IL MARCHESE DEL GRILLO/ Le curiosità sul film con Alberto Sordi e Paolo Stoppa

Il marchese del Grillo, il film in onda su iris oggi, sabato 16 luglio 2016. Nel cast: Alberto Sordi e Paolo Stoppa, alla regia Mario Monicelli. La trama del film nel dettaglio.

16.07.2016 - La Redazione
iris_logo
film prima serata

Il marchese del Grillo, è il film che andrà in onda su Iris oggi, sabato 16 luglio 2016. Tra le curiosità di questa pellicola che è stata diretta da Monicelli, si può dire ha ricevuto moltissimi premi, due David di Donatello per la sceneggiatura e i costumi, sette riconoscimenti Nastro D’Argento per Paolo Stoppa come miglior interprete non protagonista e un premio Orso D’Oro, consegnato alla regia durante il Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Inoltre, si può confermare che il marchese Onofrio del Grillo è realmente esistito alla Corte Pontificia del 1800. Tuttavia, il film non è ispirato alla vita reale dell’aristocratico, ma bensì ai diversi pettegolezzi e alle storie che giravano sul conto dell’eccentrico nobile romano.

È il film in onda su Iris oggi, sabato 16 luglio 2016 alle ore 21.00. Una commedia italiana del 1981 diretta da Mario Monicelli. Nel cast figurano, Alberto Sordi, Paolo Stoppa, Caroline Berg, Riccardo Billi, Isabella De Bernardi, Elisa Mainardi e Flavio Bucci. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

Il film è ambientato a Roma nel 1809 e vede come protagonista il nobile Onofrio del Grillo (Alberto Sordi), Duca di Bracciano e marchese della corte del Papa Pio VII (Paolo Stoppa). Il marchese del Grillo ha una personalità ribelle, molto diversa rispetto a quella degli altri membri della sua famiglia. Infatti, anzichè stare chiuso all’interno del suo palazzo, il marchese del Grillo ama passare il suo tempo girando tra osterie e bettole ed intrattenendosi clandestinamente in compagnia di belle popolane, tutto per ribellarsi alla sua autoritaria madre. Quando non è impegnato in qualche scorribanda in compagnia delle belle popolane, il marchese del Grillo si diverte e combinare scherzi ai danni degli aristocratici della città e della sua famiglia, composta da personalità famose dell’epoca, completamente estranee al mondo esterno. Quando viene scoperto si caccia in molti guai, ma, grazie alla sua spavalderia e al suo umorismo, il marchese riesce e comunque ad uscire vincente dalle improbabili situazioni in cui si trova. In molte occasioni, arriva addirittura ad invocare il nome del Papa per farsi scagionare, senza preoccuparsi delle conseguenze. Un giorno, il marchese incontra il suo sosia, un carbonaio con il vizio dell’alcol di nome Gasperino (Alberto Sordi). Particolarmente felice di questo incontro, il nobile convince il carbonaio ad affiancarlo nelle sue burle. Così, decide di organizzare uno scherzo alla sua famiglia ancora più estremo del solito, convince Gasperino a vestire i suoi panni e ad passare alcuni giorni a casa sua. Gasperino accetta di vestire i panni del marchese, ma solo per qualche giorno. Tuttavia, il marchese si innamora di una ballerina francese e decide di scappare con questa a Parigi lasciando lo sventurato Gasperino in balia della sua famiglia. Nella capitale francese, secondo il Marchese, apprezzerebbero di più il suo modo di essere stravagante ed il suo modo di vivere fondato sulla nullafacenza. Fortunatamente per Gasperino, il governo di Napoleone cade e il piano del marchese va a monte. Così, riprende il posto di Gasperino e continua a vivere con il suo scapestrato atteggiamento, combinando burle ai danni di tutti i nobili della città. Un giorno però, Pio VII viene a sapere di tutte le beffe che il marchese ha architettato ai danni della sua famiglia aristocratica e agli altri nobili del paese, e decide di condannarlo alla pena di morte tramite ghigliottina. Alla fine però, il Papa Pio VII, si fa convincere dalle suppliche dell’uomo e decide di dargli la grazia. Inoltre, il Papa permette al Marchese del Grillo di riprendere il suo posto alla Corte Pontificia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori