CATERINA CASELLI/ La cantante dal caschetto d’oro diventata produttrice musicale (ospite a Che fuori tempo che fa, sabato 16 aprile 2016)

- La Redazione

Questa sera la celebre cantante Caterina Caselli sarà ospite a “Che fuori tempo che fa”, in onda su Rai 3. Ha da poco compiuto 60 anni e da tempo fa la produttrice musicale

fabio_fazio
Fabio Fazio

Stasera la celebre cantante Caterina Caselli sarà ospite di Fabio Fazio a Che fuori tempo che fa, in onda su Rai 3. Questa celebre cantante è nata a Modena il 10 aprile del 1946: la sua prima passione musicale è stato il basso, strumento che negli anni ’60 difficilmente era suonato dalle artiste italiane. La Caselli ha portato questa sua particolarità in molte balere emiliane dove ha fatto la gavetta nei primi tempi della sua carriera. A diciassette anni partecipa come cantante al noto concorso musicale ‘Voci Nuove’ a Castrocaro: non vince, ma raggiunge la semifinale. In questo modo riesce a catturare l’attenzione della MRC, la sua prima casa discografica. Il suo singolo ‘Sciocca/Ti telefono tutte le sere’ non ha, però, grande successo.

La svolta per Caterina Caselli arriva con un nuovo e iconico taglio di capelli: la cantante, che prima sfoggiava una coda di cavallo bruna, si presenta al ‘Festival della Canzone Italiana’ con un curioso caschetto biondo che, da allora, diviene il suo marchio di fabbrica. Il pezzo che canta in quest’occasione è ‘Nessuno mi può giudicare’: la renderà una delle giovani voci più interessanti del panorama musicale italiano dell’epoca. Da quel momento in poi la Caselli sforna un successo dietro l’altro: ‘Perdono’, ‘È la pioggia che va’, ‘Sono bugiarda’, ‘Il gioco dell’amore’, ‘Cento Giorni’ e ‘Insieme a te non ci sto più’ sono solo alcuni dei suoi grandi successi. In contemporanea, secondo il costume del tempo, partecipa ad alcuni ‘musicarelli’, particolare genere cinematografico in cui i giovani cantanti recitavano come protagonisti e cantavano, al contempo, alcuni tra i loro maggiori successi.

La spontaneità e il carisma della Caselli le aprono anche le porte della televisione: nel 1967 conduce, assieme all’indimenticato Giorgio Gaber, la trasmissione ‘Diamoci del tu’. Nel Giugno del 1970 si sposa con Piero Sugar, figlio del noto discografico Ladislao: questo la porta a considerare di scrivere una nuova pagina alla sua carriera. Caterina è infatti stanca di esibirsi: nel 1975 decide di abbandonare le scene e di dedicarsi all’attività di talent scout appoggiandosi alla nota casa discografica di famiglia.

Molti sono i talenti che Caterina Caselli ha scoperto e prodotto negli anni: Pierangelo Bertoli, Elisa, Malika Ayane, gli Avion Travel, Giuni Russo, Raphael Gualazzi e i Negramaro sono solo alcuni di questi. Nell’ultimo periodo, sempre per la sua attività di discografica, il ‘caschetto d’oro’ è tornato alla ribalta della cronaca. Succede praticamente ogni anno che la Caselli abbia qualche membro della sua scuderia in corsa al ‘Festival della Canzone Italiana di Sanremo’: nell’edizione 2016 tra i suoi protetti in gara citiamo Michael Leonardi, al suo debutto nella ‘Sezione Giovani’. Anche Giovanni Caccamo e Deborah Iurato vengono rappresentati dalla Sugar. La Caselli ha dichiarato in quell’occasione come nutrisse grandi speranze che fosse proprio uno dei suoi pupilli a vincere Sanremo. Negli anni la Sugar ha ricevuto numerose gratificazioni da parte della critica: però la squadra di Caterina Caselli non vince il primo premio dal 2001, anno in cui la cantante Elisa portò sul palco dell’Ariston ‘Luce (Tramonti a nord est)’. Sappiamo che il 2016 non ha esaudito questo desiderio (Iurato e Caccamo con la loro ‘Via da qui’ si sono classificati solo quarti): confidiamo con la Caselli che il 2017 sia la volta buona.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori