Gomorra 2, La Serie Sky / Anticipazioni e news: Marco Pavletti spiega la morte del suo personaggio Salvatore Conte (oggi, 23 maggio 2016)

- La Redazione

Gomorra 2, anticipazioni e news di lunedì 23 maggio 2016. Roberto Saviano risponde alle critiche ricevute riguardo alla serie, ormai culto in America. “Atteggiamento omertoso”. 

gomorra-2-don-pietro_R439
gomorra 2

In molti sono rimasti senza parole di fronte al decesso di Salvatore Conte in Gomorra 2. L’attore che interpretava il malavitoso ha voluto però rincuorare i suoi fan su Facebook scrivendo: “Leggo e rileggo i vostri commenti, messaggi, notizie. Tutto questo conferma il vostro calore e la voglia di scegliere ciò che per voi vale in ogni caso. Non vi nascondo che questo mi ha emozionato e non poco ragazzi. Alla base del mio approvvio al lavoro c’è un profondo rispetto per tutte le maestranze che lavorano al progetto. Il lavoro dell’attore funziona così per me: tra le mani hai una scrittura, una sceneggiatura, un copione e cerchi di sublimare questo materiale e di dar vita a quel mondo e a quella storia. Scrivo anche per sottolineare il fatto che non ho avuto nessun problema con nessuno come ho spesso letto sulle supposizioni dopo la mia uscita dalla serie. Mi preme fermare queste dicerie. Amo il mio lavoro e rispetto le persone con cui lavoro. Sono al corrente anche della stima degli adetti ai lavori. Sono state evidentemente delle scelte produttive e di scrittura“.

Delle volte è proprio il caso di dirlo: “la finzione si può trasformare in realtà”. Questo è successo a Napoli dove, 4 ragazzi hanno accoltellato una transessuale in stile Gomorra 2, la serie di Sky in onda con i nuovi episodi ogni martedì sera. Gomorra è sicuramente una serie di successo, ecco perché, quando si è deciso di ammazzare senza colpo ferire il boss Salvatore Conte, il pubblico ha sollevato numerose polemiche difficili da colmare. Ieri notte però, a Napoli un transessuale è stato ferito violentemente da 4 giovani dopo averlo insultato e minacciato. Secondo quanto riportato su FanPage, si legge che: “Ripetevano le frasi di Gomorra e urlavano il nome di Salvatore Conte. Si sono ispirati alla vicenda della terza puntata della serie che ha visto protagonista Nina che aveva un rapporto sentimentale col boss Salvatore Conte. Mi sembrava di essere dentro a Gomorra”. Al momento gli agenti indagano sull’accaduto alla ricerca dei 4 malviventi.

Il quinto e il sesto episodio di Gomorra 2 – La serie ci attendono domani nel nuovo appuntamento su Sky con la srie tv ispirata al libro di Roberto Saviano. Salvator Esposito, che interpreta Genny Savastano, ha voluto solleticare la curiosità dei fans con un tweet che annuncia grandi sorprese: “Domani episodi 5/6 di #Gomorra2 … #Nunsapitchevaspett”. In solo un’ora i like sono stati oltre 70, segno che l’attesa per le nuove puntate è tantissima e cresce sempre di più. L’entusiasmo dei telespettatori si è riversato anche nei commenti: “@SalvioEspo È come potrei perdermi uno dei pochissimi prodotti della TV italiana fatta veramente bene!Bravi davvero!!”, “@SalvioEspo io m’aspett che fai nu burdell!! #GennyBello #Gomorra2”, “@SalvioEspo grandeeee”. Clicca qui per vedere il tweet.

In attesa di capire cosa succederà nella nuova puntata di Gomorra 2, in on questa sera su Sky, il pubblico della serie tv ispirata al romanzo di Roberto Saviano non ha digerito la scomparsa prematura di Salvatore Conte, uno dei personaggi più interessanti dell’intera fiction. A protestare contro la scelta degli sceneggiatori è anche il giornalista Giancarlo Dotto, che ha scritto su Dagospia: “Per me “Gomorra” finisce qua. Mi rifiuto. Solo dei cretini patentati possono inventare un personaggio di quella dismisura, l’unica cosa buona e santa di questa fintissima fiction, il boss pelle e ossa, anoressico e mistico, tenuto in piedi, di più, miracolato dal suo medesimo, ben di là dell’attore (Marco Palvetti, così si chiama), che solo fumando una sigaretta finta sul balcone di casa è già una spanna, ma direi due, sopra tutti, e farlo morire per mano di un co***one qualunque con un rasoio da barbiere” – scrive il giornalista che non ha alcuna intenzione di perdonare un affronto del genere. La morte di Salvatore Conte ha lasciato senza fiato tutto il pubblico che, seppur abituato a violenze e scene forti, non si aspettavano l’uscita di scena di uno dei migliori personaggi di Gomorra.

Nuovo appuntamento con Gomorra, la serie tv di Sky ispirata al romanzo di Roberto Saviano, quello che andrà in onda questa sera e che lascerà senza fiato il pubblico. La settimana scorsa, la morte di Salvatore Conte ha lasciato senza fiato i fans della fiction che non si aspettavano un epilogo del genere. Dal promo dei nuovi episodi scopriamo che le sequenze saranno ancora cariche di scene forti anche se, uno dei momenti più attesi dai telespettatori è l’incontro tra Ciro e Genny. I due non si vedono dalla volta in cui l’Immortale sparò a Savastano Jr. Genny, poi, avrà nuovamente un confronto con suo padre e con Patrizia, la ragazza che si occupa di Don Pietro facendogli da informatrice. Tra Genny e Patrizia ci saranno sguardi carichi di tensione. Cosa succederà tra i due? Lo scopriremo questa sera.

La fama raggiunta da Gomorra 2 sembra ormai inarrestabile, eppure già prima dell’inizio di questa nuova stagione non erano stati pochi i rimbrotti di alcuni dei suoi protagonisti. Il dissenso era diretto maggiormente alla reazione avuta dai fan partenopei, contrariamente all’osannazione, quasi, ricevuta dai fans e dalla critica d’oltreoceano. A questi malumori si è aggiunto nelle ultime ore anche Roberto Saviano che in quanto papà dell’ormai celebre format non poteva non dire la sua. In un post sul proprio profilo Facebook ed in un’intervista del Corriere della Sera, Saviano lamenta la presa di posizione che hanno avuto diverse critiche italiane riguardo alla sua “creatura”. Secondo alcuni infatti il successo riscosso dalla serie potrebbe sconfinare in un tentativo di emulazione da parte dei cittadini, ma Saviano dà uno stop molto forte a quella che giudica solo un “sofisma”. Dall’altra parte si delinea anche un’altra accusa, ovvero quella di “esportare una cattiva immagine dell’Italia”. Insomma, sembra che il classico cliché spaghetti e mandolino sia stato sostituito dalla similitudine fra Bel Paese e mafia solo grazie a Gomorra. Potenza della serie televisiva? La serie è un “semplice racconto della realtà”, ricorda Roberto Saviano, e non un’interpretazione televisiva di ciò che accade. Per far comprendere meglio il paragone, nel post lo scrittore cita altre serie ormai diventate culto come l’americana House of Cards “con presidente degli Usa assassino” o i film di Martin Scorsese. “Ma come si è arrivati a questo livello di ipocrisia?”, chiosa nel post Saviano. “Questo è un atteggiamento omertoso”, sembra quasi rispondersi, amaramente, da solo. Clicca qui per vedere il post di Roberto Saviano su Gomorra

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori