LO CHIAMAVANO TRINITÀ/ Bud Spencer su Canale 5: diretta streaming e trailer del film cult

- La Redazione

Lo chiamavano Trinità, il film in onda su Canale 5 oggi, giovedì 30 giugno 2016. Nel cast: Bud Spencer e Terence Hill, alla regia E.B.Clutcher. La trama del film nel dettaglio

Foto-Mediaset_new
film

Uno dei film cult del genere Spaghetti Wester andrà in onda questa sera su Canale 5 per la gioia del genere e, soprattutto, di Bud Spencer. L’attore, morto nei giorni scorsi, sarà protagonista della pellicola insieme a Terence Hill. I due saranno il braccio destro e sinistro di Dio in uno dei film più amati della coppia. Nel trailer, che potete vedere qui, ci sono solo alcune delle botte che vedremo dare questa sera ai loro nemici. Tra proiettili, polvere e pugni, le risate non mancheranno. La pellicola sarà disponibile anche in streaming nella sezione dedicata del sito Mediaset previa registrazione e login, cliccando qui

Va in onda questa sera il film ”Lo chiamavano Trinità” che sicuramente è un bel manifesto per ricordare il compianto Bud Spencer, scomparso da pochi giorni e di cui sono stati celebrati oggi i funerali. La pellicola del 1970 è stata diretta da E.B.Clucher. Il regista segue uno dei clichè del periodo e cioè quello di americanizzare il suo nome Enzo Barboni come fece proprio lo stesso Bud Spencer al secolo Carlo Pedersoli. Il regista era all’opera seconda con questo film prima aveva diretto Ciakmull – L’uomo della vendetta. Fu regista anche del secondo capitolo “… continuavano a chiamarlo Trinità” e del terzo “… E poi lo chiamarono il Magnifico”. Negli anni successivi diresse altri film con Bud Spencer da ”Anche gli angeli mangiano fagioli” ad “Anche gli angeli tirano di destro” fino a “I due superpiedi quasi piatti”.

È il primo film di una trilogia completata da “Continuavano a chiamarlo Trinità” (1971) e “…E poi lo chiamarono il magnifico” (1972). L’immagine più iconica del film, tanto che venne usata anche per le locandine, è quella di Terence Hill che sta sdraiato nella lettiga trainata dal suo cavallo. Questa lettiga prende il nome di travois e veniva usata dagli indiani d’America. Trinità, per via della sua abilità con la pistola viene chiamato “la mano destra del Diavolo”. Bambino, suo fratello, viene definito “la mano sinistra del Diavolo”. Le due versioni del film, da 106 e 166 minuti, differiscono nella scena in cui due ragazze dei mormoni cercano di convincere Trinità a restare con loro leggendogli dei passi della Bibbia. Questa scena è stata tagliata nella versione inglese, che si intitola “They call me Trinity”. La pistola che usa Trinità nel tema musicale viene detta una Colt 45, in realtà si tratta di una Colt del 1851 calibro 36 Griswold & Gunnison. Inizialmente gli attori che dovevano interpretare Trinità e Bambino dovevano essere Peter Martell e George Eastman. Poi furono gli stessi Hill e Spencer a proporsi al regista per quei due ruoli. Le riprese del film si sono svolte interamente in Italia, e più precisamente nel Lazio, tra Campo Imperatore e Camerata Nuova. Terence Hill girò la scena in cui Trinità mangia un’intera padella di fagioli dopo aver digiunato per 24 ore, secondo altri il digiuno era durato ben 48 ore. 

Lo chiamavano Trinità è il film in onda su Canale 5 oggi, giovedì 30 giugno 2016 alle ore 21.10. la pellicola western Lo chiamavano Trinità è stata diretta da E.B.Clutcher, con Bud Spencer e Terence Hill. Il film è stato girato nel 1970 e con il tempo è diventato un cult del genere spaghetti western all’interno del quale viene annoverato. Del cast fanno parte, oltre a Spencer e Hill, che interpretano rispettivamente Bambino e Trinità, Farley Granger (il maggiore Harriman), Steffen Zacharias (Jonathan Swift), Dan Sturkie (Tobia) e Gisela Hahn (Sarah). La colonna sonora è di Franco Micalizzi, ma la canzone che apre e chiude il film che dura 106 minuti nella versione ridotta e 116 in quella estesa, è stata scritta da Lally Stott. Nell’anno in cui uscì nelle sale cinematografiche prodotto da Italo Zingarelli, Lo chiamavano trinità, fu secondo campione d’incassi in Italia dopo Per grazia ricevuta, con Nino Manfredi. In seguito, ogni volta che è stato riproposto in televisione, ha fatto sempre registrare degli ascolti molto elevati, nonostante i ripetuti passaggi.

Trinità è un pistolero abile e temuto, ma allo stesso tempo pigro e svogliato, se ne va in giro in lungo e in largo per il west facendosi trascinare dal suo cavallo all’interno di una slitta. Decide di andare a trovare suo fratello, un omaccione grande e grosso che gli somiglia molto poco e che tutti chiamano Bambino. Con stupore scopre che il fratello è diventato lo sceriffo di un piccolo villaggio, dove deve vedersela con le angherie e i soprusi del maggiore Harriman. Questi è particolarmente accanito contro una comunità di mormoni che abita poco distante, in una vallata ideale per pascolare i cavalli. Trinità si invaghisce di una delle ragazze della comunità e decide di aiutare suo fratello a difendere i mormoni. In realtà però Bambino non è affatto lo sceriffo, ma ha solo rubato la stella di latta al vero sceriffo. Sta solo aspettando che i due suoi complici, con i quali in passato ha commesso scorribande e ruberie, lo raggiungano per poi scappare verso la California, possibilmente con un nutrito bottino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori