NCIS – NEW ORLEANS 2 / Anticipazioni puntata del 24 aprile 2016: crossover con NCIS – Unità Anticrimine 13! Pride arresta il fratello di Abby!

- La Redazione

NCIS – New Orleans 2, anticipazioni di domenica 24 aprile 2016, in prima tv su Rai 2. La notizia della separazione di Ellie arriva fino a Pride. Luca nei guai con King: arrestato!

NCIS_New_Orleans
NCIS - New Orleans

Nella seconda serata di oggi, domenica 24 aprile 2016, Rai 2 trasmetterà un nuovo episodio di NCIS – New Orleans 2, in prima Tv assoluta. Andrà in onda la dodicesima puntata, dal titolo “Incontro a New Orleans” ed è il proseguimento della prima parte del dodicesimo episodio di NCIS – Unità Anticrimine 13. La serie riprenderà con la narrazione cronologica e con la seconda puntata nel prossimo appuntamento. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: un convoglio militare viene fatto saltare durante un’esercitazione e l’NCIS viene chiamata ad indagare. La minaccia è alta perché la squadra scopre subito che sul posto manca un missile. Dopo qualche ricerca, la squadra individua l’ex ufficiale Mark Yaden come responsabile dell’attentato, ma l’uomo si spara di fronte agli agenti dopo aver detto ‘Sic Semper Tyrannis’. Pride (Scott Bakula) riconosce la frase come quella detta dall’assassino di Abramo Lincoln. L’autopsia di Yaden mette in evidenza un tatuaggio che aveva sul braccio e che riporta ad una gang del Montana. Percy (Shalita Grant) conosce il gruppo per un precedente caso dell’ATF e scopre che 90 militanti separatisti sono arrivati a New Orleans negli ultimi mesi. Tutti hanno giurato fedeltà ad un soggetto conosciuto come Il Padre, ovvero Brent Boudreau, un uomo pronto a sferrare un attacco contro la città. LaSalle (Lucas Black) e Percy risalgono ad uno degli immobili intestati alla famiglia del criminale e trova Anna Boudreau (Clare Carey) all’interno di una casa. La donna rivela di essere l’ex moglie di Boudreau e che il marito è scomparso da diverse settimane. Per riuscire a fermare l’attentato, Pride decide di infiltrarsi nelle fila dei terroristi in una missione sotto copertura. Il leader del gruppo fa una serie di domande di verifica sull’identità falsa di Pride perché non si fida, ma riceve ogni risposta. Il leader accetta che si unisca alle sue fila e LaSalle e Brody (Zoe McLellan) decidono di entrare per prelevarlo, ma non trovano nessuno. Pride è stato fatto uscire da una botola nascosta nel pavimento ed ha lasciato l’orologio con la trasmittente sul posto. Pride viene portato in una palude dove i terroristi si stanno preparando all’attacco. La squadra trova il posto, ma Pride ferisce LaSalle alla spalla per impedire che venga ucciso da uno dei terroristi. Non appena individuato il missile, Pride fa cenno all’NCIS ed all’ATF che il gruppo vuole attaccare la sede della Marina e li fa intervenire. Pride viene prelevato come uno dei terroristi per evitare che la sua copertura salti. L’NCIS scopre che in realtà il missile non è progettato per scoppiare, ma che si trattava di un diversivo per rubare un chip. Il corpo di Brent Boudreau viene ritrovato sul posto in forte stato di decomposizione ed in base al proiettile presente sul suo corpo, Percy riconosce l’arma trovata alla moglie Anna. La donna viene fermata da Pride in un locale poco distante. A fine caso, Pride decide di investire la liquidazione per la casa in un locale da rimettere in piedi. Poco dopo, Percy informa Pride che i terroristi hanno appena messo una taglia da 50mila dollari sulla sua testa, ma King non intende fare nulla per il momento.

Ellie trasporta il corpo di Pavlenko fino a New Orleans in gran segreto perché Loretta faccia l’autopsia. Le analisi rivelano che è stato ucciso con la stessa neurotossina dei passeggeri dell’aereo di Blye ed in base ad alcune punture di insetto, Sebastian riesce ad individuare dove si trovasse al momento della morte. La squadra intanto rintraccia Luca Sciuto che si trova in compagnia di Eva Azarova. La donna ha una pistola e minaccia di uccidere i presenti se non verrà lasciata andare, ma Pride rifiuta. Luca crea quindi un diversivo e fa fuggire la donna, ma per questo viene trattenuto all’NCIS. Dopo qualche ricerca, la squadra rintraccia Jenner Blye, ma l’uomo cade a terra poco dopo a causa di un principio di avvelenamento. Mentre Sebastian si trova al cellulare con Duck, nota che l’auricolare bluetooth emette delle interferenze. Seguendo il rumore, arriva fino alla cella in cui si trova il corpo di Pavlenko e scopre che ha una microspia impiantata in uno dei molari.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori