Gli Stadio / Ospiti di Belen Rodriguez per la finale. La foto di Gaetano Curreri con la showgirl (Pequenos Gigantes, puntata 11 marzo)

- La Redazione

Gli Stadio: questa sera lo storico gruppo musicale parteciperà alla finale di “Pequenos Gigantes” condotto da Belen Rodriguez, in onda su Canale 5 alle ore 21.10.

gaetano_curreri_stadio
Gaetano Curreri

Gli Stadio saranno ospiti questa sera dell’attesissima finale di Pequenos Gigantes, in onda come sempre su Canale 5. I vincitori del Festival di Sanremo 2016 condivideranno la loro esperienza con i giovanissimi talenti che compongono le tre squadre rimaste in gara. In una foto pubblicata sulla pagina Instagram di Social Mediaset vediamo il leader del gruppo, Gaetano Curreri, chiacchierare da vicino con Belen Rodriguez, conduttrice del programma: nonostante l’elegantissimo abito nero, il cantante quasi sfigura al fianco della showgirl, vestita come una principessa del 1800. Clicca qui per vedere la foto.

Stasera, il gruppo musicale degli Stadio, sarà ospite di Belen Rodriguez a ‘Pequenos Gigantes‘, in onda su Canale 5. Scopriamo qualcosa di più su questo gruppo storico: Gli Stadio si formano a Bologna nel 1977. All’inizio la band accompagna il cantautore Lucio Dalla. Tra i componenti originari del gruppo ci sono Fabio Liberatori, che è addetto alle tastiere, Marco Nanni, che è bassista, e Giovanni Pezzoli. Qualche anno più tardi nella formazione del gruppo si aggiungerà il cantante Gaetano Curreri e il chitarrista Ricky Portera. Il nome degli Stadio è stato scelto insieme con Lucio Dalla, in onore di un giornale sportivo di Bologna. Negli anni Ottanta continua la collaborazione artistica tra gli Stadio e Lucio Dalla. Durante il tour di quest’ultimo, la band gli propone anche di cantare due canzoni, che sono Chi te l’ha detto e Grande Figlio di Puttana. Nel 1984 Gli Stadio partecipano a Sanremo e nello stesso anno pubblicano il loro album che si chiama La faccia delle donne. Nel 1985 esce l’Ep degli Stadio che si intitola Chiedi chi erano i Beatles, che otterrà molto successo. Alla fine degli anni Ottanta esce, quindi, un altro album degli Stadio, Puoi fidarti di me, che avrà una vendita eccezionale di copie. Nel 1990 Gli Stadio, per avere più spazio ed essere più indipendenti, terminano ufficialmente la loro collaborazione con il cantante bolognese Lucio Dalla. Questa separazione, però, non influirà sulla loro fortuna. Del 1993 si ricorda la bellissima canzone del gruppo che si intitola Un disperato bisogno d’amore. Nei primi anni del Duemila Gli Stadio pubblicano l’album Occhi negli occhi. All’interno della raccolta c’è anche il bellissimo brano Sorprendimi. Nel 2007 Gli Stadio pubblicheranno l’album Parole nel vento, parteciperanno senza successo a Sanremo e dedicheranno una emozionante canzone al ciclista Marco Pantani. La canzone in questione si chiama E mi alzo sui pedali, ed ha delle parole molto toccanti ed emozionanti. Nel 2012 il gruppo partecipa al concerto di beneficenza per il terremoto che ha colpito l’Emilia e inoltre la band scrive molte canzoni per i film del loro amico Carlo Verdone. Tra gli album dell’ultimo periodo della band ci sono Immagini del vostro amore e Miss Nostalgia. Nel 2016 Gli Stadio partecipano a Sanremo con il brano Un giorno mi dirai. Con questa canzone si aggiudicheranno la competizione. Il gruppo degli Stadio, nel corso degli anni, ha cambiato spesso formazione. La formazione attuale è composta da Gaetano Curreri, Roberto Drovandi, Giovanni Pezzoli e Andrea Fornili. Nell’ultimo periodo si è parlato degli Stadio per la loro partecipazione a Sanremo 2016 e per la loro vittoria. Curreri ha dichiarato in un’intervista che durante la serata delle cover, nel momento in cui ha cantato La sera dei miracoli ha sentito la presenza di Lucio Dalla accanto a lui. Gli Stadio, ultimamente, hanno poi dichiarato che durante la loro carriera hanno ricevuto un grosso aiuto da Vasco Rossi e che non parteciperanno all’Eurovision Song Contest perchè in tour. Per quanto riguarda il gossip, Gaetano Curreri ha una moglie di cui è molto innamorato, ma non ama parlare del suo privato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori