THE VOICE OF ITALY 2016/ Replica e riassunto quinta puntata Blind Audition, 23 marzo: come vederla in video streaming

- La Redazione

The Voice of Italy 2016, Replica e riassunto quinta puntata dedicata alle Blind Audition andata in onda martedì 23 marzo su Rai 2: come vederla in video streaming.

thevoiceofitaly
The Voice of Italy 2016

Martedì 23 marzo 2016 è tornato il talent show The Voice of Italy giunto alla quinta Blind Audition, fase in cui i coach scelgono i ventuno componenti che entreranno a far parte delle loro squadre. Dopo l’entrata trionfale dei quattro coach, Raffaella Carrà, Max Pezzali, Dolcenera ed Emis Killa, è il momento di cominciare ad ascoltare il primo cantante della serata. Il primo ragazzo che ha deciso di salire il palco di The Voice è Stefano, un ragazzo di origini rumene che vive in provincia di Avellino. Ha ventidue anni ed ha un obiettivo ben preciso, far girare tutti e quattro i coach e tenta di farlo con una hit del momento, “Hold back the river”. Purtroppo le cose non sono andate come Stefano sperava infatti nessun coach si è girato ma ognuno di loro gli ha dato un consiglio costruttivo di cui fare tesoro. È un inizio atipico questo, le squadre sono quasi sature e diventa sempre più complicato trovare nuovi talenti. Il secondo concorrente è Salvo Materazzo, trentacinquenne siciliano che da sempre lotta per realizzare il suo sogno, vivere cantando. Salvo si presenta con il brano “Still crazy after all these years” ed a turno tutti i coach si girano per dare un volto a questa splendida voce. La scelta è dura, ma dopo aver ringraziato ad un ad uno i quattro coach, la scelta ricade su Emis Killa.

La terza è Elisa Veo, venticinquenne di Treviso che ama il genere country e canta il brano “Ho Hey” accompagnata dal suo fedele mandolino. A girarsi sono soltanto i due uomini e la bella Elisa sceglie Max Pezzali perché è riuscito a capirla. Ora è il momento della sorpresa del presentatore Federico Russo che è andato a Pavia per incontrare Erika e comunicarle che era stata selezionata per le Blind Audition. La giovane Erika decide di cantare un brano in italiano, “Lato destro del cuore” di Laura Pausini. Tutti i giudici si girano tranne Dolcenera, ma la scelta ricade sulla leggenda della musica italiana, Raffaella Carrà, della quale vengono mostrate le immagini del Tuca Tuca che sono entrate nella storia. Ottavia Bruno è la quinta cantante, ha trentun anni, è di Brescia e fa l’illustratrice. Il suo nome d’arte è Ottavia Brown e ha un alter ego un po’ retrò e le piace vivere in un mondo tutto suo. Con il brano “Sweet about me” convince i quattro giudici ma la prima ad essersi girata è la Carrà che sarà poi la sua scelta. Non è toccata la stessa sorte al diciottenne padovano Valerio Guerra che ha ancora tanta strada da fare per questo motivo nessun coach gli ha dato la possibilità di andare avanti nella competizione. La concorrente successiva ha soltanto diciotto anni, si chiama Edith Brinca è nata il Romania ma vive a Verbania. La giovane ha un passato burrascoso alle spalle ma è riuscita, grazie anche all’aiuto di due persone speciali, di mettere da parte le sofferenze e coltivare le sue passioni. Con il brano “Hey mama” la bella Edith fa girare i giudici ma sceglie colei che è più affine al suo genere, Dolcenera.

Anche questa sera torna il segreto della tenda che ancora una volta convince i giudici, si tratta di Enrico, quarantatré anni di Nola, in provincia di Napoli che si è presentato con il brano “Maybe I’m amazed”. Il calore della sua voce lo avvicina in particolar modo a Dolcenera, coach da lui scelta per intraprendere questo percorso. Per Carmen, ventunenne di Ragusa, stesso paese di Suor Cristina, le cose sono andate diversamente, infatti la giovane studentessa, che ha deciso di cantare “Never forget you”, non è riuscita a convincere nessuno dei giudici che hanno deciso di non girarsi. Federica Vincenti, trentaduenne di Lecce, attrice di teatro nonché compagna di Michele Placido ha deciso di cantare un pezzo in italiano, “Un anno d’amore” di Mina. Emis Killa e Raffaella Carrà si sono girati all’unisono ma Federica ha deciso di entrare a fare parte del team della Carrà. Per Gennaro invece non è andata allo stesso modo, diciannovenne napoletano accompagnato dalla sua fedele chitarra si è esibito sul brano “Stitches” ma non ha convinto i giudici che si sono pentiti subito dopo averlo visto. Ora è il momento di Jennifer, ventitreenne di Pistoia ma nata a Cuba, la musica è la sua scialuppa di salvataggio viste le sue condizioni familiari disagiate. Jennifer ha deciso di portare sul palco di The Voice una versione R&B di “Can’t take my eyes off you”. Per la seconda volta a girarsi sono soltanto Raffaella Carrà ed Emis Killa ma la bella Jennifer ha deciso di entrare a far parte della squadra del rapper per sperimentare cose nuove. Valeria, trentenne di Orta Nova, in provincia di Foggia, non è riuscita a convincere i giudici con il brano “Vita”. Per Francesca invece è stato diverso, la giovane diciannovenne di Cavezzo, in provincia di Modena, comune maggiormente colpito dal terremoto del 2012, con il brano “Love Yourself” è riuscita a emozionare Emis Killa, Max Pezzali e la Carrà ma Francesca ha deciso di entrare a fare parte del team di Pezzali.

Irene, una ballerina prestata alla danza di ventun anni di Firenze, con il brano “You and I” ha convinto ancora una volta Emis Killa e Raffaella Carrà e la sfida è di nuovo sfida tra loro due.  Irene dopo averci pensato un po’ decide di unirsi al gruppo della Carrà. I posti disponibili sono sempre meno, la lotta diventa sempre più serrata ma Mirko da Palermo non demorde e si presenta con il brano “Se io se lei” convincendo la Carrà ed Emis Killa, quest’ultimo si è poi accaparrato il giovane talento. Luca, ventinovenne di Campobasso con il brano “Gravity” è riuscito nell’intento di far girare tutti i quattro i giudici per poi scegliere la spumeggiante Dolcenera. Segue Noemi, ventidue anni da Brindisi che si appresta a cantare “Valerie”, grazie alla sua performance tutti i giudici tranne Killa si sono girati e il giovane talento ha scelto Max Pezzali. La stessa sorte non è toccata alla sua corregionale Giovanna, studentessa ventitreenne considerata troppo perfetta e poco personale. Ora tocca a Viviana, diciannovenne di Napoli che si esibisce sulle note di “Son of a preacher man” convincendo soltanto Emis Killa. È il momento di una serie di talenti non ancora pronti per andare avanti nel percorso di The Voice, Emanuela trentenne nata a Sanremo ma vive a Los Angeles, accompagnata da suo ukulele con il brano “Sugar”, Davide diciottenne di Brindisi, che accompagnato dal suo pianoforte ha scelto il brano “L’amore non esiste”. E ancora Luana con il brano “Do it like a dude” suonato con la sua fisarmonica e Davide, cantautore ventiduenne di Trento, con il brano “Breakeven”. La puntata si chiude con l’esibizione di Valentina, ventottenne di Lamezia Terme che ha deciso di esibirsi con il brano “Pompeii” accompagnata da uno strumento inusuale, il contrabbasso. Valentina ha convinto Max Pezzali ed Emis Killa ma ha deciso di entrare a far parte del team di Pezzali, più vicino al suo genere di musica.

Se vi siete persi la quinta puntata di The Voice Of Italy 4, dedicata alle Blind Audition, potete rivederla sul sito ufficiale del programma: cliccando qui 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori