FAMIGLIA BARBIERE / I due figli disabili frodati dall’avvocato del Caf: arrestato anche il legale che li ha difesi (Le Iene Show, 18 dicembre 2016)

- La Redazione

Famiglia Barbiere, frodati due volte dagli avvocati: Giuseppe Arnone denunciato dal primo legale per estorsione di denaro (Le Iene Show, 18 dicembre 2016). 

le_iene_R439
Le Iene

La famiglia Barbiere, composta da mamma Cinzia e quattro figli, sembra essere finita nel centro di un vortice giudiziario senza fine. Secondo la ricostruzione de Le Iene andata in onda il 12 dicembre scorso, alcuni anni fa, la famiglia ha infatti intentato causa contro l’Inps per ottenere il rimborso per la pensione per disabili di uno dei quattro figli della donna, di cui tre disabili. Un’operazione condotta con successo grazie all’intervento dell’avvocato del Caf, a cui Cinzia si era rivolta per poter ottenere i soldi del figlio. Una volta vinta la causa, l’avvocato Francesca Picone aveva tuttavia richiesto 7 mila euro, su 14 mila totali riscossi dalla famiglia, come pagamento della propria parcella. Le Iene Show si erano già occupate della vicenda durante una delle ultime puntate e ritornerà a parlarne questa sera, domenica 18 dicembre 2016, nel nuovo appuntamento con il programma. In un primo momento Cinzia aveva comunque pagato la parcella, pensando che fosse finita in quel modo ed impaurita dalle velate minacce che il legale le avrebbe inviato. Con l’ottenimento degli arretrati della seconda pensione, del secondo figlio della donna, le cose precipitano e l’avvocato, sempre stando alla ricostruzione de Le Iene, richiede come parcella l’intero pagamento del risarcimento, pari a 14 mila euro. 

La vicenda della famiglia di Cinzia Barbiere, della provincia di Agrigento, non finisce qua. Come ci era già stato annunciato dall’inviato stesso, Gaetano Pecoraro si concentrerà su quelli che sono gli ultimi sviluppi che riguardano la famiglia. Dopo essere stati truffati dall’avvocato del Caf, accusato di estorsione di denaro, anche il legalee a cui la famiglia si era rivolta per gestire la causa, l’avvocato Giuseppe Arnone, è finito sotto inchiesta in seguito alla denuncia della Picone, che ha mosso a sua volta nei suoi confronto l’accusa di estorsione. La famiglia Barbiere continua intanto a non avere i soldi che avrebbe dato senza legittimità al primo avvocato e proprio di questo si occuperà la Iena, che cercherà di capire come mai il risarcimento non sia ancora arrivato. Cinzia Barbiere alla periferia di Agrigento con i suoi quattro figli La vicenda della famiglia di Cinzia Barbiere, della provincia di Agrigento, non finisce qua. Come ci era già stato annunciato dall’inviato stesso, Gaetano Pecoraro si concentrerà su quelli che sono gli ultimi sviluppi che riguardano la famiglia. Dopo essere stati truffati dall’avvocato del Caf, accusato di estorsione di denaro, anche il legalee a cui la famiglia si era rivolta per gestire la causa, l’avvocato Giuseppe Arnone, è finito sotto inchiesta in seguito alla denuncia della Picone, che ha mosso a sua volta nei suoi confronto l’accusa di estorsione. La famiglia Barbiere continua intanto a non avere i soldi che avrebbe dato senza legittimità al primo avvocato e proprio di questo si occuperà la Iena, che cercherà di capire come mai il risarcimento non sia ancora arrivato. Clicca qui per rivedere il servizio de Le Iene Show sulla famiglia Barbiere



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori