VINCITORE IL BORGO DEI BORGHI 2016/ È Sambuca di Sicilia, classifica completa borghi più belli d’Italia. Il voto Shoda a Castellabate (Kilimangiaro)

- La Redazione

Borgo dei borghi, vincitore e classifica completa: il titolo si borgo più bello d’Italia, va a Sambuca di Sicilia. La regione per la terza volta consecutiva vince il concorso

Camila Raznovich
Camila Raznovich

La gag dei gemelli nella giuria de Il Borgo dei Borghi 2016 non ha convinto molto il pubblico che ha criticato questa scelta. La conduttrice Camilla Raznovich infatti ha vagato per i borghi di Italia incontrando i tre giudici, ma trovandosi di fronte a dei fantomatici fratelli-sosia. Una scelta che ha portato poi al podio finale dove Camilla ha incontrato lo Chef Hirohiko Shoda, l’attrice Anna Kanikis e Philippe Daverio. Alla fine non si è capito molto bene nemmeno come i tre siano intervenuti nelle votazioni, anche se sulla pagina di Facebook de ”Alle Falde del Kilimangiaro” si afferma che Shoda aveva votato per Castellabate. Clicca qui per la foto e per i commenti dei follower.

Abbiamo seguito ieri su Rai Tre l’appuntamento con Kilimangiaro – Il Borgo dei Borghi 2016 che ci ha regalato davvero molte emozioni alla ricerca di un angolo di paradiso in giro per l’Italia. Alla fine si è imposto con successo Sambuca di Sicilia, con grande entusiasmo da parte del paese. Ci sono state poi delle polemiche in riferimento all’esclusione all’ultimo di Cervo Ligure. La trasmissione tramite la sua conduttrice ha voluto ringraziare tutti i suoi fan su Twitter: “Grazie pe raver viaggiato con noi tra i Borghi più belli d’Italia. Camilla Raznovich”, clicca qui per il post e per i commenti dei follower.

Si è entusiasmato tutto il paese ieri sera alla proclamazione di Sambuca di Sicilia il Borgo dei Borghi 2016, nella trasmissione di Rai Tre Kilimangiaro condotta da Camila Raznovich. Come riportato da Il Giornale di Sicilia tutto il paese in provincia di Agrigento ha esultato all’annuncio ufficiale della vittoria: adulti e bambini si sono ritrovati in piazza per poter seguire, attraverso un maxi schermo, la trasmissione che ha assegnato per la terza volta consecutiva la bandiera alla Sicilia. Sambuca di Sicilia si trova a pochi chilometri dal mare di Menfi, da Sciacca e dal parco archeologico di Selinunte. Il paese vince per il terzo anno il riconoscimento, dopo Gangi nel 2014 e Montalbano Elicona nel 2015: nella competizione gareggiano ogni anno venti, uno per ogni regione, borghi più interessanti e suggestivi del nostro Paese.

Il piccolo schermo di Rai 3, ieri sera domenica 27 marzo 2016, ha presentato in prima serata Kilimangiaro – Il borgo dei borghi, che ha visto trionfare il comune siciliano Sambuca di Sicilia al primo posto. La trasmissione è sempre molto attesa dal pubblico del terzo canale nazionale, e ieri in termini di ascolti è riuscita a portare a casa la medaglia di bronzo. In particolare, Il borgo dei borghi ha raggiunto l’8.18% di share, conquistando 1 milioni e 869mila telespettatori. Al primo posto, invece, la fiction di Rai 1 Come fai sbagli, che si è aggiudicata la serata con il 14.57% (e 3 milioni e 333mila spettatori): il secondo gradino del podio, infine, lo ha occupato il film proposto da Canale 5 per la serata di Pasqua, La Passione di Cristo, che ha interessato 2 milioni e 588mila telespettatori (share del 11.88%).

Per Kilimangiaro – Il borgo dei borghi 2016 la palma del vincitore è andata a Sambuca di Sicilia, che ha trionfato sulla concorrenza di altri gioielli d’Italia: eppure la Rai ad un certo punto ha escluso, un poi misteriosamente, il secondo classificato ovvero Cervo di Liguria dopo che era già stato preparato il servizio incentrato sulle belle artistiche, con tanto di interviste e spiegazioni, che infatti non è andato in onda. La Rai ha spiegato che il piccolo comune della Liguria si è trovato protagonista di alcune irregolarità nelle votazioni telematiche: un imbroglio ordito per “gonfiare” le preferenze o solo frutto di errori? Non si sa ancora la vera realtà, ma solo tanta delusione per i cittadini liguri che avevano sperato di vedere il loro paesino trionfare e non hanno potuto gioire neanche per il secondo posto, visto che è stato ritirato. Hanno inciso il voto di Philippe Daverio e Anna Kanakis, giudici speciali per questa edizione oppure si tratta solo di irregolarità online? La verità è oscura, la Sicilia ha trionfato ma per Cervo in Liguria il concorso sui borghi più belli di tutta Italia si è rivelato una autentica delusione.

Ieri è andata in scene l’edizione 2016 di Kilimangiaro – Il borgo dei borghi, e il vincitore è risultato essere Sambuca di Sicilia: la novità della gara era rappresentata proprio dalla giuria, dal momento che – fino all’anno scorso – il compito di decretare i posti sul podio era solamente di coloro che sceglievano di votare sul sito ufficiale del programma. Insieme al critico d’arte Philippe Daverio e all’attrice Anna Kanakis, ad occupare le tre poltrone c’era anche chef Hiro, che non ha dimenticato i suoi ringraziamenti per la bellissima esperienza nata da questo progetto. Su Instagram chef Hiro ha pubblicato uno scatto insieme a Camila Raznovich, la conduttrice, e ha aggiunto: “Grazie mille per la bellissima esperienza di #kilimangiaro #ilborgodeiborghi #ilborgopiùbelloditalia #rai3!!! Grazie mille Camila, Staff & tutti borghi magnifici di tutta Italia ;-)!!!! Sono davvero contento & soddisfatto!!!”. Clicca qui per vedere il post di chef Hiro dalla sua pagina Instagram.

E’ stato premiato Sambuca di Sicilia a Il Borgo dei Borghi 2016: il paese agrigentino si è aggiudicato il titolo nel corso della trasmissione di Rai Tre Alle falde del Kilimangiaro, condotta da Camilla Raznovich, andata in onda ieri sera. Questo il commento del sindaco Leo Ciaccio al Giornale di Sicilia: “E’ un riconoscimento assai ambito per ogni amministratore e per tutti i cittadini, ad essere premiate non sono solo le bellezze storiche, architettoniche e paesaggistiche di Sambuca ma il lavoro di un’intera comunità. Il vero impegno inizia adesso. Abbiamo la responsabilità e il dovere di tenere alto il vessillo, di accogliere i turisti nel miglior modo possibile, di incrementare le attività economiche e artigianali e di far veicolare nel miglior modo possibile l’immagine di Sambuca al di fuori dei confini regionali. Un ringraziamento particolare anche ai sindaci dei paesi vicini che ci hanno dato una mano per arrivare alla vittoria finale. Sono convinto che i riflettori su Sambuca potranno fare da traino anche per il resto dei Comuni delle Terre Sicane, portando ad uno sviluppo dell’intero territorio”.

Ogni anno è altissimo l’entusiasmo per la serata de Il borgo dei borghi, che prende il via sul terzo canale nazionale: quest’anno ha tenuto compagnia al pubblico di Rai 3 proprio durante la sera di Pasqua, ieri 27 marzo 2016. Moltissimi telespettatori si sono appassionati alle immagini che hanno visto scorrere sul piccolo schermo, che gli hanno permesso di viaggiare tra le meraviglie che il nostro Stivale è in grado di offrire: “Sambuca: prossimo borgo da visitare. I love Sicilia. Grazie #ilborgodeiborghi2016 x avermi fatto scoprire dei posti fantastici” scrive qualcuno su Twitter, e si legge anche “Grazie a #ilborgodeiborghi2016 ho scoperto tanti bei posti che non sapevo esistessero” e ancora “Rarità! Un gran bel programma sulle splendide bellezze del nostro Paese in prima serata! #ilborgodeiborghi2016”. E dopo la vittoria di Sambuca di Sicilia, l’appuntamento è per una nuova gara nel 2017.

Abbiamo assistito a un’altra serata de Il Borgo dei Borghi 2016 che ha visto protagonisti venti splendidi Comuni in giro per lo stivale italiano. Alla fine ha segnato il suo terzo successo di fila la Sicilia con Sambuca terra del Nero d’Avola e di altri splendidi sapori. Sono tantissimi i commenti che arrivano da tutta Italia al di là poi di chi abbia vinto o meno la ”competizione”. C’è infatti chi è felice solo per aver visto il suo piccolo borgo in onda su Rai Tre e quindi pronto per entrare negli occhi di tutti: “Grazie Camilla! Qui a Egna siamo davvero onorati di essere stati inseriti tra i Borghi più belli. Siamo entrati nel club solo nel 2014”, “Questa è davvero una bellissima manifestazione per far valorizzare il nostro patrimonio”. C’è però chi non ha compreso il motivo per cui è stato estromesso Cervo Ligure: “Questa cosa di non aver fatto nemmeno vedere i filmati di Cervo è strano, soprattutto legato al fatto di aver detto due paroline in fondo delle quali non si è capito niente”. C’è invece chi è felicissimo del terzo successo siciliano: “Per la terza volta un borgo siciliano che porti alla rinascita della nostra bella isola”. Clicca qui per leggere tutti i commenti del pubblico.

Il Borgo dei Borghi 2016 è Sambuco di Sicilia, comune noto per la produzione di Nero d’Avola in tutto il mondo. E’ stato un viaggio emozionante che sicuramente ha regalato la possibilità di scoprire dei posti che prima a molti erano ignoti. E’ un vero e proprio successo per la Sicilia che trionfa per il terzo anno di fila. Nell’edizione del 2014 aveva infatti vinto Gangi in Provincia di Palermo, mentre nel 2015 Montalbano Elicona in Provincia di Messina. Un successo che rilancia a livello anche turistico una regione splendida come la Sicilia che merita di essere visitata e vissuta per davvero molti motivi. .

Il Borgo dei Borghi 2016 è Sambuca in Sicilia. Il territorio è caratterizzato da coltivazione di campi di grano, uliveti ma soprattutto vigneti. I primi insediamenti risalgolo al XII sec. a.C. per degli scavi archeologici molto recenti. La parte più centrale del borgo è caratterizzato da strette viuzze. La Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria faceva parte di un Monastero San Benedettino. L’arrivo dei Normanni sulle rovine dell’antico castello arabo sorse la Chiesa dell’Assunta danneggiata dal terremoto del sessantotto. Ci portano di fronte anche al formaggio della Vastedda, dietro al quale c’è la storia. Inoltre ci sono dei vini davvero molto famosi con una storia millenaria, nasce qui il Nero d’Avola.

Siamo arrivati alla fine de ”Il Borgo dei Borghi 2016”, sapremo ora chi ha vinto raccogliendo il titolo di miglior borgo d’Italia. La serata su Rai Tre è stata presentata da Camila Raznovich. In terza posizione abbiamo trovato Castellabate in provincia di Salerno in Campania, davvero splendido anche per il sole che lo tocca praticamente tutto l’anno. Rimangono ora solo Sambuca e Cervo in Liguria, chi vincerà? Camilla incontra prima Anna Kanakis e poi Philippe Daverio trovandoli finalmente. Alla fine scopriamo che la medaglia d’argento è per che si posiziona secondo Cervo in Liguria. Il Borgo più bello d’Italia del 2016 è Sambuca di Sicilia. E’ stato davvero un viaggio meraviglioso all’interno di posti strepitosi e alcuni magari anche meno conosciuti, meno visitati per la loro minor estensione. Camila Raznovich parla di problemi tecnici riguardanti il Comune di Cervo in Liguria come comunica la redazione Rai.

A ”Il Borgo dei Borghi 2016” siamo arrivati finalmente al podio con gli ultimi tre borghi rimasti in gioco che sono Castellabate, Sambuca e Cervo in Liguria. Vedremo chi sarà a trionfare in questa stagione. Finalmente Camilla Raznovich si trova con il ”vero” Hirohiko Shoda, che annuncia il terzo classificato: Castellabate in pronvicia di Salerno in Campania. Chi vincerà la sfida finale tra Cervo in Liguria e Sambuca? Lo scopriremo presto.

A ”Il Borgo dei Borghi 2016” Camilla Raznovich va alla ricerca proprio della sua giuria, in difficoltà fino a questo momento con la gag che l’ha vista incontrare i fratelli di ognuno di questi. In quinta posizione troviamo Lovere in provincia di Bergamo, dove gli abitanti vivono bene sul Lago d’Iseo. Si può visitare un borgo medievale davvero splendido e dove la presenza del Lago fa veramente contorno a questa situazione, grazie davvero a una bellezza che si riflette sul borgo. In quarta posizione troviamo Posada in Sardegna. Sorge su uno sperone calcareo e si trova all’interno di un parco naturale stupendo. Si spazia dal mare alla pianura con diverse situazioni ed è abitato fin dai tempi del Neolitico subendo tantissime influenze storiche. Oggi si lavora sul territorio e sull’agricoltura.

A ”Il Borgo dei Borghi 2016” siamo arrivati alle prime sette posizioni che Camila Raznovich insieme alla sua giuria ci sta illustrando. In settima troviamo Subiaco in Provincia di Roma. Nel periodo medievale ha la sua base di incastellamento attorno la Rocca Abbaziale, davvero splendida. Questa sanciva il dominio del potere ecclesiastico sulla città, diventando la rocca di molti nobili del passato tra cui i Borgia e vi nacquero Cesare e Lucrezia. L’arrivo di San Benedetto nella valle dell’Aniene ne rivoluzionò la storia. Bellissimo è il Monastero di San Benedetto, costruito sopra la grotta dove il Santo visse per tre anni in solitudine. Il primo libro italiano nel 1465 è stato stampato in questo monastero. Al sesto posto troviamo Fornelli dove si mescolano storia e passione. Si trova nell’alta Valle del Volturno ed è importantissima la produzione d’olio.

A ”Il Borgo dei Borghi 2016” siamo arrivati all’undicesima posizione in classifica con Cison di Valmarino. Un posto meraviglioso per via della natura che lo abita e lo circonda. Gli abitanti raccontano le purezze del posto senza inquinamento e con grande vitalità. Inoltre è un luogo dove viene prodotto uno dei vini più famosi d’Italia. Camila Raznovich va in giro per cercare i tre giurati e continua a trovare come al solito i fratelli degli artisti che cerca. In decima posizione troviamo il Comune Spello. Questo viene definito come uno scrigno che protegge numerosi gioielli. Ci sono infatti delle chiese splendide come quella di Santa Maria Maggiore che ha un impianto che risale al Romanticismo con opere del Pinturicchio. Anche la lavorazione del ferro è una caratteristica. Al nono posto troviamo Scanno in Provincia de L’Aquila. Sorge nella Valle del Sagittario ed è circondato dal Parco Nazionale dell’Abruzzo. Fu centro all’interno del commercio della lana. Viene mostrato poi l’abito tipico indossato dalle donne di Scanno con le ragazze giovani che vogliono portare avanti la tradizione. In posizione numero otto troviamo Chianalea in provincia di Reggio Calabria. Si dispone ad arco lungo uno splendido promontorio roccioso con spiagge e mare meravigliosi.

Al ”Il Borgo dei Borghi 2016” Camila Raznovich ci sta mostrando dei posti veramente incantevoli in giro per l’Italia. Alla posizione quattordici ci troviamo di fronte a San Leo in Provincia di Rimini. Il Santo avrebbe evangelizzato la zona insieme a San Marino e ne divenne vescovo. San Leo fu per due anni la capitale dell’Italia. Inoltre fu prigione per diverso tempo del Conte di Cagliostro. La Pieve è il più antico monumento del Monte Feltro, davvero splendida. Al tredicesimo posto troviamo Viggianello in Provincia di Potenza. Per chi viene dalla città questo è un vero e proprio paradiso terrestre. Una natura selvaggia che regala davvero emozioni nella sua caratterizzazione con posti splendidi da vedere. Camilla si presenta in un negozio di dolci dallo chef Hirohiko Shoda, ma come per gli altri trova suo fratello che si è trasferito qui per studiare i sapori italiani, ovviamente è una gag. Al dodicesimo posto ci troviamo in Friuli Venezia Giulia per Cordovado in Provincia di Pordenone. Anticamente sorgeva su un guado su due lati del fiume Tagliamento ed era in posizione strategica. Ci troviamo poi dentro il Santuario delle Beate Grazie, un posto davvero di incredibile bellezza. Veniamo portati anche dentro la Pieve di Sant’Andrea e alle spalle della Chiesa c’è uno splendido campanile.

Al ”Kilimangiaro – Il Borgo dei Borghi 2016” Camila Raznovich ci sta mostrando dei piccoli angoli di paradiso in giro per l’Italia. Siamo partiti dal ventesimo posto con Offagna, salendo al diciannovesimo con Egna. Camilla si incontra con Anna Kanakis, come con Daverio c’è il siparietto legato al fatto che ci si trovi di fronte alla sorella dell’attrice. Al diciottesimo posto troviamo Ricetto di Candelo che si trova in Provincia di Biella in Piemonte. Era un rifugio circodanto da alte mura e da quattro torri. La sua particolarità risiede dal fatto che il centro è proprio questo, un ricetto medievale. La natura che lo circonda poi è meraviglioso, gli abitanti lo definiscono un posto magico. La Chiesa di Santa Maria Maggiore è uno dei capolavori del posto. In diciassettesima posizione troviamo Locorotondo in Provincia di Bari in Puglia. Il centro storico è incantevole con le costruzioni bianche che si contrappongono al verde del paese. La Chiesa di San Giorgio Martire è davvero splendida, contenente tante bellissime opere. La pietra caratterizza il luogo. Viene inoltre prodotto un particolare olio extravergine d’oliva per la presenza di ulivi davvero pregiati. In sedicesima posizione troviamo Fenis in Val d’Aosta, un posto immerso nelle montagne verdi dove davvero si respira magia. Si trova sulla destra della Dorea Baltea. Una simpatica signora racconta come sia tipico appendere salsicce al muro per farle essiccare. Viene mostrato anche il MAV, Museo artigianale Val d’Aosta dove sicuramente si respira grande profumo d’arte. Al quindicesimo posto c’è Giglio Castello che si trova nell’Isola del Giglio. Un abitante la definisce come l’isola più bella del mondo. Questa è formata da tre paesi ed è davvero circondata da un mare incredibile.

Siamo pronti a vivere su Rai Tre il viaggio tra i vicoli più belli dell’Italia in ”Kilimangiaro – Il Borgo dei Borghi 2016″. Nell’anteprima proposta dalla redazione sono stati introdotti tutti e venti i borghi finalisti, davvero dei piccoli angoli di paradiso. Con la sua cinquecento rossa Camila Raznovich si porta piano piano all’interno di ognuno diquesti posti. I tre giudici d’eccezione sono lo chef Hirohiko Shoda, l’attrice Anna Kanakis e lo storico Philippe Daverio. Si parte dalle posizioni venti e diciannove. Al ventesimo posto troviamo Offagna ad Ancona, un comune davvero splendido. Vengono sentite le persone del posto che raccontano quello che si vive in questo delizioso borgo che ha anche una storia importante alle sue spalle, con la Rocca di Offagna simbolo. Il diciannovesimo è invece Egna un posto speciale che si trova in Provincia di Bolzano in Trentino Alto Adige. E’ circondato da ampi meleti e vigneti, le immagini mostrate sono veramente incredibili. I portici mercantili sono la caratteristica principale del borgo. Viene mostrata la Chiesa di San Nicolò che è veramente stupenda. Inoltre è importante per l’unicità dei suoi prodotti come le mele la cui produzione in Trentino è la maggiore d’Europa.

E’ appena iniziata la serata ”Kilimangiaro – Il Borgo dei Borghi 2016” su Rai Tre. Camilla Raznovich ci ha introdotto quello che accadrà partendo a bordo della sua macchina ci porterà a viaggio della scoperta dei borghi più belli del nostro paese, quelli proposti nella stagione della trasmissione Kilimangiaro. Tra i vicoli con l’occhio della trasmissione si scoprirà quale è il Borgo dei Borghi. In apertura vengono ripercorsi tutti i venti protagonisti di questa finale, davvero dei piccoli spazi di paradiso che ci regaleranno sicuramente grandissima emozione. Siete pronti? Allacciate le cinture, si parte!

Si concluderà questa sera la sfida tra 20 paesi ialiani per eleggere il borgo più bello d’Italia del 2016. Tra le località in gara c’è anche San Leo, un comune di poco più di 3mila abitanti, in provincia di Rimini che, oltre ad avere una lunga storia, sfoggia tanti bei monumenti come il duomo di San Leo in stile romanico, costruito da maestri lombardi, la Pieve di Santa Maria Assunta, il Forte di San Leo, la torre campanaria, il palazzo mediceo e il Convento di sant’Igne del secolo XIII nella cui chiesa è conservato un frammento dell’olmo sotto il quale predicò San Francesco durante la sua visita a San Leo. Vincere, però, per San Leo non sarà affatto facile. A contendere il titolo di borgo più bello d’Italia alla piccola località dell’Emilia Romagna saranno: Spello (Umbria); Subiaco (Lazio); Lovere (Lombardia); Cordovado (Friuli); Castellabate (Campania); Scanno (Abruzzo); Locorotondo (Puglia); Chianalea Di Scilla (Calabria); Cison Di Valmarino (Veneto); Offagna (Marche); Cervo (Liguria); Sambuca Di Sicilia (Sicilia); Viggianello (Basilicata); Ricetto Di Candelo (Piemonte); Fornelli (Molise); Egna (Trentino); Fenis (Valle D’Aosta); Giglio Castello (Toscana); Posada (Sardegna).

Il popolo del web, nel programma di Rai3, “Alle falde del Kilimangiaro” eleggerà il borgo italiano più bello. Tante le piccole località del nostro Paese in gara tra cui, per la Campania, spicca Castellabate. Il nome del borgo è diventato famosissimo grazie al film “Benvenuti al Sud” di Alessandro Siani. Grazie alla divertente pellicola, il popolo italiano ha potuto conoscere il bel borgo campano che ha davvero tanti motivi per essere eletto il borgo più bello d’Italia del 2016. Tra i monumenti da visitare c’è sicuramente il castello fatto costruire da San Costabile a cui si uniscono i cunicoli per sfuggire agli attacchi dei saraceni e, naturalmente, il panorama mozzafiato da Punta Campanella a Punta Licosa. Alla storia di Castellabate, poi, appartiene il mito della sirena Leucosia. Un posto magico e suggestivo, dunque, che il popolo del web potrebbe decidere di eleggere il più bel borgo italiano.

Nel giorno di Pasqua, oggi domenica 27 marzo 2016, il piccolo schermo di Rai 3 dedica il prime time a Kilimangiaro – Il borgo dei borghi, con la premiazioni del concorso che ha visto in gara ben 20 località sparse su tutto lo Stivale e rappresentative di ogni regione: sarà una bellissima occasione di viaggiare attraverso i territori, la natura, le tradizioni, i piatti tipici e il folklore e al termine della serata verrà decretato il Borgo più bello d’Italia 2016. A condurre, a partire dalle 21.05, ci sarà Camila Raznovich: è stato il pubblico da casa, esprimendo la sua preferenza sul sito www.kilimangiaro.rai.it, a scegliere chi è più meritevole di portare a casa il riconoscimento, ma le novità di questa edizione non sono finite qui. 

In gara per il titolo Il borgo più bello d’Italia 2016 ci sono venti comuni: Fenis in Valle D’Aosta, Ricetto di Candelo in Piemonte, Cervo Ligure in Liguria, Lovere in Lombardia, Egna in Trentino Alto Adige, Cison di Valmarino in Veneto, Corcovado in Friuli Venezia Giulia, San Leo in Emilia Romagna, Giglio Castello in Toscana, Spello in Umbria, Offagna nelle Marche, Subiaco nel Lazio, Scanno in Abruzzo, Fornelli in Molise, Castellabate in Campania, Viggianello in Basilicata, Locorotondo in Puglia, Chianalea di Scilla in Calabria, Sambuca di Sicilia in Sicilia e Posada in Sardegna. Chi sarà il vincitore?

Questa sera andrà in onda la finalissima dell’edizione 2015-2016 de Il Borgo dei borghi. Tutte le Regioni italiane hanno un paese a rappresentarle e mentre sui social si danno battaglia alla ricerca di voti, in tv ci saranno tre giudici che permetteranno ai borghi di avere dei punti in più nella classifica finale. In particolare, prenderanno posto in trasmissione il critico d’arte Philippe Daverio, l’attrice Anna Kanakis e lo chef Hiroiko Shoda, detto anche “Chef Hiro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori