GABRIEL GARKO / Esplosione a Sanremo: il racconto dell’attore a Pomeriggio 5 (ultime notizie oggi 2 febbraio 2016)

Dopo la tragica esplosione che l’ha coinvolto, l’attore Gabriel Garko ha cercato di salvare dalle fiamme l’anziana signora successivamente morta carbonizzata.

02.02.2016 - La Redazione
gabriel-garko-incidente
Gabriel Garko: era un possibile attentato l'esplosione alla Villa?

Una testimone dell’esplosione in cui è stato coinvolto Gabriel Garko racconterà in diretta che cosa ha visto a Pomeriggio 5, la trasmissione in onda su Canale 5 e condotta da Barbara D’Urso. Intanto durante la trasmissione sono state riportate le dichiarazioni che lo stesso attore ha rilasciato a Repubblica: “Ho sentito un boato fortissimo e ho pensato che sarei morto. Ho provato a salire al piano superiore della villa per tentare di salvare la signora ma era impossibile avvicinarsi. Sono vivo per miracolo”. 

E’ lo stesso Gabriel Garko a raccontare a Pomeriggio 5, che riporta le dichiarazioni rilasciate a Repubblica, che cosa è successo ieri quando a Sanremo è esplosa la villa in cui alloggiava per le prove del Festival di Sanremo 2016: “Ho sentito un boato fortissimo e ho pensato che sarei morto. Ho provato a salire al piano superiore della villa per tentare di salvare la signora ma era impossibile avvicinarsi. Sono vivo per miracolo”. Durante la trasmissione in onda su Canale 5 e condotta da Barbara D’Urso è stata ripercorsa tutta la vicenda: dal boato che è stato causato probabilmente da una fuga di gas e che ha provocato la distruzione quasi totale della casa alla morte della proprietaria 77enne Maria Grazia Guglielmetti. Sono state fatte vedere le immagini della villa ormai distrutta ed è stata mostrata la testimonianza di un’amica della proprietaria della villa. 

Si parlerà ancora della vicenda che ha visto coinvolto Gabriel Garko questo pomeriggio nella trasmissione Pomeriggio 5 in onda su Canale 5 e condotta da Barbara D’Urso. La conduttrice darà in diretta alcuni aggiornamenti sulle condizioni di salute dell’attore che ieri è stato protagonista di un’esplosione a Sanremo. Ad andare distrutta è stata parte della villa in cui alloggiava per le prove del Festival di Sanremo 2016. Nell’esplosione, forse causata da una fuga di gas ha perso la vita la proprietaria 77enne mentre per l’attore c’è stato solo un trauma cranico con ricovero in ospedale e prognosi di 10 giorni. In un primo momento si è temuto che Garko non potesse più prendere parte alla kermesse canora al via il prossimo 9 febbraio come valletto insieme con Guendalina Ghenea e Virginia Raffaele al fianco del conduttore Carlo Conti. Poi però in serata è arrivata la rassicurazione dallo stesso attore che ha dichiarato che la sua partecipazione al Festival non è compromessa da quanto accaduto. 

Con una lettera piuttosto piccata fatta al quotidiano SanremoNews, il caso Gabriel Garko continua con l’ennesima polemica sollevata sul futuro conduttore – fino a prova contraria – del Festival, dopo l’esplosione di ieri drammatica nella sua villa. Attore salvo per miracolo, la proprietaria invece uccisa dallo scoppio del gas, ma nonostante questo scatta la polemica di un politico ligure, Alessandro Condò, Nuova Destra Sanremese, arrivata tramite lettera al quotidiano online di cui sopra. «Trovo vergognoso questa disparità di trattamento assolutamente ingiusta nei confronti sopratutto dei malati costretti ad aspettare tempi assurdi prima di essere visitati». La polemica si concentra sui tempi di attesa di Garko all’ospedale di Sanremo: ieri infatti dopo l’esplosione l’attore è stato portato subito in Pronto Soccorso e visitato subito dai medici. Per Condò questo è un affronto agli altri malati, anche se in effetti c’è da tener conto che quanto è successo ieri è stato molto grave con lo scoppio che ha provocato anche la morte di una persona a pochi metri da Garko. Il contenuto può anche essere interessante da approfondire, ma una polemica strumentale per attaccare a prescindere il “famoso” che fa un presunto sopruso al “meno famoso”: il problema semmai è sui medici che decidono con un criterio piuttosto che con un altro.

Il giorno dopo un fatto terribile per Gabriel Garko che dopo l’esplosione nella villa in cui abitava da qualche tempo a Sanremo, in attesa del Festival, l’attore deve ancora riprendere dallo choc e interviste esclusive ancora non ne ha rilasciate, come giusto che sia. L’attore e la sua collaboratrice Valentina è un miracolo che siano vivi, dicono gli inquirenti, dal momento che la palazzina non è esplosa del tutto dopo la deflagrazione dove ha perso la vita la padrona di casa, Maria Grazia Guglielmetti. Ieri al Festival di Sanremo ovviamente Garko non ha partecipato alle prove, ma sul suo account Facebook ha aggiornato la foto del profilo con un bel “-9” all’inizio del Festival. Un segnale deciso che significherebbe la sua conferma alla conduzione? Questo è ancora presto per dirlo, ma di certo nei prossimi giorni deciderà lui il da farsi. Intanto i fan lo sperano, ma prima di tutto l’attore deve riprendersi da un choc largamente comprensibile.

Gabriel Garko, durante il corso della mattinata di ieri, lunedì 1 febbraio 2016, è stato vittima di un terribile incidente: la villa dove risiedeva prima di iniziare la conduzione del Festival di Sanremo 2016 è saltata in aria – forse – per una fuga di gas. L’attore, è stato prontamente condotto in ospedale e le sue condizioni non sono apparse gravi. Per lui qualche escoriazione e un leggero trauma cranico con una prognosi di dieci giorni. Illesa la sua assistente, Valentina mentre è morta, l’anziana proprietaria del villino, Maria Grazia Gugliermetti, una donna di 77 anni che dormiva al piano di sotto. A quanto pare però, Gabriel Garko, secondo quanto riporta ‘Blitz Quotidiano’ ha cercato con tutte le sue forze di potere salvare l’anziana signora affermando: “Devo entrare ma le fiamme sono troppo alte”, queste le testimonianze riportate da chi era lì durante la tragedia. La donna infatti è morta seppellita dalle macerie mentre Gabriel Garko ha tentato in ogni modo di poterla salvare. I testimoni hanno inoltre raccontato di avere visto l’attore correre dopo il tragico boato verso la casa e ripetere: “Ho cercato di andare, cercavo di entrare ma le fiamme erano già alte”. Nel frattempo la villa è al momento sotto sequestro in quanto, a causare la tragica esplosione potrebbe essere stato un fornello difettoso acceso proprio dalla signora che ha successivamente perso la vita. Nel frattempo non si sa se Gabriel Garko riuscirà a riprendersi in tempo per il Festival di Sanremo anche se su Facebook ha aggiornato la sua immagine profilo inserendo un coutdown in attesa del Festival. Lo psichiatra Michele Cucchi ha riferito all’agenzia Agi le seguenti parole: “L’esperienza che ha vissuto Gabriel Garko potrebbe scatenare una serie di disturbi che non è escluso possano compromettere la sua partecipazione a Sanremo. Aver assistito a un’esplosione è un evento che può provocare la sindrome da stress post traumatico”. Nel frattempo Adua Del Vesco, fidanzata di Gabriel Garko tace sulla tragica faccenda e un interrogativo emerge: avrà raggiunto il compagno?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori