Michael Fassbender/ Candidato agli OSCAR 2016 come miglior attore protagonista in Steve Jobs. I complimenti della Negri (domenica 28 febbraio 2016)

Quest’anno, fra i candidati agli OSCAR 2016 c’è anche Michael Fassbender, che concorrerà come miglior attore protagonsta per la sua interpretazione nel film Steve Jobs

28.02.2016 - La Redazione
MichaelFassbender
Michael Fassbender

Tra gli outsider come candidato a miglior attore protagonista per la notte degli Oscar 2016 c’è Michael Fassbender. L’attore si presenta con la sua parte nel film Steve Jobs anche se le possibilità di vincere per lui sono davvero poche, visto che nei sondaggi Leonardo Di Caprio è arrivato in pole position per il successo finale. Su Fassbender ha commentato così negli studi di Sky Cinema la giornalista Denise Negri: “Michael Fassbender è sicuramente un uomo molto bello che ha un grande fascino. Per me è il numero uno. Speriamo che si presenti sul red carpet con Alicia Vikander e venga finalmente fuori la loro storia”. A questa frase il conduttore e giornalista Francesco Castelnuovo ha risposto con una battuta: “Magari farà come Di Caprio e si presenterà con la mamma”.

Stasera si terrà la tanto attesa Notte degli Oscar 2016, con tanti protagonisti del cinema e dello spettacolo attesi alla cerimonia. Nel corso della serata, che è sicuramente la più attesa di questo inizio 2016, saranno assegnati i riconoscimenti più prestigiosi per il cinema del 2015; fra i concorrenti c’è l’attore Michael Fassbender. Michael Fassbender nasce nel sud della Germania nel 1977 ma acquisisce la nazionalità irlandese date le origini della madre Adele. Durante l’infanzia il piccolo Michael si trasferisce con la famiglia in Irlanda e si accosta alla recitazione a partire dai 17 anni. In realtà, durante le prime esperienze teatrali, matura l’idea di diventare musicista, ma la abbandona poco dopo intravedendo in sè stesso un attore promettente. Inizia l’attività con piccoli ruoli e rifacimenti locali, per poi andare a studiare al Drama Centre London per la carriera artistica.

Fassbender rimane qualche anno quasi inattivo, ma poi nel 2001 arriva una chance nella mini-serie Band of Brothers prodotta da Spielberg e Tom Hanks. Pur se con una parte minore, l’irlandese si rilancia ed ottiene il ruolo di Jonathan Harker nel serial radiofonico Dracula. A teatro, l’attore ha prodotto e messo in scena “Le iene” di Quentin Tarantino con la sua compagnia. Nel frattempo la gavetta dell’attore continua per diversi anni, fino a che arriva il primo ruolo cinematografico di un certo rilievo in “300” di Zack Snyder, in cui recita la parte di un guerriero spartano. I muscoli di Fassbender tornano al cinema nel 2008 in Hunger di Steve McQueen, in cui l’attore si sottopone anche a rilevanti sforzi fisici e conquista un discreto successo mondiale. Dopo questo film, l’attore può dirsi finalmente lanciato nel campo cinematografico, tanto che alimenta il sodalizio con Snyder e partecipa a “Bastardi senza gloria” di Quentin Tarantino, personaggio da lui adorato.

Nel 2011 Michael Fassbender partecipa a numerose pellicole, tra cui X-Men di Matthew Vaughn e Shame di nuovo con Steve McQueen. La seconda svolta, che potrebbe aver lanciato l’irlandese nell’olimpo del cinema internazionale, è stato il ruolo in “12 anni schiavo”, terzo film con McQueen in cui Fassbender ottiene la nomination agli Oscar come miglior attore non protagonista. Nel 2015 è stato attivo in “Macbeth” e soprattutto “Steve Jobs” di Danny Boyle, parte nella quale si guadagna la seconda nomination agli Oscar questa volta come miglior attore protagonista.

– Ed è proprio nei panni del genio della Apple che Fassbender ha dato sfoggio di un’intepretazione riuscita e grazie alla quale torna agli Oscar. Nel film viene ricostruita la carriera professionale di Jobs e della Apple, non trascurando le ombre familiari e personali dell’informatico statunitense. La pellicola, che non è stata esente da critiche e pressioni da parte della famiglia Jobs, è stato un banco di prova importante per Fassbender, che ora va a Los Angeles come uno dei candidati più forti per la vittoria insieme a DiCaprio. 

Fassbender si sta dimostrando attore versatile e ricercato, grazie anche ad un abbinamento con doti fisiche importanti. Negli ultimi anni ha avuto diverse relazioni, anche con colleghe dello spettacolo. Dal 2014 è legato all’attrice svedese Alicia Wikander ed ha una lunga amicizia con il collega James McAvoy. Negli ultimi tempi, Fassbender si è espresso sul film in produzione sulla serie videoludica “Assasin’s Creed”, dichiarando:”E’ stata per me un’esperienza originale; abbiamo creato sicuramente qualcosa di buono ed ho appreso tanto”. Il film, che dovrebbe vedere la luce a dicembre 2016, ha nel cast anche Jeremy Irons e Marion Cotillard.

I commenti dei lettori