FEMME FATALE / Diretta streaming del film su Iris con Antonio Banderas: video trailer in lingua originale (oggi, 20 marzo 2016)

Femme fatale, in onda oggi (20 marzo 2016) su Iris, a partire dalle ore 21.00. Andiamo a scoprire la trama di questo film, il cast e tutti i dati salienti della pellicola.

20.03.2016 - La Redazione
Foto-Mediaset
Mediaset

Iris manderà in onda alle 21.00, dunque fra pochissimo, il film thriller “Femme Fatale”, con Rebecca Romijn-Stamos, Antonio Banderas, Peter Coyote. Vediamo ora cosa possiamo scoprire dal trailer del film che ci darà un’idea della trama: Femme Fatale è un thriller del 2002 dalla trama intrecciata, piena di colpi di scena, con poco filo logico, per tenere in suspense chi guarda il film fino all’ultimo minuto. Una donna fatale si districa in molteplici inganni, per rubare i diamanti di un prezioso gioiello indossato da una modella. Vi ricordiamo che il bel film è disponibile in diretta streaming video con il servizio gratuito del portale Mediaset, nella pagina dedicata a Iris, cliccando semplicemente qui. Ecco il trailer in lingua originale

Andiamo a scoprire un paio di notizie sul film in onda oggi su Iris alle ore 21.00, Femme Fatale. De Palma non è soltanto il regista della pellicola: infatti ne firma anche la sceneggiatura. Come sempre il regista inserisce citazioni cinematografiche nei suoi film: Laura, la femme fatale del titolo, guarda in un albergo ?La fiamma del peccato? girato dall’austriaco Billy Wilder nel 1944. La sua protagonista, Barbara Stanwyck, è una delle dark lady più famose della storia del cinema. L’accompagnamento musicale che ricorre in tutta l’iniziale sequenza ambientata sulla ?Croisette? è il ?Boléro? di Maurice Ravel, arrangiato dal grande compositore Ryuichi Sakamoto, autore della colonna sonora di Femme Fatale.

La pellicola in onda oggi su Iris alle 21.00 è un film del 2002, diretto da Brian De Palma: Femme Fatale. Questa produzione franco-americana può vantare un cast nutrito di interpreti di ottimo livello tra cui spiccano Antonio Banderas, star di origine spagnola, la sensuale e statuaria Rebecca Romijn, Peter Coyote e la modella danese Rie Rasmussen. Come di consueto De Palma imprime al suo film suspense tesissima ed atmosfera thriller, firmando una regia tecnicamente impeccabile e raffinata. La trama, come spesso capita nelle opere del grande maestro statunitense, è complessa ed articolata. 

La vicenda prende il via a Cannes nel 2001 dove la bellissima ladra Laura Ash (Rebecca Romijn) si infiltra al Festival del Cinema, assieme a due spietati complici (Eriq Ebouaney e Édouard Montrouge): qui si farà passare per una fotografa e sottrarrà, dopo averla sedotta, alla conturbante attrice Veronica (Rie Rasmussen) il prezioso e rivelatore corpetto-gioiello tempestato di diamanti da essa indossato. Quando, però, i suoi soci verranno smascherati, Laura, senza pensarci due volte, fuggirà con la refurtiva abbandonandoli al loro destino. Per confondere le tracce la spregiudicata ladra assumerà l’identità di una giovane suicida a lei identica e si allontanerà da Parigi e dalla Francia in attesa che le acque si calmino. Quando, però, sette anni dopo tornerà in città a causa degli impegni politici del diplomatico statunitense che ha sposato (Peter Coyote), verrà fotografata in modo imprevisto da Nicolas, affascinante paparazzo spagnolo (Antonio Banderas): la vita di Laura sarà, quindi, di nuovo in pericolo dato che i suoi vecchi amici non si sono nel frattempo dimenticati né di lei né tanto meno del suo tradimento. Dovrà quindi recuperare a qualsiasi costo le immagini che la ritraggono, prima che esse vengano pubblicate e divulgate dal fotografo. Riuscirà nel suo intento o dovrà fuggire nuovamente, rinunciando alla nuova vita che era riuscita a costruirsi negli Stati Uniti? De Palma continua, fotogramma dopo fotogramma, a disorientare gli spettatori e confeziona per loro un finale inaspettato ed imprevedibile: nulla in questa pellicola è ciò che sembra, nessun evento è mai quello definitivo. Il tema del doppio si snoda lungo tutto il film, diventandone lo straniante e sotterraneo protagonista.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori