GIANCARLO BIGAZZI/ Una serata Bella… per te: ascolti, il ricordo di Marco Masini e i grandi successi ottenuti insieme

- La Redazione

Giancarlo Bigazzi, Una serata Bella… per te, Bigazzi! Grandi artisti che hanno preso parte alla serata tra i quali: Anna Tatangelo, Annalisa, Marco Masini e Umberto Tozzi

umberto-tozzi
Umberto Tozzi - Facebook

Ieri sera è andato in onda l’evento ‘‘Una serata bella per te… Bigazzi’‘che ha voluto ricordare la scomparsa di un grandissimo maestro che ha scritto la storia della nostra musica italiana. Tra le tante collaborazioni ce n’è stata una importantissima con Marco Masini per il quale ha scritto pezzi importanti nei primi anni novanta da ”Malinconoia”, ”Cenerentola innamorata”, ”Ti vorrei”, ”Il niente” scritte a quattro mani con il cantante toscano. Dopo alcuni anni di pausa i due tornarono a lavorare nel 1995 con uno dei più grandi successi di Masini e cioè ”Bella s…”. Ovviamente tra i presenti all’evento c’era anche Marco Masini che ha ricordato il suo addio.

“Una serata bella per te… Bigazzi!” lo show-evento andato in onda ieri sera su Rete 4 non può certo definirsi un grande successo: lo spettacolo con Marcella Bella e tanti altri artisti che hanno voluto rendere omaggio all’autore di successi come “Rose rosse” e “Montagne verdi” si è infatti fermato al 5.37% di share, incollando davanti al televisore solo 941.000. Molto meglio era andata l’anno scorso in questo stesso periodo allo show dedicato a Gianni Bella: il concerto era infatti stato seguito da 2.418.000 spettatori, raggiungendo l’11.8% di share.

Una serata Bella… Per te, Bigazzi è l’evento in prima serata che ha emozionato e commosso tutti i telespettatori di Rete 4. Lo spettacolo, che ha ospitato moltissime voci del panorama musicale italiano, ha proiettato le sue note anche sui social network, dove il ricordo del celebre autore ha commosso un po’ tutti. Ecco alcuni commenti apparsi su Twitter: “#UnaSerataBellaPerTeBigazzi Come ha fatto a scrivere così tante canzoni? Sono impressionata. Praticamente mezzo secolo di musica italiana”, “Queste sono le canzoni che hanno fatto crescere e sognare tante di noi ragazze, donne, mamme… #UnaSerataBellaPerTeBigazzi”. E poi un commento sulle fasi conclusive dello show, che ha sottolineato ancora una volta il successo del grande compositore: “#UnaSerataBellaPerTeBigazzi Sono veramente bellissime questi eventi di @rete4 e stasera finisce tutto in GLORIA”. La serata, che ha ripercorso i successi più belli di Giancarlo Bigazzi, ha visto sfilare sul palco del Teatro Dal Verme di Milano alcuni dei più grandi artisti del panorama musicale italiano, i quali hanno reso omaggio al celebre autore con le stesse note che lo hanno portato al successo. Anna Tatangelo, Annalisa, Marco Masini sono solo alcuni dei grandi nomi che si sono esibiti per l’occasione. In particolare, ricordiamo la partecipazione straordinaria di Umberto Tozzi, che ha festeggiato i quarant’anni di carriera cantando i brani che gli hanno regalato il successo e ricordando il suo amico e compositore scomparso.  Il cantante, inoltre, è stato premiato da Rete 4 con un trofeo per la sua lunga carriera piena di successi. Fra le esibizioni più importanti non possiamo non ricordare quella di Aleandro Baldi, lanciato proprio da Bigazzi negli anni ’90, che in serata ha duettato con Anna Tatangelo sulle note di ‘Non amarmi’, uno dei suoi più grandi successi. Madrina della serata, una scatenatissima Marcella Bella, che abbiamo visto commuoversi nel ricordo di mia Martini e duettare con Umberto Tozzi nel popolare brano dal titolo ‘Gloria’. E proprio la gloria è stata la grande protagonista della serata celebrativa, nella quale la musica ha fatto da filo conduttore fino a ricostruire anni e anni di successi che hanno segnato la in maniera indelebile la storia della musica italiana. Gli artisti che hanno preso parte alla serata, ricordando il celebre autore con i suoi successi più belli, sono stati accompagnati da un’orchestra composta da venti elementi e diretta dal Maestro Adriano Pennino. Una serata bella, per tenere vivo il ricordo di un grande artista che resterà ancora a lungo nelle note della sua musica.

A ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’ giunge un rvm da parte di Claudio Amendola e Paolo Ruffini, pronti a celebrare la carriera del celebre autore toscano. Subito dopo, il giovanissimo Emanuele Fasano sale sul palco per esibirsi al pianoforte. Le note di ‘Ti amo’ e ‘Non amarmi’ risuonano ancora una volta per tutto lo studio, ma stavolta provengono dai tasti del piano. Il musicista, dopo un breve periodo in conservatorio, ha scelto di continuare il suo percorso da autodidatta. Dopo di lui, fanno il loro ingresso Marcella Bella e Annalisa per duettare sulle note di ‘Eternità’. Alfonso Signorini accoglie sul palco Andrea Di Marco, l’eclettico artista che si esibisce con un cabaret musicale che tiene conto dei successi di Bigazzi. Di Marco dà voce ai protagonisti delle canzoni e offre all’ascoltatore un nuovo punto di vista. In particolare, il comico ci spiega perché Lisa ha tagliato le sue trecce, poi interpreta una nuova versione di ‘Montagne verdi’.  – Giuseppe Gabbani torna sul palco di ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’ per esibirsi nel celebre brano ‘Cosa resterà di questi anni ’80’, composto dalla penna del celebre autore toscano. Rosita Celentano spiega che Bigazzi, nella sua carriera, ha dato molto a tutti i campi della musica, anche quella Dance. Per celebrare anche questo aspetto del compositore entra in studio Emma Morton e si esibisce con il brano Self Control. Dopo di lei, fa il suo ingresso un altro numero uno, Gaetano Curreri, che con gli Stadio ha vinto a Sanremo 2016 il primo posto sul podio, ma anche il prestigioso premio Bigazzi. Curreri, accompagnato dalle note del pianoforte, si esibisce cantando ‘…E mi alzo sui pedali’. Dopo di lui, Simona Molinari canta ‘Luglio’. La serata si conclude con un nuovo duetto, quello di Marcella Bella e Umberto Tozzi, che cantano uno dei pezzi più celebri di Bigazzi: ‘Gloria’. Ma prima di chiudere, Gianna Bigazzi riceve il prestigioso premio di Rete 4, perché tutti gli italiani, almeno una volta, hanno gioito con le canzoni di suo marito.

Nel corso di ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’, anche Ron affida a un rvm il suo pensiero per celebrare il ricordo dell’autore scomparso. Subito dopo, un video mostra l’esibizione di Renato Zero intento a cantare il celebre brano di Bigazzi dal titolo ‘Un’apertura d’ali’. E proprio per cantare questo pezzo dal vivo, fa il suo ingresso sul palco Simona Molinari. Dopo di lei, Alfonso Signorini accoglie sul pubblico Giuseppe Gabbani, pronto a cantare ‘Ti pretendo’, il celebre brano composto da Bigazzi e portato al successo da Raf. A seguire, Marcella Bella torna sul palco dello show per cantare un medley in onore del celebre autore. La cantante, però, ci tiene a fare una precisazione: alcune canzoni sono state scritte da Bigazzi e da Gianni Bella. Fra queste possiamo ascoltare anche ‘Montagne verdi’. – Continua il medley di canzoni a ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’. Subito dopo, attraverso un rvm, giunge anche il commovente ricordo di Massimo Ranieri. Questo è il messaggio con il quale il celebre cantante parla del suo grande amico e autore: “Non finirò mai di ringraziarlo per ciò che mi ha dato, se sono arrivato fino a qui è anche grazie a lui”. Arriva il momento di accogliere sul palco, nuovamente, Anna Tatangelo, che questa volta non è da sola. Con lei, infatti, fa il suo ingresso Aleandro Baldi, pronto a duettare sulle note di uno dei suoi più grandi successi: ‘Non amarmi’. Subito dopo, Alfonso signorini mostra un video nel quale vediamo una piccola Anna Tatangelo intenta a cantare ‘Non amarmi’ al Karaoke. Poi si passa alla carriera di Aleandro Baldi, che ha preso il via proprio grazie al contributo di Bigazzi. Il cantante, subito dopo, porta sul palco un altro brano di grande successo scritto dal celebre paroliere: ‘Passerà’.

A ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’, si parla della carriera di Marco Masini, soprattutto dei testi che hanno reso celebre il suo percorso. Un rvm mostra alcuni dei suoi successi: brani come ‘Perché lo fai’ e ‘Disperato’, cantata con Fiorello. Dopo di lui, Umberto Tozzi torna ancora una volta sul palco con un medley. Si esibisce cantando ‘Io camminerò’, ‘Donna amante mia’, ‘Tu’ e ‘Ti amo’. Su queste ultime due canzoni in particolare, il pubblico si scatena cantando come non mai, segno del grande successo di questi brani e del loro autore. Umberto Tozzi, subito dopo, riceve un trofeo che Rete 4 ha preparato per i suoi quarant’anni di carriera. Dopo di lui, arriva il momento di accogliere sul palco uno degli ospiti più attesi della serata, Anna Tatangelo, pronta a cantare ‘Erba di Casa mia’, un brano che valse a Massimo Ranieri la vittoria a Canzonissima.   – Nel corso di ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’, anche Ron affida il suo ricordo del celebre autore toscano a un rvm . La serata, poi, prosegue con Mario Tessuto, che si esibisce cantando il suo famoso brano ‘Lisa dagli occhi blu’. Scopriamo che Lisa, in realtà, era la nonna del compositore e proprio per lei è stata scritta questa canzone. Si prosegue con un video che mostra gli altri pezzi che hanno reso celebre Giancarlo Bigazzi, fra questi ritroviamo anche ‘Rose Rosse’. Marcella Bella, madrina della serata, torna sul palco per esibirsi ancora una volta. Stavolta canta Fa Chic, accompagnata dalla coreografia di un corpo di ballo. Subito dopo, arriva in studio la telefonata di Claudia Mori, che saluta con affetto Marcella Bella e Alfonso signorini. La Mori, spiega Signorini, ha interpretato un brano di Bigazzi molto famoso dal titolo ‘Non succederà più’. Fra le parole della cantante, anche il ricordo del celebre autore e amico scomparso. Per interpretare la canzone, sale sul palco Annalisa.

Su Rete 4 anche Enrico Ruggeri, con un rvm, lascia il suo ricordo a ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’. Dopo di lui, entra nuovamente sul palco Marcella Bella per cantare ‘Gli uomini non cambiano’, celebre brano che valse a Giancarlo Bigazzi il premio della critica. L’esibizione è da standing ovation e la cantante, ricordando Mia Martini, si commuove. Con un grande applauso, intanto, sale sul palco Gianna Bigazzi, moglie del protagonista di questa serata. Per lei una lettera inedita piena di parole d’amore e di ringraziamento che Bigazzi scrisse poco prima di morire. Subito dopo, sale sul palco Marco Masini, pronto a omaggiare il celebre compositore con il brano ‘Ci vorrebbe il mare’. Mentre canta, Masini si accompagna al pianoforte, regalando note piene di passione e di carattere come solo lui può fare. Tutto il pubblico, infatti, lo acclama con un applauso pieno di affetto ed entusiasmo.

Ha preso il via ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’, che inizia con le parole di Giuseppe Cederna e con un ricordo del celebre film Mediterraneo di Gabriele Salvatores. Alfonso Signorini e Rosita Celentano accolgono il pubblico di rete 4 per la serata dedicata a questo grande autore, una personalità molto complessa che riusciva, con il suo estro, a comporre brani incredibili, capaci di trattare argomenti forti, di denuncia, ma anche leggeri. Si definiva un ‘sarto’ e amava restare dietro le quinte ma, nonostante tutto, riusciva a non passare inosservato. Raf e Umberto Tozzi sono i due pupilli di Bigazzi. E proprio per ricordare questi tre grandi artisti, Gaetano Curreri degli Stadio e Marcella Bella fanno il loro ingresso per cantare ‘Gente di mare’. “Lui ti parlava con gli occhi”, spiega Curreri. Subito dopo arriva il momento di ascoltare il brano successivo: è ‘T’innamorerai’ di Marco Masini, cantato da Annalisa.  – A ‘Una serata Bella… per te, Bigazzi!’, arriva uno dei momenti più importanti della serata, quello di un artista che, oltre ad essere molto legato a Giancarlo Bigazzi, stasera festeggia quarant’anni della sua carriera: entra in studio Umberto Tozzi. Tozzi era un chitarrista, nel suo percorso musicale ha lavorato con grandi nomi della musica italiana, ma inizialmente, non aveva alcuna intenzione di cantare. “Fui accolto da Gianna e da tutta la sua meravigliosa famiglia”, dice il cantante, poi, parlando di Bigazzi, aggiunge: “Sono quelle energie che non sono facili da incontrare, nella vita e nella musica”. Un video mostra i principali successi di Umberto Tozzi, fra questi vi è il celebre brano ‘Gli altri siamo noi’. Sul palco, subito dopo, fa il suo ingresso Deborah Iurato, che si esibisce cantando ‘Se bruciasse la città’. 

La rete Mediaset guidata da Sebastiano Lombardi torna a stupire il suo pubblico con un altra serata-evento: stasera, martedì 14 giugno 2016, a partire dalle 21.15 andrà in scena Una serata Bella… per te, Bigazzi, dedicata al grande Giancarlo Bigazzi, compositore e famosissimo paroliere originario di Firenze, che si è spento il 19 gennaio 2012. Portano la sua firma moltissimi successi con Rose Rosse, interpretata da Massimo Ranieri nel 1969, ma anche Lisa dagli occhi blu (Mario Tessuto, 1969), Montagne Verdi (Marcella, 1972), Gli uomini non cambiano (1992), Si può dare di più (1987) e Gente di mare (1987). L’appuntamento è stato registrato al Teatro del Verme di Milano, e per rendere omaggio al grande talento di Bigazzi sono intervenuti sul palcoscenico diversi artisti che hanno fatto la storia della musica italiana: a condurre, la coppia ormai consolidata composta da Alfonso Signorini e Rosita Celentano. L’intro della serata è stata curata sa Giuseppe Cederna, che porterà in scena la colonna sonora, realizzata da Bigazzi nel 1991, del film “Mediterraneo”, che ha vinto il Premio Oscar. In occasione della serata speciale La Nazione ha intervistato la moglie Gianni Bigazzi che ha parlato dei numerosi successi del marito dei veri e propri “evergreen”: “Mi chiedo perché alcuni cantanti che con Bigazzi erano sempre in vetta alle classifiche, oggi vivono ancora di quei trionfi. Pensa a Tozzi: perché praticamente non ha avuto più successo da quel periodo? Semplicemente perché anche lui deve a Giancarlo Bigazzi tutta la sua carriera.. La firma di Giancarlo qualcosa vorrà pure dire, no?”. Parole dure rivolte verso Raf, che non sarà in trasmissione, ma che deve alcuni dei suoi più grandi successi proprio a Bigazzi: “Sono stata io a non volerlo in trasmissione. Aveva chiesto una cifra allucinante, faceva troppo il prezioso e per giunta aveva troppe pretese: siccome deve la sua vita professionale e non solo a Giancarlo Bigazzi, ho deciso io di farne a meno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori