CECILE/ “N.E.G.R.A”: eliminazione clamorosa (Nuove proposte, Festival di Sanremo 2016)

- La Redazione

Festival di Sanremo 2016, Nuove proposte: Cecile, all’anagrafe Cecile Vanessa Ngo Noug, è la cantante di origini africane che sul palco dell’Ariston canterà “N.E.G.R.A”

cecile
Cecile

Canzone che mischia antirazzismo e ribellismo riducendo il tutto a macchietta: forse per questo Cecile, la grande favorita, non è riuscita a raccogliere il consenso di pubblico e giornalisti, venendo clamorosamente eliminata al primo turno. In realtà la canzone su disco aveva un altro spessore, ha probabilmente influito la presenza non annunciata di un rapper sul palco insieme a lei, che invece di aggiungere ha sottratto energia al brano. L’annunciata sorpresa non c’è stata.

Originaria del Camerun, c’è grande attesa questa sera per Cecile, 21 anni, nata a Roma. Presenterà infatti una canzone molto coraggiosa e decisamente diversa dai canoni del festival, a base di amore e cuore. Lei invece canterà NEGRA, un brano autobiografico che parla delle difficoltà di tutti coloro che hanno la pelle di colore diverso in Italia, del razzismo e dello sfruttamento delle donne. Tra l’altro la ragazza ha a lungo giocato a basket da professionista in serie A femminile a Napoli nella squadra della Saces Dike. Riflettori dunque puntati su di lei, grande attenzione e curiosità per una ragazza che potrebbe avere i numeri per un futuro radioso nella musica. 

Cecile è una dei quattro giovani artisti che si esibiranno stasera al Festival di Sanremo 2016 nella categoria Nuove Proposte. La cantante di origini africane che canterà N.E.G.R.A ha una fan famosa, Micol Olivieri, che ha voluto farle un endorsement attraverso Instagram: “Ragazzi, vedete questa figa qui? Si chiama Cecile, é una mia amica e grande artista e questa sera, merc 10 febbr alle 20:54, Cecile salirà sul palco dell’Ariston per cantare N.E.G.R.A., nella sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo. È stata messa in una quartina difficilissima, perciò per passare il turno ed arrivare in finale ha bisogno di una valanga di voti…”. Clicca qui per vedere l’intero post e la foto.

Per la seconda volta consecutiva Carlo Conti presenterà il sessantesimo Festival di Sanremo in diretta dal teatro Ariston della cittadina ligure. Tra i giovani che si esibiranno nella categoria Nuove Proposte c’è Cecile con il brano N.E.G.R.A. Cecile Vanessa Ngo Noug è nata ad Ostia nel 1994 da genitori originari dell’Africa. La mamma Marie Madeleine, poichè giovanissima avendo solo 17 anni e perché impegnata come calciatrice della nazionale del Camerun, affida la piccola Cecile ad una suora laica del Centro per la Vita, suor Elena, che diventerà per Cecile nonna Elena e che ancora adesso viene considerata come una seconda mamma. Anche se giovanissima, Cecile ha saputo coltivare con determinazione diverse passioni nella vita, ottenendo sempre brillanti risultati. Alla musica si è avvicinata prestissimo grazie anche a nonna Elena che è stata la prima a regalarle strumenti musicali. Ha poi approfondito la conoscenza musicale suonando il violino. A soli sette anni è entrata a far parte di un coro. La sua particolare vocalità l’ha avvicinata al genere rapper, ha anche studiato recitazione e ballo, moderno e hip-hop.

L’altra passione importante di Cecile è il basket che l’ha portata a soli 15 anni a trasferirsi in Emilia Romagna per giocare anche in serie A. Come ha raccontato in una recente intervista, il brano N.E.G.R.A. racconta la sua storia. A scriverla è stato il suo produttore Lorenzo Lombardi Dallamano al quale Cecile ha affidato le proprie confidenze, le difficoltà ad affrontare l’ignoranza e l’ipocrisia di alcune persone, a farsi accettare da chi la vedeva diversa, da chi la vedeva “NEGRA”. Il brano è accompagnato da un video clip girato dal regista Kuerty Uyop e la cui protagonista è la stessa Cecile. Il video che si può vedere sul sito del Festival è piuttosto provocatorio perché ci mostra una Cecile senza veli, proprio per evidenziare l’atra parola ricorrente nel brano oltre a negra, cioè nuda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori