BANANA JOE/ Su Rete 4 il film con Bud Spencer e Giorgio Bracardi. Trailer e diretta streaming

- La Redazione

Banana Joe è il film che verrà proposto oggi, giovedì 14 aprile 2016, sul piccolo schermo di Rete 4 in prima serata: una pellicola con Bud Spencer e Giorgio Bracardi, vediamo la trama

Foto-Mediaset
Mediaset

Rete 4 manderà in onda alle 21.15, dunque fra pochissimo, il film commedia “Banana Joe”, con Bud Spencer, Marina Langner, Mario Scarpetta, Gianfranco Barra, Enzo Garinei. Vediamo ora cosa possiamo scoprire dal trailer del film che ci darà un’idea della trama: Banana Joe’ è una produzione italiana girata nel 1982. Il piccolo spezzone proposto mostra fin da subito un Bud Spencer (il protagonista assoluto di tale pellicola) in un eccezionale stato di forma. Non ha la patente e si mette alla guida di un camion, cerca di entrare nell’esercito ma nessuno è pronto ad accogliere un uomo delle sue dimensioni. Il momento clou è quello in cui appende il ministro dello Stato in cui vive ad un attaccapanni: messo in carcere per quest’ultima malefatta si stupirà persino che appendere al muro un membro del governo non sia cosa lecita. Il segreto della sua forza? Avere sempre mangiato le banane! Vi ricordiamo che il bel film è disponibile in diretta streaming video con il servizio gratuito del portale Mediaset, nella pagina dedicata a Rete 4, cliccando qui. Ecco il trailer con le scene del divertente film.

Andiamo a scoprire un paio di notizie sul film in onda oggi su Rete 4 alle ore 21.15, ‘Banana Joe‘. Il film è stato interamente girato nel Golfo de Uraba ed ossia nell’Oceano Atlantico a largo della Colombia nell’America del Sud che tra l’altro è ancora oggi uno dei punti di maggiore produzione nel mondo di banane. Inoltre per i cultori delle pellicole che hanno visto come protagonisti Terence Hill e Bud Spencer, è interessante far notare come in alcuni pezzi della pellicola vengano fatte ascoltare le colonne sonore di alcuni loro film come Pari e dispari e I due superpiedi quasi piatti. Il film è uscito in Italia l’8 aprile del 1982 con Bud Spencer che presenziò all’anteprima il 7 aprile a Milano.

La pellicola in onda oggi su Rete 4 alle 21.15 è un film del 1982: Banana Joe è stato prodotto e realizzato in Italia per la regia di Steno (pseudonimo di Stefano Vanzina) su un soggetto scritto dal principale protagonista della pellicola ed ossia Bud Spencer, mentre la scenografia è stata redatta da Mario Amendola in collaborazione con lo stesso regista Steno e Bruno Corbucci. La pellicola è stata prodotta dalla casa cinematografica della Derby Cinematografica in collaborazione con la Lisa Film GMBH mentre la distribuzione nelle sale cinematografiche e nell’home video è avvenuta per mezzo della PIC Ricci e Marinelli. Al film hanno collaborato anche tantissimi piuttosto conosciuti in Italia negli ambienti cinematografici come Luigi Kuvellier che si è fatto carico della fotografia, Raimondo Crociani che invece ha realizzato il montaggio, Dino Galiano che si è occupato degli effetti speciali, Guido De Angelis e Maurizio De Angelis invece hanno scritto le musiche che poi hanno composto la colonna sonora, la scenografia è stata realizzata da Francesco Bronzi mentre i costumi di scena sono stati realizzati e confezionati da Luciano Sagoni. La durata del film prendendo in considerazione la sua versione originale integrale ed ovviamente senza conteggiare le interruzione dovute ai vari passaggi degli spot pubblicitari televisivi è pari all’incirca a 1 ora e 32 minuti mentre nel cast figurano alcuni artisti piuttosto conosciuti come lo stesso Bud Spencer, Marina Langner, Mario Scarpetta, Gianfranco Barra, Enzo Garinei, Giorgio Bracardi, Edy Biagetti, Gunter Philipp, Carlo Reali, Salvo Basile, Nello Pazzafini e Eolo Capritti.

Ci troviamo in un piccolo villaggio dell’Ecuador degli anni settanta dove tutti i cittadini vivono quasi allo stato brado riuscendo ad ottenere le risorse per poter vivere grazie ad una certa produzione di banane. A portala avanti è un omone che tutti chiamano Joe (Bud Spencer) non originario di quelle zone ma che è stato accolto da bambino come fosse uno di loro. Joe per sdebitarsi di tutto questo, si occupa del commercio di banane ed in particolare li carica sulla propria barchetta per poi andare a vendere a San Cristobal e con il ricavato comperare tutte le cose di cui necessitano gli abitanti della piccola Amantido. Tutto procede nel migliore dei modi fino a che un boss di San Cristobal, un certo signor Torsillo (Gianfranco Barra) non decide di voler controllare tutto il commercio della frutta della zona e soprattutto di impadronirsi di Amantido per costruire un casino dove tutte le attrazioni sono ovviamente truccate allo scopo di ripulire per bene tutti gli indigeni della zona che dovranno lavorare per lui praticamente gratis in quanto tutti i compensi saranno spesi al casinò. Joe durante una classica giornata in cui si reca a San Cristobal per vendere le proprie banane deve fare i conti con le imposizioni degli uomini di Torsillo che provano ad imporgli i prezzi che lui vuole. Joe però travolge tutto e tutti per cui Torsillo per vendicarsi fa in modo che vengano effettuati dei controlli alla sua licenza di commerciante: siccome lui non aveva mai fatto alcuna richiesta sotto questo punto di vista il buon Joe si vede costretto a fare i conti con un avversario ben più temibile ed ossia la burocrazia. Joe scopre che il suo certificato di commerciante non può essere rilasciato in quanto non risulta all’anagrafe la sua data di nascita ed inoltre si vede costretto a fare il servizio militare. Joe si ritrova così a vivere a San Cristobal e senza sapere diventa uno dei buttafuori di un locale di Torsillo: peccato che butti fuori proprio Torsillo dal locale. Nella struttura conosce Dorianne (Marina Langner) che lavorava come cantante e ballerina. Dopo alcune settimane finalmente Joe riesce a tornare ad Amantido dove tutto è cambiato per via del Casino di Torsillo ma lui non si arrende e lo distrugge riportando la pace e la tranquillità nel villaggio e soprattutto riprendendo il commercio di banane.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori