Scusate se esisto / Film su Rai 1, il regista Riccardo Milani. Diretta streaming e trailer della pellicola con Paola Cortellesi

- La Redazione

Scusate se esisto, il film in onda su Rai 1 oggi, mercoledì 14 dicembre 2016. Nel cast: Paola Cortellesi e Raul Bova, alla regia Riccardo Milani. La trama del film nel dettaglio. 

rai_1_logo_R439
film prima serata

Il film Scusate se esisto è diretto da Riccardo Milani regista romano classe 1958. Questi presto sarà di nuovo nelle sale con Mamma o papà?, altra commedia che aiuta a riflettere. Il regista divenne famoso nel 1997 quando diresse lo splendido Auguri Professore con Silvio Orlando nello storico ruolo del professore Vincenzo Lipari. La sua opera seconda fu un altro film in grado di far scuotere la critica in maniera positiva e cioè La guerra degli Antò. Dopo aver diretto Il posto dell’anima è stato il regista dello splendido Piano, solo con Kim Rossi Stuart. Negli ultimi anni ha diretto anche il film Benvenuto Presidente con Claudio Bisio che diventa Presidente della Repubblica a causa di uno scambio di persona. Riccardo Milani ha fatto anche molta televisione e sicuramente il suo successo più grande nel piccolo schermo è Tutti pazzi per amore commedia musicale con Emilio Solfrizzi protagonista. L’anno passato abbiamo visto in televisione un’altra serie da lui diretta, l’ironica commedia d’amore E’ arrivata la felicità con Claudia Pandolfi e Claudio Santamaria.

Il film “Scusate se Esisto” è una commedia che tocca diversi argomenti molto attuali nella società moderna, dalle difficoltà delle donne nel mondo del lavoro, all’omosessualità, portando a galla il tema della “necessità” di nascondersi per cercare di integrarsi o accontentare qualcuno. Raoul Bova in una intervista rilascia a Vanity Fair usa queste parole per spiegare meglio il tema che vuole affrontare la pellicola “Succede a tutti, di fingere un po’ per accontentare qualcuno, dal datore di lavoro ai genitori, ai figli… finché la realtà non ti pone di fronte alla necessità di chiedersi ‘Chi sei veramente?'”. L’attore per la prima volta ha dovuto ricoprire un nuovo ruolo passando dal classico sex symbol a quello di un ristoratore divorziato e omosessuale. Nel film ci sarà anche la famosa scena in cui vedremo il bacio tra Raoul Bova e il suo ragazzo interpretato da niente meno che Marco Bocci. Per chi invece preferisce seguire la sua diretta streaming, potrà usufruire del sito ufficiale Rai, cliccando qui

Un film tutto italiano, uscito nelle sale cinematografiche lo scorso anno è pronto a campeggiare nel prime time di Rai Uno oggi, mercoledì 14 dicembre alle ore 21.25, la rete trasmetterà il film Scusate se esisto!. Si tratta di una commedia diretta da Riccardo Milani ed ispirata alla storia vera di Guendalina Salimei. Nel cast sono presenti Paola Cortellesi e Raoul Bova, affiancati da Lunetta Savino, Marco Bocci, Corrado Fortuna ed Ennio Fantastichini. Il trailer ufficiale è disponibile cliccando qui si focalizza sulla figura della protagonista Serena, donna in carriera che sceglie di tornare in Italia nonostante il grande successo ottenuto a Londra. Riparte da zero e incontra Francesco, che si rivela omosessuale. Per chi invece preferisce seguire la sua diretta streaming, potrà usufruire del sito ufficiale Rai, cliccando qui.

Scusate se esisto, è il film che andrà in onda su Rai 1 oggi, mercoledì 14 dicembre 2016, in prima serata. Le musiche della colonna sonora sono state composte da Andrea Guerra non fanno altro che impreziosire un opera, che già dalla sua presentazione ha attirato le simpatie della critica e degli addetti ai lavori, simpatia che di fatto ne hanno decretato il successo non solo al botteghino, ma anche nei vari concorsi cinematografici. Il film è stato girato interamente in Italia con alcune location che vedono protagonista il borgo di Pescasseroli in provincia dell’Aquila, borgo poi divenuto tristemente famoso per il devastante terremoto che ha colpito la zona. La pellicola alla sua uscita ha fatto incetta di riconoscimenti, tra questi si segnalano il Premio Dedalo Minosse Cinema come Miglior film, e molte nomination (anche quella al David di Donatello) alla Migliore attore protagonista. La pellicola al botteghino ha avuto un buon riscontro, ricompensando totalmente la produzione per le ingenti spese sostenute.

Dopo “Nessuno mi può giudicare”, Raoul Bova e Paola Cortellesi tornano a recitare insieme in “Scusate se esisto”, il film prodotto da Fulvio e Federica Lucisano per Italian International Film con Rai Cinema che andrà in onda questa sera, 14 dicembre 2016, su Rai Uno in prima tv. La pellicola è ispirata alla storia vera dell’architetto italiano Guendalina Salimei. La fondatrice del T Studio e docente della Sapienza è una vera “archistar”, l’ultima in ordine di tempo dell’architettura italiana. Paragonata a Zaha Hadid e definta “punta di diamante” delle donne progettiste da Luigi Prestinenza Puglisi, ha visto la sua storia prefessionale approdare sul grande schermo grazie all’interpretazione di Paola Cortellesi. Guendalina Salimei ha vinto concorsi in mezzo mondo e ha progettato una nuova Venezia vietnamita nella baia di Holong. In un’intervista rilasciata un paio d’anni fa al Corriere della Sera, l’archistar ha parlato così della pellicola: “Mi chiama il regista e mi racconta di una commedia con un’architetta protagonista. Mi dice che ha bisogno di me. Di me? E lui: incontriamoci”. Al centro del film c’è la ristrutturazione del Corviale, la grande muraglia romana: “Milani e Cortellesi sapevano tutto del mio progetto: che era già stato selezionato, e che lo avevo chiamato “Il chilometro verde”, perché avevo immaginato un giardino pensile. Volevano conoscere i dettagli, il prima, il come, il perché”. A Guendalina il film è piaciuto molto: “Fa ridere e fa pensare”.

Scusate se esisto è il film in onda su Rai 1 oggi, mercoledì 14 dicembre alle ore 21.25, una bella commedia italiana interpretata da Paola Cortellesi e Raul Bova, prodotta nel 2015 dalla Italian International Film in collaborazione con Rai Cinema. La storia di base sull’attuale discriminazione femminile, che ancora in Italia non consente a molte professioniste di ottenere un lavoro all’altezza delle loro competenze. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film. 

Serena una brava e ambiziosa donna laureata con ottimi voti in architettura, gode della grande stima del suo datore di lavoro che ha una società in Inghilterra, paese nel quale si era trasferita subito dopo la laurea in cerca di lavoro. La donna a Londra cura importanti progetti di ristrutturazione, e si fa valere sia per il suo carattere che per la sua competenza, particolarità che la fanno spiccare in quella grande comunità italiana che popola la capitale inglese. Il richiamo della terra natia, essendo lei abruzzese, è però troppo forte, e la ragazza sicura della sua preparazione decide di abbandonare il paese di sua maestà britannica, e di fare ritorno nel bel paese. Qui la donna si scontra suo malgrado con il bigottismo della società italiana, che predilige a donne brave, uomini sicuramente meno bravi. La donna che è interpretata magicamente da Paola Cortellesi, non riesce a trovare uno sbocco occupazionale all’altezza delle proprie aspettative, e i lavoretti che rimedia la umiliano psicologicamente. Al massimo della disperazione Serena ha un idea a suo modo veramente geniale, candida infatti per l’ottenimento di un importante lavoro nel quartiere romano di Corviale, un fantomatico architetto maschio, architetto a cui fa finta di essere legata da un contratto di segretariato. L’escamotage grazie anche alla valenza della proposta presentat ai committenti, riesce a far ottenere l’incarico a Serena, che però si trova nella scomoda posizione d non poter dire la verità a meno di non perderela commessa. Ed è cosi che la trama procede, Serena fa amicizia con un bravo e bello uomo gay (Raul Bova) che viene spacciato per l’architetto firmatario della proposta di ristrutturazione, una ristrutturazione che viene portata avanti tra chiamate in videoconferenza e appuntamenti, che di fatto sono gestiti totalmente dalla donna. Il finale inaspettato fa riflettere lo spettatore sull’attuale condizione italiana, una condizione che potrà nel futuro essere cambiata, anche grazie a film di questo tenore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori