Stonewall/ Da oggi al cinema il film di Roland Emmerich sulla nascita del movimento LGBT: il video del trailer (5 maggio 2016)

- La Redazione

Stonewall, è il film che esce oggi, giovedì 5 maggio 2016, nelle sale cinematografiche italiane. Diretto dal regista Roland Emmerich , tra gli attori Jeremy Irvine, Jonathan Rhys Meyers

Cinema_SalaR439
Il film al cinema (Infophoto)

Esce oggi, 5 maggio 2016, al cinema l’ultima pellicola di uno di quelli che vengono considerati i maestri della cinematografia moderna, Ronald Emmerich. Il film si chiama ”Stonewall” e narra le vicende dei moti che presero il nome del bar dove nacquero a New York nel 1969. Anni di rivolta e rivoluzione ci riporteranno indietro con la mente in un viaggio nella storia che lascerà anche respiro poetico a chi della vita ne faceva un’ideologia ben precisa e voleva fosse compreso dai suoi contemporanei. Già nel 2013 Emmerich aveva dichiarato la volontà di voler fare un film su questo argomento, con le riprese che iniziarono solo alla metà dell’anno successivo. Clicca qui per il trailer del film ”Stonewall”.

È un film diretto dal regista tedesco Roland Emmerich e scritto da Jon Robin Baitz. Il cast che questa produzione può vantare si compone di attori di grande livello come, per esempio, Jeremy Irvine, Jonathan Rhys Meyers, Jonny Beauchamp, Caleb Landry Jones e Joey King. 

Il film ripercorre una delle vicende più celebri del movimento per i diritti civili degli omosessuali: i fatti sono avvenuti nel celebre bar newyorchese Stonewall Inn nel 1969. Danny Winters (Jeremy Irvine) è un giovane omosessuale dell’Indiana stanco dell’ambiente conservatore e conformista in cui è cresciuto e vissuto. Inoltre, poco tempo prima, era stato sorpreso mentre viveva un momento d’intimità con il suo fidanzato. Suo padre si era dimostrato incapace di accettare la situazione e aveva deciso di ripudiare il figlio negandogli persino il sostegno economico che gli era necessario per frequentare la Columbia University. Danny decide quindi di lasciarsi tutto alle spalle e di trasferirsi a New York per poter vivere in un clima più libero la propria natura. L’integrazione a New York sarà per il ragazzo abbastanza semplice: stringerà velocemente amicizia con un gruppo di membri della comunità LGBT. Con essi conoscerà Trevor (Jonathan Rhys Meyers) un uomo più grande che presto diventerà il suo amante. Tutto il gruppo frequenta molto spesso lo Stonewall Inn un locale gay del Greenwich Village gestito da Ed Murphy (Ron Perlman). Il giovane diverrà ben presto consapevole della necessità di rivendicare i diritti degli omosessuali. La polizia, infatti, spesso in quel periodo effettuava retate nei locali frequentati esclusivamente da gay e da transgender. Il 28 giugno a notte fonda otto agenti in borghese irrompono nello Stonewell Inn e arrestano diverse persone (specialmente travestiti e persone prive di documenti). La folla decide di reagire: circa 2.000 persone mettono in atto una vera e propria guerilla urbana per affermare la propria dignità ed il proprio diritto a essere trattati come comuni cittadini. Danny decide di schierarsi con loro, una volta per tutte. 

Il regista tedesco Roland Emmerich è omosessuale dichiarato e molto attivo nell’affermare i diritti della comunità LGBT. Il regista, l’attore canadese Matt Craven e la giovanissima Joey King hanno già lavorato assieme in precedenza: hanno girato nel 2013 il film d’azione Sotto assedio – White House Down. Anche Joey King e Jonathan Rhys Meyers sono vecchie conoscenze: erano insieme sul set di La musica nel cuore – August Rush. Stonewall è considerato il momento preciso in cui è nato il movimento LGBT: il 28 giugno, infatti, è stato scelto come la “giornata mondiale dell’orgoglio LGBT”. Il simbolo della protesta è stata la transgender Sylvia Rivera: la donna ha dato l’avvio alla ribellione gettando una bottiglia addosso ad un poliziotto. L’anno seguente il “Movimento di liberazione gay” organizzò una marcia in commemorazione dei moti di Stonewell: vi parteciparono circa 10.000 persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori