In ricchezza e povertà/ Su Iris il film con Tim Allen. Trailer e diretta streaming

In ricchezza e in povertà, il film in onda su Iris oggi, lunedì 29 agosto 2016. Nel cast: Tim Allen e Kirstie Alley, alla regia Bryan Spicer. Ma ecco la trama del film nel dettaglio.

29.08.2016 - La Redazione
iris_logo
film prima serata

?In ricchezza e in povertà? è una commedia statunitense del 1997 in cui spiccano i nomi di Tim Allen e Kirstie Alley. Questo film andrà in onda su Iris oggi, lunedì 29 Agosto alle 21.00. Il trailer ha inizio mostrandoci un ricco uomo d’affari che si imbatte per caso in un suo circospetto dipendente: l’impiegato è in evidente imbarazzo, ma il suo capo non coglie minimamente i segnali di tale disagio. Non sa che il suo sottoposto sta derubando la sua compagnia e che sta per fuggire senza lasciar traccia di sé con tutto il denaro aziendale. Invece di cercare di comprendere le motivazioni che portano l’impiegato a comportarsi in modo così strano, l’imprenditore gli parla di sciocchezze e di futilità. Il film potrà essere visto anche in diretta streaming sul sito di Mediaset effettuando il login qui.

In ricchezza e in povertà è il film che andrà in onda su Iris oggi, lunedì 29 agosto 2016, in prima serata. Una commedia del 1997 diretta da Brian Spycer, con la sceneggiatura di Steve Lukanic e Jana Howington. Il produttore della pellicola è Richard Baker e la fotografia è stata gestita da Thomas Del Ruth mentre il montaggio è stato realizzato da Debra Chiate con le musiche composte da Randy Edelman. Il film è stato prodotto negli Stati Uniti e la sua durata è pari a 115 minuti. Ad ottenere la parte del protagonista è stato Tim Allen, l’attore doppiatore e regista statunitense, noto al pubblico per il ruolo interpretato nella serie televisiva Quell’uragano di papà, ma anche per alcuni film della Disney cui Santa Clause e Toy Story, dove doppia Buzz Lightyear. L’inizio della sua carriera come cabarettista è stata una scommessa fatta con un suo amico partecipando ad una serata open-mic a Detroit, da li iniziò a partecipare i diversi show comici. Più avanti dopo essersi trasferito a Los Angeles entrò a far parte del The Comedy Store, dove iniziò a fare la sua vera carriera da cabarettista. Diventato invece famoso come attore grazie alla serie televisiva Quell’uragano di papà, e successivamente ha avuto ha avuto altri ruoli importi in altri film.

In ricchezza e in povertà è il film in onda su Iris oggi, lunedì 29 agosto 2016 alle ore 21:00. Una simpatica commedia del 1997 diretta da Bryan Spicer e prodotta negli Stati Uniti D’America, vede come come volti principali Tim Allen, Kirstie Alley, Jay O. Sanders e Michael Lerner. La sua durata è di poco meno di due ore. Ma vediamo la trama del film nel dettaglio. 

L’unione tra Brad e Caroline dura da un decennio. I due sono una benestante famiglia della Grande Mela che se visti da qualche sconosciuto o parente sembrerebbero la coppia perfetta. La realtà delle cose è però ben diversa, perchè i due non hanno più nessun sentimento d’amore l’uno nei confronti dell’altro e il loro matrimonio va avanti soltanto per comuni interessi di natura economica e affaristica. Poco prima di presentare all’opinione pubblica la loro ultima idea, consistente in un nuovo parco di divertimenti non esattamente di buon gusto, fanno una scoperta che li lascia basiti. Vengono infatti a sapere di dovere ben cinque milioni di dollari al fisco, per tasse non pagate, tutto questo è accaduto a causa di un commercialista che ha occultato volutamente la maggior parte dei loro guadagni. Marito e moglie decidono di scappare subito dalla metropoli e lo fanno rubando un taxi. Arrivati in un territorio di aperta campagna, il mezzo sbanda e i due finiscono dritti in un lago. Destino vuole che si ritrovino proprio nel territorio abitato da una delle ultime comunità Amish. Non sapendo cosa fare decidono di presentarsi come Jacob ed Emma Yodar, che scopriamo essere marito e moglie che dovevano arrivare da un altro stato e che erano lì attesi. Grazie a questo stratagemma per nulla onesto, si ritrovano ad essere accettati e inseriti nella comunità. Tuttavia la vita non è certo tutta rose e fiore per due come loro, cresciuti a New York e per nulla abituati ai lavori prettamente manuali e di campagna. All’inizio danno più volte dimostrazione di non sapere quasi dove mettere le mani, ma tuttavia con l’avanzare del tempo passato in comunità cominciano piano piano a capire come lavorare, a rendersi utili e molto lentamente a provare qualcosa l’uno per l’altro. Brad e Caroline finiscono con il sentirsi come non sentivano da tempo e quasi si stupiscono nel rendersi conto che quello che provano è un sentimento di felicità e che come se non bastasse siano riusciti a integrarsi in questa realtà così particolare. Tuttavia ii bei momenti sono destinati a finire perchè proprio mentre sono tra gli invitati di un matrimonio tra un giovane della comunità e una giovane di un’altra, ecco che arriva la polizia, che li cercava da tempo. Come se non bastasse fanno la loro comparsa anche i reali Jacob e Emma. Ovviamente gli Amish si sentono presi in giro e ovviamente accusano i due coniugi di averli ingannati. Tuttavia la coppia potrebbe gioire, visto che al processo riescono ad ottenere l’assoluzione piena, dovuta al fatto che i giudici hanno valutato che effettivamente tutta la responsabilità era del commercialista. Ora Brad e Caroline potrebbero anche tornare alla vita di ogni giorno, ma ci vuole poco per capire che sono tutto tranne che allettati da questa idea. Quindi, dopo diverse riflessioni, prendono la decisione di tornare dagli Amish per chiedere loro scusa. Questi ultimi però non sembrano averre alcuna intenzione di passar sopra a quanto accaduto. Il colpo di scena arriva però di lì a breve, perchè gli Amish fanno presente di aver subito compreso che c’era qualcosa che non andava e di aver scoperto in pochissimo tempo che loro non erano coloro che dicevano di essere. La storia si conclude con la coppia, finalmente felice, che fa progetti per il futuro e che spera di poter continuare a vivere in campagna e che comincia anche a pensare all’evenutalità di un figlio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori