Assassino Sull’Orient Express/ Le curiosità sul film con Albert Finney e Lauren Bacall in onda su Iris

- La Redazione

Assassino sull’orient express, il film in onda su Iris oggi, sabato 17 dicembre 2016. Nel cast: Albert Finney e Lauren Bacall, alla regia Sidney Lumet. La trama del film nel dettaglio

iris_logo
film prima serata

, è il film che andrà in onda su Iris oggi, sabato 17 dicembre 2016. Una pellicola dal genere thriller che è stata affidata alla regia di Sidney Lumet e basata su un soggetto tratto dal romanzo di Agatha Christie con la sceneggiatura che è stata estesa da Paul Dehn e la fotografia gestita da Geoffrey Unsworth. Il montaggio del film è stato effettuato da Anne V. Coates con gli effetti speciali che sono stati realizzati da Ken Speed e con le musiche della colonna sonora che sono state composte da Richard Rodney Bennett e la scenografia ideata da Tony Walton che ha firmato anche la realizzazione dei costumi di scena. Il film è stato prodotto in Gran Bretagna nel 1974 e la sua durata si estende per 122 minuti. Curiosità: Al film ha partecipato una 84enne Agatha Christie: per la prima volta la scrittrice si è detta completamente soddisfatta di una trasposizione cinematografica tratta da una della sue opere. In particolar modo ha trovato che l’attore Albert Finney fosse assolutamente perfetto nella parte del detective belga. Questa apparizione pubblica fu l’ultima per la grande giallista: la Christie, infatti, morì nel 1976, poco più di un anno dopo.

Assassino sull’Orient Express è il film in onda su Iris oggi, sabato 17 dicembre 2016 alle ore 21.00. Una pellicola che è stata realizzata nel 1974 che si basa sull’omonimo romanzo scritto dalla regina del giallo Agatha Christie. Dietro la macchina da presa troviamo Sidney Lumet, uno dei registi più prestigiosi dell’intera storia del cinema, tra i suoi film più celebri ricordiamo “La collina del disonore”, “Uno sguardo dal ponte”, “Quinto potere” e “Serpico”. Venendo a parlare del cast che ha preso parte a questa pellicola, il protagonista ha il volto di Albert Finney, indimenticabile interprete nel “Tom Jones” di Tony Richardson. Tornerà a recitare per Sidney Lumet nel 2007, nel bellissimo film “Onora il padre e la madre”. Al suo fianco recitano altri attori di primo piano come, ad esempio, Lauren Bacall, affascinanye femme fatale di alcune pellicole che hanno letteralmente fatto la storia del cinema come “Acque del Sud”, “Come sposare un milionario” e “Il grande sonno”. Non si può non citare la presenza della splendida Ingrid Bergman, attrice svedese che nel corso della sua brillante carriera ha recitato per alcuni dei registi più prestigiosi della storia del cinema come, per esempio, Roberto Rossellini, Alfred Hitchcock, Victor Fleming, Sam Wood, George Cukor e Jean Renoir. A dimostrazione che siamo di fronte ad un film corale, durante la sua messa in onda sarà possibile apprezzare altri attori di primo piano come Jacqueline Bisset, Sean Connery, Anthony Perkins e Vanessa Redgrave. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

Siamo nel dicembre del 1975, Hercule Poirot (Albert Finney) è un detective belga di grande acume che si trova a viaggiare a bordo dell’Orient Express per tornare in Inghilterra. A bordo del treno incontra il Signor Bianchi (Martin Balsam), suo vecchio amico e direttore della Compagnie Internationale des Wagons-Lits, azienda proprietaria del treno di lusso. L’uomo si prodiga affinché Poirot riesca ad ottenere una cabina singola. Mentre si trova in viaggio, il nostro detective viene contattato da uno dei passeggeri, il miliardario statunitense Samuel Ratchett (Richard Widmark), l’uomo, che viaggia assieme al suo segretario personale Hector McQueen (Anthony Perkins) e al suo maggiordomo inglese Beddoes (John Gielgud), da qualche tempo riceve strane e preoccupanti minacce contro la sua persona tramite oscure lettere anonime. È convinto che il suo persecutore presto passerà dalle parole ai fatti e, quindi, chiede a Poirot di scoprire l’identità dell’uomo. L’investigatore è all’apice della sua carriera e può concedersi il lusso di rifiutare i casi che non lo interessano molto, come quello proposto alla sua attenzione da Ratchett. Durante la notte, mentre il treno viaggia tra le innevate alture della Iugoslavia, il nostro protagonista viene disturbato innumerevoli volte da alcuni schiamazzi, la vedova statunitense Harriet Hubbard (Lauren Bacall) arriva persino a chiamare Pierre-Paul Michel (Jean-Pierre Cassel), il responsabile della vettura, perché è convinta che un malintenzionato si sia introdotto nella sua cabina con il favore delle tenebre. Il detective ritiene che la donna sia una mitomane in preda a bizzarre allucinazioni, solo il mattino dopo dovrà ricredersi. Samuel Ratchett viene trovato morto nel suo letto, ucciso da una serie di innumerevoli coltellate. Il Signor Bianchi è molto preoccupato che a causa del delitto possa scoppiare uno scandalo di grande portata, chiede quindi a Poirot di indagare in prima persona prima che le forze dell’ordine iugoslave salgano a bordo dell’Orient Express.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori