GIGLIO CASTELLO / Toscana, chiude quindicesimo in classifica. i vicoli più affascinanti dell’isola: l’evoluzione demografica (Borgo dei Borghi 2016)

- La Redazione

Giglio Castello, Toscana: Borgo dei Borghi 2016. E’ seconda isola più grande dell’arcipelago toscano è formata da Giglio Paese, Giglio Castello e Giglio Porto. (27 marzo 2016)

giglio
Giglio Castello

Giglio Castello non fa comune a sè, ma è una frazione dell’Isola del Giglio appartenente alla Provincia di Grosseto in Toscana. Partecipa al Borgo dei Borghi 2016. Questo si trova a 405 metri di altezza sul livello del mare e conta appena 557 abitanti.  Il Giglio Castello negli ultimi cento anni ha subito una sensibile diminuzione della popolazione nella sua evoluzione demografica. Infatti questo è diventato più una meta turistica che un luogo da abitare. Nel 1921 gli abitanti erano circa 1200 oltre il doppio di quelli che troviamo oggi. Da quel momento a oggi costantemente gli abitanti sono scesi di circa un centinaio ogni dieci anni. Dal 2001 a oggi però non è cambiato molto con la popolazione che sembra si sia assestata.

Tra i comuni in corsa per il titolo di Borgo dei Borghi, c’è anche il Giglio Castello. Giglio Castello è un comune dell’isola del Giglio, in provincia di Grosseto. Il nome deriva dal greco igiglion, che significa isola delle capre. E’ la seconda isola più grande dell’arcipelago toscana, ed è formata da Giglio Paese, Giglio Castello e Giglio Porto; Giglio Castello è il più antico. E’ sempre stata abitata, a partire dall’era del neolitico, agli etruschi, ai romani con la villa dei Domizi. Giglio Castello è un borgo medioevale con vicoli affascinanti, la rocca pisana e la Chiesa di San Pietro Apostolo. La Chiesa di San Pietro Apostolo è quella più importante e si trova a Giglio Castello, risalente al XV secolo. All’interno vi è il Tesoro, un reliquiario donato dal Papa Vincenzo XIII al suo cappellano Olimpio Viviani nel 1700, ed all’interno del tesoro vi è un crocifisso attribuito al Giambologna. La rocca pisana è stata eretta durante il periodo delle repubbliche marinare, per scopi di avvistamento e di difesa. Vi sono molte attività legate alle immersioni, grazie a un favoloso mare pulito e trasparente; vi è anche la pesca come attività tradizionale dell’isola, grazie alla moltitudine di pesci presenti. Il vino del Giglio da secoli manda avanti l’agricoltura locale e la festa più importante legata al vino, è la festa dell’uva delle cantine si svolge a Giglio Castello, dove sette cantine intrattengono i turisti con musica, cibo e buon vino. Il piatto tipico dell’isola del Giglio è la tonnina dissalata condita con pomodoro pachino, ceci lessi e cipolle.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori