INGA LINDSTROM – CUORE DI GHIACCIO/ Su Canale 5 il film con Carin Tietze. Diretta streaming e una scena tratta dalla pellicola (oggi 27 agosto 2016)

Stasera su Canale 5 va in onda in prima tv il film Inga Lindstrom – Cuore di ghiaccio. Vediamo la trama di questa pellicola tratta da un racconto della scrittrice tedesca

27.08.2016 - La Redazione
Foto-Mediaset_new
film

Questa sera Canale 5 propone il film Inga Lindstrom – Cuore di ghiaccio, che fa parte della serie di pellicole realizzate appositamente per la tv basate sugli scritti di Inga Lindstrom, nome dietro a cui si nasconde Christiane Sadlo, sceneggiatrice tedesca nata a Ravensburg nel 1954. Tra gli attori protagonisti del film di stasera troviamo Jeremias Meyer, Clara Gerst, Carin Tietze, Meira Durand, Philippe Brennikmeyer e Markus Kunfken. Giusto per avere un’idea di quello che ci aspetta sintonizzandoci sull’ammiraglia di Mediaset, cliccando qui è possibile vedere una scena del film, anche se purtroppo in lingua originale. In ogni caso ci dà modo di vedere i volti dei protagonisti principali del film. Chi lo desideri può anche vedere il film in diretta streaming sul sito di Mediaset effettuando il login qui.

Stasera su Canale 5 va in onda in prima tv il film “Inga Lindstrom – Cuore di ghiaccio”. Come si evince dal titolo, il film appartiene al filone narrativo sceneggiato da Inga Lindstörm, pseudonimo dell’autrice tedesca Christiane Sadlo. Il regista di ?Cuore di ghiaccio? è Martin Gies, mentre tra i membri del cast annoveriamo Carin C. Tietze, Philippe Brenninkmeye, Markus Knüfken, Meira Durand, Clara Gerst, Tina Bordihn, Jeremias Meyer, Sina Wilke, Lars Pape e Jamie Bick. Diamo uno sguardo alla trama della pellicola. Kristian Norden è un posato e freddo professionista che è rimasto vedovo da molti anni: da allora Svenya, la sua unica figlia adolescente, studia in un collegio rinomato collocato, però, molto lontano da casa. La ragazzina viene seguita da lontano dal braccio destro del suo algido padre: è con lui che ha un rapporto confidenziale e affettivo. Con il suo genitore biologico, invece, non c’è nessuna forma di comunicazione, né di tenerezza.

Svenya finge spesso di essere felice e spensierata, ma soffre in modo profondo tanto per la perdita della madre (senza averla mai conosciuta), quanto per la gelida personalità di suo padre.

Eva Sellgren, invece, è una neo-divorziata che si impegna in modo molto deciso per far funzionare le cose. La donna, infatti, ha due figli: Rasmus, un ragazzino scatenato e davvero molto impertinente, e Lisa, studentessa universitaria che ogni tanto torna a trovare la sua sgangherata e divertente famiglia. Purtroppo la Eva riceve una pessima notizia: il terreno dove sorge il chiosco che gestisce e che garantisce la sussistenza a lei e ai suoi figli è stato venduto in modo improvviso. Nel giro di pochi giorni l’edificio verrà demolito per permettere all’acquirente di dare avvio ai lavori necessari per costruire un albergo di lusso.

La nostra Eva, ovviamente, è sconvolta da questo fulmine a ciel sereno, sale in bicicletta e non presta attenzione alla strada: a causa della sua sbadataggine viene investita dall’auto del Signor Norden. Fortunatamente, la donna ha solo una brutta caduta, senza riportare conseguenze rilevanti. I due si scambiano soltanto un paio di parole: nonostante il tempo passato assieme sia davvero poco, i due vengono colpiti l’uno dall’altra.

Sull’orlo della disperazione, Eva si impegna per trovare un nuovo lavoro: per fortuna scopre che il Signor Norden stia cercando una governante per prendersi cura della sua vasta e lussuosa dimora. Nonostante l’uomo desideri una domestica senza famiglia, la nostra protagonista ha più di una freccia al suo arco. Un vecchio detto recita che la chiave per il cuore di un uomo passa per la sua gola: Eva è una cuoca provetta, in grado di cucinare pietanze davvero squisite. Non appena il nostro glaciale uomo d’affari assaggia uno dei suoi manicaretti si risolve ad assumerla in pianta stabile.

Nel frattempo, la piccola Svenya vive una situazione piuttosto difficile all’interno del suo collegio: la scuola è scossa da un focolaio di un’influenza davvero molto grave. L’istituto viene messo in quarantena e gli studenti devono tornare a casa dalle loro rispettive famiglie. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori