Patty Pravo / La cantante oggi al talent e su Sky Arte, ieri sold out a Milano (The Voice of Italy 2016, Ed.4 settima puntata 6 aprile)

- La Redazione

Patty Pravo, la nota cantante italiane regina della scene per tanti anni, ospite della 1^ puntata delle Battle del talent di Rai Due (The Voice of Italy 2016, Ed.4 settima puntata 6 aprile).

Pravo_PattyR439
Patty Pravo

Sono giorni molto importanti per Patty Pravo che stasera sarà ospite del talent show della Rai The Voice of Italy 2016 e inoltre sarà protagonista di uno speciale su Sky Arte Hd. Ieri invece la cantante ha vissuto un’altra grandissima soddisfazione per l’ennesimo sold out del suo ”Eccomi Tour”. Era infatti presente al Teatro Nazionale di Milano dove ha ricevuto diverse standing ovation e un interminabile scroscio di applausi. Certo questo non può stupire perchè di sicuro tutti sanno la grandezza di un’artista che continua a rinnovarsi anno dopo anno, riuscendo a trovare sempre le note giuste per fare passi avanti nella sua carriera.

Sarà una serata speciale per Patty Pravo che sarà ospite di The Voice of Italy 2016 ma non solo. Infatti il canale tematico Sky Arte Hd sul satellite a partire dalle ore 21.10 presenterà uno speciale tra arte e moda dal titolo ”Bonus Track, Patty Pravo”. Sicuramente saranno tante le emozioni da vivere e i momenti da ricordare e in più chi non si vorrà perdere questi appuntamenti avrà anche la possibilità di registrare con My Sky lo speciale e guardare in diretta il talent show mandato in onda dalla Rai. Clicca qui per la foto e i tweet dei follower.

Mancano poche ore per la messa in onda di una nuova puntata del programma The Voice of Italy 2016, trasmesso su Rai Due per la conduzione di Federico Russo e con Raffaella Carrà, Dolcenera, Max Pezzali e Emis Killa nelle vesti di giudici e coach. In questa puntata, la prima della fase delle Battle, sarà presente la nota cantante italiana Patty Pravo. Scopriamo qualcosa di più sul suo conto.

Nata a Venezia il 9 aprile del 1948, con il nome di Nicoletta Strambelli, in una famiglia non agiata, ha iniziato la sua carriera con il nome di Guy Magenta. Alla metà degli anni ’60 fu poi scoperta da Alberigo Crocetta in una delle serate trascorse al Piper, il celebre locale romano di cui era diventata nel frattempo la stella indiscussa. Assunto il nome di Patty Pravo, ha quindi inciso il suo primo singolo, Ragazzo triste, riportando un immediato successo proprio grazie alla sua straordinaria capacità di interpretare le inquietudini di una generazione che si avviava ormai verso la contestazione del ’68. Dopo questo primo brano, anche i successivi ne hanno confermato il grande talento, a partire da Qui e là e Se perdo te (1967). La sua popolarità si è poi accresciuta ulteriormente nel 1968 grazie a La bambola, brano che avrebbe collezionato ben 40 milioni di copie vendute in ogni parte del globo. Il grande successo degli anni ’60 è poi proseguito per buona parte degli anni ’70, soprattutto grazie a brani come Pazza idea (1974) e Pensiero stupendo (1977). In seguito non ha più saputo raggiungere i vertici espressivi di quei decenni, pur continuando a incidere buoni lavori che hanno comunque messo in rilievo una voce che teme pochi confronti. La sua fama è stata peraltro resa possibile da un’immagine molto controversa, tale da provocare non solo simpatia, ma anche sentimenti meno amichevoli. Basti pensare al riguardo che nel 1971, durante un concerto tenuto nell’hinterland di Lucca, è stata colpita al volto da un posacenere scagliatole contro da una donna, riportando una serie di fratture al volto. Anche le vicende della sua vita privata hanno fornito molta materia di discussione, in particolare per le riviste di gossip. Dopo essere stata fidanzata con Gordon Angus Fagetter, il batterista del suo gruppo di supporto, i Cyan Three, nel 1972 ha sposato Franco Baldieri, un arredatore romano da cui ha presto divorziato, per legarsi al cantante dei Pooh, Riccardo Fogli. Dopo la fine questa relazione, nel 1982 ha quindi sposato il chitarrista statunitense John Edward Johnson, conosciuto proprio nel periodo in cui aveva raggiunto gli States. Anche i suoi guai con la droga non hanno mancato di proiettarla più di una volta sulle prime pagine dei quotidiani, in particolare nel 1992, quando venne arrestata per la detenzione di hashish. Dopo tre giorni trascorsi nella sezione femminile del carcere romano di Rebibbia, la sua uscita fu salutata dal coro improvvisato dalle detenute, intonando Ragazzo triste. Ora si appresta a festeggiare mezzo secolo di carriera, con una serie di concerti in cui avrà modo di cantare i suoi pezzi storici e con la promozione del suo ultimo lavoro in studio, Eccomi, appena pubblicato. In una recente intervista, ha confidato di non interessarsi alla politica, forse in ricordo di quando provò a recarsi alle urne a New York, non appena maggiorenne, venendo impossibilitata ad esercitare il suo diritto. Inoltre ha voluto esprimere il suo appoggio alla stepchild adoption e la sua netta contrarietà alla mentalità di chiusura espressa dalla classe politica italiana.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori