IN THE ELECTRIC MIST – NELL’OCCHIO DEL CICLONE/ Su Rai Movie il film con Tommy Lee Jones e Bertrand Tavernier

- La Redazione

In the Electric Mist – Nell’occhio del ciclone, il film in onda su Rai Movie oggi, mercoledì 7 dicembre 2016. Nel cast: Tommy Lee Jones e John Goodman, alla regia Bertrand Tavernier

logo_raiuno_28062016
Il film è in onda su Rai Movie in seconda serata

In the Electric Mist – Nell’occhio del ciclone è il film in onda su Rai Movie oggi, mercoledì 7 dicembre 2016 alle ore 23.25. Una pellicola del 2009 che si avvale di un cast dove è presente il Premio Oscar Tommy Lee Jones e che può contare anche su un attore dalla solida esperienza come John Goodman. Dietro la macchina da presa di questa pellicola thriller è possibile trovare il regista Bertrand Tavernier. Il film è tratto da un romanzo di James Lee Burke, uno dei maggiori esponenti ancora viventi della letteratura americana. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

La storia raccontata in questa pellicola thriller prende il via in un centro urbano della Lousiana, con il rinvenimento dei cadaveri di due giovani ragazze di strada che sono state brutalmente assassinate con identiche modalità, il che convince le autorità dell’esistenza di un serial killer. Incaricato delle indagini è Dave Robicheaux, attraverso le proprie indagini arriva a Giuliano Balboni, costui è esponente di spicco di una famiglia mafiosa italoamericana e uno dei collegamenti con i due brutali omicidi è il fatto che lui è tra i produttori di una pellicola sulla Guerra Civile Americana, il cui set è proprio nella zona dove sono avvenuti i ritrovamenti dei cadaveri delle due ragazze. Il detective fa la conoscenza di Elrod Skkes, attore principale della pellicola, che così come Dave convive con il problema dell’alcolismo. L’attore un giorno trova uno scheletro, è quello di un uomo incatenato. A questo punto il detective e l’attore cominciano entrambi a vedere spiriti di uomini che hanno combattuto la Guerra Civile e il detective, scavando nella sua memoria, si rende conto che quello scheletro incatenato non è altro che quello di un uomo di colore che lui aveva visto uccidere cinquant’anni prima e i cui responsabili non erano mai stati trovati. Elrod e la sua fidanzata sono sempre più legati al detective e se questo fa piacere alla figlia di quest’ultimo, lo stesso non si può certo dire per la sua compagna. E questa preoccupazione aumenta quando la fidanzata di Elrod viene assassinata perchè presa per il detective, vero obiettivo della mano assassina. A questo punto entra in scena l’FBI, che manda un’agente a supervisionare l’operato di Robicheaux. Quest’ultimo si ritrova a fare i conti con la decisione dei suoi superiori, dopo un suo errore, di togliergli il caso. E la sua situazione psicologica e professionale peggiora ulteriormente quando un collega che gli stava dando una mano sul caso del serial killer viene ritrovato morto, non si capisce bene se perchè assassinato o perchè suicidatosi. Nel frattempo però, il detective riesce a scoprire chi aveva ucciso l’uomo di colore mezzo secolo prima, il responsabile della morte fu un facoltoso uomo d’affari impegnato nel settore dello zucchero e che ora è in società con Murphy Doucet, il detective pensa che quest’ultimo ricatti l’uomo essendo a conoscenza proprio di quel delitto. Robicheaux scopre una foto dove Doucet era con il boss mafioso e con una delle due vittime del serial killer da qui fa il classico “due più due” e arriva a pensare di aver trovato il killer. Doucet viene incarcerato con un pretesto, ma viene scarcerato prima che si riescano a trovare prove. Tuttavia l’uomo, appena uscito di galera, conferma che le idee del detective erano esatte, rapendo sua figlia. A questo punto assistiamo alla conclusione della vicenda, con l’agente dell’FBI che ammazza il maniaco, che però si scopre poi essere disarmato. A questo punto Robicheaux organizza una messinscena per non far passare un guaio alla giovane collega,che pur rimanendo scioccata dal suo comportamento, lo ringrazia del gesto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori