POIROT: MEMORIE DI UN DELITTO/ Su Rete 4 il film con David Suchet e Hugh Fraser, alla regia Andrew Grieve (oggi, 31 dicembre 2016)

- La Redazione

Poirot: memorie di un delitto, il film in onda su Rete 4 oggi, sabato 31 dicembre 2016. Nel cast: David Suchet e Hugh Fraser, alla regia Andrew Grieve. La trama del film nel dettaglio.

Foto-Mediaset_new
film

, il film in onda su Rete 4 oggi, sabato 31 dicembre alle ore 16.30. Una pellicola realizzata nel 2009 e che si basa sul romanzo “Aiuto Poirot!” scritto dalla regina del giallo inglese Agatha Christie. Per quanto riguarda la regia del film, dietro alla macchina da presa possiamo trovare il britannico Andrew Grieve, autore noto in massima parte per la sua produzione televisiva, come dimenticare, per esempio, la sua partecipazione alla popolare serie della BBC “Hornblower”. Anche il cast che ha preso parte a questo capitolo della serie cinematografica è davvero di ottimo livello, come al solito il sagace e scaltro investigatore belga ha il volto David Suchet, attore britannico nato a Londra nel maggio del 1946. Figlio d’arte (sua madre era la grande Joan Jarché), è riuscito a distinguersi per il suo talento e per la sua ottima recitazione. Accanto a lui torna il magistrale Hugh Fraser nel ruolo del fidato Arthur Hastings. Ricordiamo, infine, la presenza della popolare attrice inglese Diane Fletcher, interprete di razza che ha esordito sul grande schermo nel “Macbeth” di Roman Polanski. Ma ecco nel dettaglio la trama del film. 

Il capitano Arthur Hastings (Hugh Fraser) sta consumando la prima colazione nell’appartamento londinese che divide con l’investigatore privato belga Hercule Poirot (David Suchet). Il nostro protagonista, improvvisamente, riceve una lettera dal contenuto davvero straordinario, la missiva è una accorata richiesta di aiuto di Monsieur Paul Renauld (Damien Thomas). Senza por tempo in mezzo, Poirot e Hastings si recano a casa dell’uomo, collocata sulla costa settentrionale della Francia. Il loro arrivo viene monitorato da una bella ragazza con occhi ansiosi. Quando i nostri protagonisti suonano alla porta di Renauld, si trovano ad essere accolti dalla polizia che comunica loro tristemente che il padrone di casa è stato trovato privo di vita proprio quella mattina. Gli agenti francesi possono asserire con certezza che non è stata una morte naturale: l’uomo è stato ucciso da un killer misterioso senza ombra di dubbio. L’uomo, infatti, è stato attaccato nella sua stanza da letto intorno alle due del mattino da un misterioso assalitore. La signora Eloise Renauld (Diane Fletcher), sua moglie, è stata immediatamente legata ed immobilizzata, mentre suo marito è stato trascinato via dalla stanza per essere pugnalato alle spalle. Il cadavere è stato ritrovato in una buca scavata nel giardino della villa. All’interno dell’abitazione, al momento del delitto, c’erano solo tre cameriere di sesso femminile. Renauld, infatti, aveva mandato suo figlio Jack (Ben Pullen) in Sud America per lavoro. Il suo autista privato ed il suo segretario personale Gabriel Stonor (Terence Beesley), invece, avevano avuto il permesso di concedersi una vacanza, ottenendo così un alibi a prova di bomba. Una delle cameriere riferisce a Poirot che la sera prima la signora Bernadette Daubreuil ( Kate Fahy) ha fatto visita a Monsieur Renauld dopo che la moglie dell’uomo si era ritirata per la notte, la donna altri non è che la madre della giovane Martha (Sophie Linfield), la fanciulla che con tanta preoccupazione aveva osservato l’arrivo di Poirot ed Hastings solo poche ore prima. Inoltre, il nostro detective viene a sapere che il giorno prima la vittima aveva ricevuto una misteriosa signora che era riuscita a scatenare in lui un’ira inconsueta e dirompente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori