Marcella Bella/ La cantante ricorda il paroliere. Si scatena nelle anticipazioni, Video (Una serata Bella… per te, Bigazzi! Oggi 14 giugno 2016)

- La Redazione

Marcella Bella, la cantante italiana tra gli ospiti che prenderanno parte alla trasmissione in onda nella prima serata di Rete 4 (Una serata Bella… per te, Bigazzi!, Oggi 14 giugno 2016)

marcella_bella
Marcella Bella

Stasera andrà in onda ”Una serata Bella… per te, Bigazzi“. L’evento per ricordare il famosissimo paroliere vede tra i tanti ospiti, e trascinatrice della serata, Marcella Bella. La donna infatti sarà sempre sul palco per portare tutta la sua presenza scenica e un carattere davvero incredibile. Su Twitter si possono già vedere le anticipazioni delle serate con un video pubblicato sulla pagina di Rete 4. Vediamo Marcella sul palcoscenico davvero scatenata con Umberto Tozzi, riuscendo a dare tono alle sue note grazie al talento, a una voce incredibile e alla determinazione. A commento c’è scritto: “Iniziate a scaldarvi con questa piccola anticipazione del duetto di Marcella Bella e Umberto Tozzi”, Clicca qui per il video e per i commenti dei follower.

Nella prima serata di Rete 4 viene proposto al pubblico un gustoso appuntamento con la musica con il concerto Una serata bella per te, Bigazzi! Un evento presentato da Alfonso Signorini insieme a Rosita Celentano, dedicato alla memoria di un grande artista qual è stato Giancarlo Bigazzi. Tra i tanti ospiti attesi sul palco ci sarà anche la cantante siciliana Marcella Bella. Ricordiamo la sua eccezionale carriera e le ultime notizie al suo riguardo.

Nata a Catania nel giugno del 1952, Marcella Bella ha iniziato a farsi notare a metà degli anni ’60 quando ha vinto le selezioni etnee per il Festival degli sconosciuti di Ariccia. Una vittoria però inutile, in quanto il regolamento della manifestazione organizzata da Teddy Reno prevedeva almeno i quindici anni d’età per poter competere, mentre lei ne aveva soltanto tredici. Negli anni successivi, diventata ormai la musica una vera e propria professione, ha però incontrato una serie di difficoltà, derivanti in particolare da uno spiccato accento siculo. Soltanto all’inizio del decennio successivo la CGD ha finalmente deciso di puntare sulle sue evidenti doti vocali, affidandole pezzi sempre più importanti. Il grande successo è arrivato nel 1972, quando ha preso parte al Festival di Sanremo, presentando Montagne verdi, brano scritto dal fratello Gianni e da Bigazzi. Al settimo posto finale ha fatto seguito il trionfo commerciale, con oltre mezzo milione di copie vendute. Successo replicato nell’anno successivo con Io domani, che le ha consentito di vincere il Festivalbar a pari merito con Mia Martini. Il 1974 è stato invece l’anno di Nessuno mai, un pezzo abbastanza inconsueto nel panorama musicale tricolore, con forti venature dance, in un momento in cui la classica melodia all’italiana stava lasciando il campo alla musica d’autore dei vari Guccini, De Gregori e De Andrè. Proprio questo è stato l’apice del suo successo, anche perché negli anni successivi Marcella Bella ha deciso di virare verso forme meno tradizionali, che hanno stentato a incontrare il gusto del grande pubblico e di dedicarsi anche alla famiglia, dopo essersi sposata con il finanziere Mario Merello, da cui ha avuto due figli. Una parziale eccezione è stata comunque rappresentata da Nell’aria, pezzo del 1983 scritto da Mogol, capace di raggiungere di nuovo le vette delle classifiche e riproporre il nome di un’artista comunque ancora molto popolare. La sua carriera è stata anche costellata dalla clamorosa inimicizia con Donatella Rettore, sulla quale è tornata durante un’intervista rilasciata a Tgcom, in cui ha attaccato pesantemente la collega. Le origini della reciproca antipatia risalgono al Festival di Sanremo del 1986, quando la cantante veneta litigò in maniera estremamente pesante anche con Loredana Bertè. Marcella Bella ha anche provato la strada della politica, presentandosi nel 2004 nella fila di Alleanza Nazionale, per poi decidere di abbandonarla dichiarandosi delusa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori