Faccio un salto all’Avana/ Su Rete 4 il film con Francesco Pannofino. Trailer e diretta streaming

Faccio un salto all’Avana, il film in onda su Rete 4 oggi, lunedì 29 agosto 2016. Nel cast: Enrico Brignano e Francesco Pannofino, alla regia Dario Baldi. La trama del film nel dettaglio.

29.08.2016 - La Redazione
Foto-Mediaset_new
film

?Faccio un salto all’Avana? è una commedia italiana del 2011 interpretata da Enrico Brignano e da Francesco Pannofino. La sua trasmissione avrà luogo su Rete 4 alle ore 21.15 di oggi, lunedì 29 Agosto. Il trailer ci presenta un giovane romano estremamente posato che parte alla volta di Cuba alla ricerca del suo estroso ed esuberante fratello. La bellezza dell’Avana, almeno in una prima fase, lascia indifferente il nostro protagonista: l’uomo, infatti, deve cercare di riportare a Roma il fuggitivo, padre di due turbolente gemelline. Piano piano, però, lo spirito caraibico riuscirà a far breccia nel suo coriaceo senso del dovere. Se preferite potrete vedere il film in diretta streaming sul sito di Mediaset effettuando il login qui.

Faccio un salto all’avana è il film che verrà trasmesso su Rete 4 oggi, lunedì 29 agosto 2016, in prima serata. Una commedia diretta da Dario Baldi nel 2011, su un soggetto che è stato scritto da Enrico e Carlo Vanzina, con la sceneggiatura realizzata da Lorenzo De Marinis e Massimiliano Orfei. L’azienda di produzione che si è occupata anche della distribuzione in Italia è la Medusa Film, mentre la fotografia è stata sviluppata da Vittorio Omodei su un montaggio effettuato da Alessio Doglione. Le musiche che caratterizzano il film e la colonna sonora scritte e composte da Alessandro Forti e Francesco De Luca. La pellicola è stata realizzata in Italia e ha la durata di 108 minuti nella sua intera versione. I due protagonisti del film sono Francesco Pannofino e Enrico Brignano, il primo è l’attore doppiatore e direttore del doppiaggio italiano, nato nel novembre del 1958. Pannofino è noto al grande pubblico per aver prestato voce a George Clooney, Denzel Washington, Kurt Russel, Antonio Banderas, Mickey Rourke, Tom Hanks, Jean-Claude Van Damme e Wesley Snipes. Enrico Brignano è un comico, attore, regista e conduttore televisivo italiano, nato a Roma nel 1966 e di origini siciliane ed abruzzesi. Cresciuto nell’Accademia per giovani comici creata da Gigi Proietti e partecipa come comico nella prima edizione di La sai l’ultima? Ne ’92 è ospite della prima edizione del programma Scherzi a parte che fu condotto da Teo Teocoli e Gene Gnocchi. Ha fatto parte nella serie tv Un medico in famiglia dal ’98 al 2000 che gli ha dato la possibilità di essere apprezzato e seguito a teatro con molto interesse. 

Faccio un salto all’Avana è il film in onda su Rete 4 oggi, lunedì 29 agosto 2016 alle ore 21:10. Una commedia di cinque anni fa che vede come attori rincipali Enrico Brignano e Francesco Pannofino, dietro la macchina da presa troviamo Dario Baldi e tra gli altri volti presenti che bisogna citare vi sono Virginia Raffaele e Antonio Cornacchione. Il film è adatto a tutti e ha una durata di 108 minuti. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

I protagonisti sono due fratelli che non potrebbero essere caratterialmente più distanti. Abbiamo Fedele, che è persona dall’ottimo carattere, tutto casa e famiglia. Poi abbiamo Vittorio, che invece non ha mai messo la testa a posto e che pur essendo padre di due gemelle, ha diverse avventure extraconiugali e non ha problemi a sfruttare gli altri. I due sono sposati con le figlie di un imprenditore benestante. Quest’ultimo è conosciuto come commendator Siniscalco, mentre le due figli si chiamano rispettivamente Ondina e Delfina. Dopo la presentazione di tutti i personaggi vediamo la macchina di Vittorio sul fondale di un corso d’acqua e dopo alcune vane ricerche l’uomo viene dichiarato ufficialmente deceduto. Tuttavia, dopo alcuni anni, per la precisione sei, si scopre che in realtà l’uomo è vivo e vegeto e vive a Cuba, precisamente a L’Avana. Il fratello decide quindi di andare nell’isola caraibica per cercare di convincerlo a tornare a casa, cercando di giocarsi la carta dell’importanza della famiglia che si è lasciato alle spalle. Tuttavia, dopo essere arrivato, non ci mette molto a scoprire che il fratello lì è noto con il soprannome di “El Tiburon” e che inoltre è conosciuto come ideatore di piccoli raggiri verso i turisti, il tutto orchestrato di concerto con la sua attuale compagna, che scopriamo chiamarsi Almadedios. Fedele, arrivato sull’isola con le migliori intenzioni, finisce però con il restare totalmente ammaliato dall’isola e da tutto ciò che essa è in grado di offrire. Alla fine prende una decisione che mai avrebbe immaginato una volta arrivato sull’isola caraibica, ovvero quella di rimanerci in pianta stabile. La sua scelta è legata a due fattori, il sentimento d’amore che prova nei confronti della compagna del fratello, che gli dimostra di provare gli stessi sentimenti, e il ritorno in lui del desiderio di riuscire a diventare un cantante latino-melodico. I suoi sogni vengono però bruscamente interrotti quando la donna finisce con le manette ai polsi per una tentata estorsione con vittima designata un turista straniero, da cui voleva dei soldi per non pubblicare delle foto realizzate da Vittorio. Come se non bastasse il commendator Siniscalco ha inviato il suo legale sull’isola per capire se sono vere le voci che gli sono giunte, che vogliono Vittorio vivo e vegeto. Non appena gli arriva la conferma dei propri sospetti, tramite il proprio legale informa Vittorio di non provare mai più a mettere piede in Italia e che dovrà abbandonare Cuba se non vuole finire anche lui in manette. Vittorio si trova quindi nella condizione, suo malgrado, di doversi recare in un’altra città e alla fine sceglie Ginevra. Tuttavia, prima di lasciare per sempre l’isola, saluta il fratello, che intanto ha scelto di cambiare del tutto vita e di rimanere a Cuba. Qui vi resterà con Almadedios, che nel frattempo ha recuperato la libertà. Con lei riuscirà finalmente a diventare padre, cosa che con la moglie non aveva mai avuto la possibilità di diventare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori