L’INCREDIBILE STORIA DI WINTER IL DELFINO/ Le curiosità sul film con Morgan Freeman in onda su Italia Uno

- La Redazione

L’incredibile storia di Winter il delfino è il film che verrà trasmesso oggi, sabato 20 febbraio, alle 19.00 su Italia 1: una pellicola con Morgan Freeman, vediamo la trama

Foto-Mediaset
Mediaset

-Il film L’Incredibile storia di Winter il delfino, in onda oggi sabato 20 febbraio alle 19.00 su Italia 1, ha incassato nel mondo circa 88 milioni di dollari. Nel 2014 il regista Charles Martin Smith ha anche diretto la pellicola sequel del film che si intitola “L’incredibile storia di Winter il delfino 2”, il titolo originale è “Dolphin Tale 2”. Ci sono inoltre alcune differenza rispetto alla vicenda accaduta realmente: se nella pellicola il processo di creazione della protesi per Winter è durato poche settimane e ha coinvolto un medico, in realtà è andato avanti più di un anno e ha coinvolto un intero team di esperti.

L’incredibile storia di Winter il delfino è una pellicola uscita nel 2011 per la regia di Charles Martin Smith che verrà trasmessa oggi 20 febbraio alle 19.00 su Italia 1. La trama racconta la storia vera di un delfino, uno stupendo esemplare femmina recuperato nel 2005 nel mare della Florida e affidato alle cure del “Clearwater Marine Aquarium“. Il film, di genere family drammatico, è stato prodotto negli Stati Uniti e dura circa due ore. Tra gli attori che formano il cast ci sono Morgan Freeman, Harry Connick Jr., Ashley Judd, Nathan Gamble e Cozi Zuehlsdorff. In Italia il film è stato proiettato la prima volta nelle sale cinema nel gennaio del 2012. Ecco quello di cui racconta. Durante una corsa sulla spiaggia in sella alla sua bicicletta, Sawyer Nelson (Nathan Gamble) incontra un pescatore che ha appena trovato nelle sua rete un delfino. Avendo bisogno di cure, l’esemplare marino viene trasportato al Marine Hospital e consegnato alle cure del dott. Clay Haskett (Harry Connick Jr.). Hazel (Cozi Zuehlsdorff), la giovane figlia del dottore, decide di dare un nome al delfino e lo chiama Winter. Sawyer ha il permesso di visitare il delfino e il ragazzo, ogni giorno salta la scuola per recarsi al Marine Hospital.

Quando la mamma di Sawyer lo scopre, è molto contrariata ma quando si accorge che il figlio ha ritrovato l’allegria e il buon umore che non aveva più da quando il padre lo aveva abbandonato, gli dà il permesso di seguire la convalescenza del delfino. Winter subisce l’amputazione della coda e deve imparare a farne a meno, nuotando quindi con movimenti propri dei pesci. Il Dr. Haskett sottopone Winter ad una radiografia e scopre che il movimento innaturale è dannoso per la spina dorsale. Intanto, Sawyer va a trovare suo cugino Kyle (Austin Stowell) in ospedale: per colpa di un’esplosione Kyle ha perso la gamba destra e dovrà ricorrere al dottor McCarthy (Morgan Freeman) per una protesi. Sawyer pensa a Winter e chiede allo stesso medico se è possibile realizzare una protesi per il delfino, che potesse sostituire la sua coda. McCarthy si dichiara disponibile a costruire la coda protesica e realizza un modello provvisorio nell’attesa della protesi definitiva. Nel frattempo Winter si procura una brutta ferita sbattendo con violenza contro la parete della piscina e giunge la notizia che l’ospedale, in rovina economicamente e in più danneggiato gravemente da un tornado, probabilmente chiuderà. Per salvare l’ospedale, Sawyer pensa ad un “Save Winter Day” ed ottiene l’appoggio del dottor Haskett.

Il programma prevede una gara di corsa tra Kyle e Donovan, un suo amico nuotatore e l’evento sarà pubblicizzato da un’emittente televisiva. Intanto la coda protesica di Winter è pronta ma la guaina della protesi va sostituita perché procura al delfino un’irritazione alla pelle. La nuova guaina migliora molto la protesi e Winter non ha più problemi. Sawyer, pur non avendo frequentato regolarmente la scuola, viene promosso al corso estivo grazie ai punti di credito a lui assegnati per il volontariato svolto presso l’ospedale. Grazie alle donazione della gente del posto, l’ospedale potrà rimanere aperto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori