VIVERE E MORIRE A LOS ANGELES/ Su Rai Movie il film di William Friedkin con William Petersen. Trailer e diretta streaming

- La Redazione

Rai Movie stasera trasmette il film “Vivere e morire a Los Angeles”, diretto da William Friedkin e interpretato da un semi-sconosciuto William Petersen, protagonista di CSI

logo_raiuno_28062016
Il film è in onda su Rai Movie in seconda serata

?Vivere e morire a Los Angeles? è un film poliziesco del 1985 che andrà in onda su Rai Movie oggi, martedì 16 Agosto alle ore 21:10. Il trailer apre mostrandoci un giovane falsario di banconote all’opera: il suo lavoro, seppure illegale e deprecabile, appare affascinante e meticoloso. Alla fine del suo intervento, i dollari da lui prodotti sono davvero identici agli originali. Quando fa partire le rotative, appare subito evidente come stia per immettere nel mercato statunitense una quantità di denaro falso in grado di far precipitare l’economia del Paese. Il nome di questo artista del crimine Eric ?Rick? Masters: vero e proprio genio della truffa, è uno degli uomini più ricercati dalle forze dell’ordine americane. Chiunque preferisse vedere il film in diretta streaming potrà farlo collegandosi al sito di Rai.tv, cliccando qui. Ecco il trailer della pellicola.

Rai Movie stasera trasmette il film “Vivere e morire a Los Angeles”, diretto da William Friedkin e interpretato da un semi-sconosciuto William Petersen, che quindici anni dopo avrebbe cominciato la lunga avventura la serie che lo ha reso famosissimo, ossia “CSI”. La storia inizia con due agenti federali che rappresentano il futuro e il passato della polizia: il primo infatti è un giovane entrato in servizio da pochi anni, mentre il secondo è letteralmente alle soglie della pensione, visto che per questo traguardo gli mancano soltanto settantadue ore di servizio. Tuttavia quest’ultimo è talmente ligio al dovere da non voler passare gli ultimi giorni dietro una scrivania e quindi è da tempo impegnato insieme al proprio collega nella caccia adun falsario che sembra in grado di sfuggire perennemente alla polizia e a chiunque gli dia la caccia. 

Una mattina, siamo all’alba di un nuovo giorno, i due hanno una soffiata e quindi quello alle soglie della pensione avendo modo di andarci prima del collega si reca nel luogo che dovrebbe essere il nascondiglio di Eric Master, questo il nome dell’uomo a cui danno la caccia, nonché luogo dove si producono i soldi falsi. Appena arrivato trova un sacchettino, lo apre e vi trova tantissime banconote contraffatte. A questo punto si palesa Masters, che senza esitazione alcuna lo fredda.

Il giovane collega, che scopriamo chiamarci Richard, rimane sconvolto dalla morte dell’uomo che ha sempre considerato come un mentore e come un secondo padre e quindi è deciso a tutto pur di vendicarne la tragica scomparsa. Quindi, affiancato da Vukovic, il suo nuovo collega, inizia una vera e propria caccia senza quartiere contro Master. In diverse circostanze rischia la vita perché Master è davvero astuto e può contare anche su un avvocato di prim’ordine. Ad un certo punto Richard si rende conto che utilizzare i normali canali per cercare di ottenere giustizia non lo porterà da nessuna parte e quindi decide di coinvolgere nella propria personale vendetta sia un’informatrice della polizia che scopriamo aver avuto anche una fugace relazione con lui e Cody, che è un uomo rientrante nel novero della microcriminalità e che il falsario vorrebbe vedere morto perché ritiene lo abbia raggirato.

Richard e il suo giovane collega ancora alle prime armi devono arrivare a oltrepassare i confini della legge per riuscire ad arrivare a Master e tra le varie azioni illegali che commettono vi è quella di rapinare quello che hanno individuato come il corriere del falsario. Quest’azione è fatta appositamente per far fare a Masters il tipico passo avventato, cosa che alla fine avviene. Lo scontro finale tra Richard e l’uomo che ha ucciso il suo mentore avviene dove tutta la vicenda era iniziata, ovvero nel covo adibito a stamperia. Alla fine, dopo una furiosa lotta va tutto a fuoco e muoiono entrambi. L’unico a uscire vivo dalla carneficina è il giovane collega di Richard, che da questa esperienza capirà molto su se stesso e si renderà conto di avere dentro di sé un coraggio che non riteneva appartenesse alla sua personalità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori