L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNEST/ Su Rete 4 il film con Colin Firth e Rupert Everet. Le curiosità sulla pellicola (oggi, 15 dicembre 2016)

L’importanza di chiamarsi Ernest, il film in onda su Rete 4 oggi, giovedì 15 dicembre 2016. Nel cast: Colin Firth e Rupert Everet, alla regia Oliver Parker. La trama del film nel dettaglio.

15.12.2016 - La Redazione
Foto-Mediaset_new
film

È il film che andrà in onda su Rete 4 oggi, giovedì 15 dicembre 2016. Una pellicola dal genere commedia che è stata affidata alla regia di Oliver Parker con il soggetto che è stato tratto da un lavoro teatrale di Oscar Wilde “L’importanza di chiamarsi Ernesto”. La sceneggiatura è stata curata dallo stesso regista mentre il montaggio del film è stato realizzato da Guy Bensley con le musiche della colonna sonora scritte da AA. VV., la scenografia invece è stata ideata da Luciana Arrighi, Paul Ghirardani e Ian Whittaker, la casa di produzione che ha aderito a questo progetto invece è la Miramax Film e la Ealing Studios. Il film è stato prodotto nel Regno Unito e negli Stati Uniti nel 2002 con la durata di 90 minuti circa. Curiosità: La scena in cui Rupert Everett schiaffeggia Colin Firth sul sedere e gli bacia la guancia sono frutto d’improvvisazione. Il regista Oliver Parker ha ritenuto che la reazione di Firth fosse talmente esilarante da decidere di lasciare la scena nella sua naturalezza, senza ripeterla artificiosamente.

, film in onda su Rete 4 oggi, giovedì 15 dicembre 2016 alle ore 16.50. Una commedia in costume ambientata nell’Inghilterra vittoriana, essa si basa su un celebre dramma di Oscar Wilde, uno degli autori britannici più celebri della storia della letteratura. Dietro alla macchina da presa possiamo trovare Oliver Parker, regista londinese che ha una vera e propria passione per l’opera dello scrittore irlandese, nel corso della sua carriera, infatti, ha portato sul grande schermo altre produzioni tratte da alcune importanti opere di Wilde come, ad esempio, “Un marito ideale” e “Dorian Gray”. Venendo a parlare, invece, del cast che ha preso parte a questa produzione, il ruolo del protagonista è stato affidato all’affascinante Colin Firth, uno degli attori inglesi più apprezzati sulla scena internazionale grazie alla sua partecipazione a pellicole popolari come “Il diario di Bridget Jones”, “Il discorso del re” e “Orgoglio e pregiudizio”. Lo affianca il bellissimo Rupert Everet, indimenticabile interprete di “Another Country – La scelta” e di “Il matrimonio del mio migliore amico”. Non possiamo non citare, infine, la presenza della grandissima Judi Dench, splendida interprete britannica che nel corso della sua straordinaria carriera ha recitato per registi di primo piano come, ad esempio, James Ivory, Kenneth Branagh, John Madden, Franco Zeffirelli, Stephen Frears, Sam Mendes e Tim Burton. Ma scopriamo la trama del film nel dettaglio.

Siamo nell’Inghilterra della fine dell’Ottocento, qui conosciamo Algernon Moncrieff (Rupert Everett) ed Ernest Worthing (Colin Firth), due aristocratici della migliore società londinese. I due sono amici da sempre anche se negli ultimi tempi hanno minori occasioni di vedersi rispetto ad un tempo, Moncrieff, infatti, popola la vita mondana della capitale. Worthing, invece, si è da qualche tempo ritirato nella casa di campagna della sua famiglia. Inoltre, tutti e due hanno alcuni segreti inconfessabili, il primo ha fatto sapere a tutti che spesso si reca a far visita al suo vecchio ed infermo amico Bunbury in provincia, anche se in realtà tale persona non esiste. Il secondo, invece, nonostante il suo vero nome sia Jack, finge di avere un gemello identico a lui in tutto e per tutto di nome Ernest, è con questa identità che si reca a Londra per vivere avventure emozionanti e non sempre irreprensibili. Grazie a questi stratagemmi i due aristocratici riescono ad assentarsi temporaneamente dalle loro vite noiose e poco eccitanti. Le cose per Jack si cambieranno in modo repentino, il nostro protagonista, infatti, conosce la bellissima Gwendolen Fairfax (Frances O’Connor), stretta parente del suo caro amico. Il nobile perde la testa per lei e capisce di aver finalmente trovato la sua donna ideale, l’unica che possa essere degna di essere sua moglie. Il problema è che la fanciulla ha una strana fissazione, ha deciso che sposerà solo un uomo che abbia Ernest come nome di battesimo. Il suo proposito è talmente forte che la giovane, nonostante trovi il nostro Jack piuttosto attraente, è costretta a rifiutare la sua corte. Inoltre, la severa Lady Bracknell (Judi Dench), madre della fanciulla, è assolutamente contraria a questa unione dato che ha scoperto che Jack in realtà è un orfano che è stato adottato dai Worthing dopo essere stato ritrovato all’interno di una cesta in una stazione di Londra. Nel frattempo, Algernon si è recato a far visita all’amico nella sua tenuta di campagna, quando scopre che Jack non è in casa, finge di essere suo fratello Ernest ed inizia a frequentare la graziosa Cecily Cardew (Reese Witherspoon), la pupilla del suo amico. Fatalità, anche la giovane desidera sposare un uomo che si chiami Ernest..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori