduce La Prova del Cuoco

Antonella Clerici tornerà in scena su Rai 1 oggi, lunedì 12 dicembre 2016, con un nuovo appuntamento insieme a La prova del cuoco, dopo la pausa dettata dal weekend. In attesa di scoprire quali ricette verranno presentate al pubblico, diamo uno sguardo a quello che è accaduto lo scorso venerdì. La ricetta sprint è ovviamente a tema natalizio, ovvero gli alberelli di Natale. Si lessano le patate e si schiacciano successivamente. In una ciotola si aggiungono la rucola tagliata e l’ uovo, senza dimenticare il pepe e il sale: si mette tutto in una sac a poche e si distribuisce sulla teglia del forno formando dei riccioli come degli alberelli. SI lascia cucinare per 25 minuti a 210 gradi e intanto si prepara con il formaggio a pasta dura le stelline, che andremo ad utilizzare sulla punta come decorazione. Il tema rimane sempre il Natale, con le differenze tra Nord e Sud. Si parte con la Campania, dove il piatto principale è il maiale: minestra maritata e salsiccia di totano e maiale con friarielli sono i due piatti tipici che verranno preparati dai concorrenti campani. La minestra maritata si parte facendo soffriggere erbe spontanee e cucinando la parte meno nobile del maiale, visto che spesso questo animale veniva utilizzato tutto senza sprechi. La salsiccia di totano con friarielle è invece un mix di mare e montagna davvero inusuale: si pulisce il totano e si macina, aggiungendolo poi alla carne di maiale. Si condisce il tutto con finocchietto selvatico, vino bianco, sale e pepe e successivamente si insacca nel budello. Una volta preparato si fa soffriggere con i friarielli, tipica verdura campana. Ma il Trentino risponde con il garretto di vitello, ovvero lo stinco. Un piatto impegnativo, visto che ci vogliono quattro ore per poterlo cucinare. Si parte facendo rosolare la carne, tipo se fosse brasato. Poi si toglie dalla padella e si caramella lo zucchero a velo, a cui viene aggiunta la cipolla tagliata in pezzi grandi, le carote, le cime di prezzemolo, il porro, l’ aglio e lo zenzero. Si aggiunge poi il concentrato di pomodoro e il vino rosso, aggiungendo poi il brodo. Successivamente si aggiunge di nuovo il garretto e si cuoce in forno. Come contorno vengono proposte patate saltate, che vengono prima lessate. Non si devono cuocere troppo e si aggiunge successivamente sale, pepe e un po’ di prezzemolo. Il tutto si cuoce in sette/otto minuti facendole saltare.

Arriva poi il momento di Pascucci, che presenta un piatto di pesce raffinato, ovvero gli spaghetti con aragosta. Si crea dunque il classico brodo vegetale, dove inseriremo l’aragosta. Il consiglio dello chef è di mettere da parte la parte gialla del corallo. Si soffrigge la testa dell’aragosta con aglio, olio e altre spezie e quando rosolata si sfuma con il vino bianco. Si aggiunge poi il pomodoro e si fa cuocere il tutto con altro brodo. Una volta pronti gli spaghetti si fa saltare il tutto, unendo anche il corallo. La puntata si chiude con Sal De Riso e la sua versione del panettone con il limoncello. Si parte con il primo impasto, ovvero la biga a cui verrà aggiunto lo zucchero, l’uovo e la farina. Si lavora il tutto e pian piano si aggiunge il burro e i tuorli. La seconda lievitazione sarà di ben otto ore. Si rimpasta il tutto, a cui aggiungeremo miele, tuorli e butto. Il consiglio è quello di impastare per quasi un’ora. Una volta portato a termine il procedimento, si lascia lievitare a circa 30° e poi si cuoce a 160° per 45 minuti. Per preparare la crema si scalda la panna con le scorze di limone: si unisce il cioccolato fuso e il limoncello. Si fora dunque il panettone e si unisce la crema, mentre i riccioli di cioccolato bianco serviranno per decorare il dolce, un vero e proprio tocco di stile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori